“Saremo dei fuori legge e non sappiamo cosa lo Stato vorrà fare dei nostri figli. Le famiglie si stanno organizzando quasi clandestinamente”

Quando il prossimo 10 marzo i loro bambini saranno esclusi da scuole e asili nido perché non vaccinati, i genitori se li riporteranno a casa. I No vax non cedono alle costrizioni del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e a quello dell’Istruzione, Valeria Fedeli, e stanno già pensando a soluzioni alternative per i figli. O meglio, ad asili riservati a bambini non vaccinati. Luoghi segreti, conosciuti solo dai genitori che si sono organizzati per affittare i nuovi spazi per il loro bambini.

Nessuno infatti sa dove apriranno questi spazi alternativi dato che i No vax non vogliono uscire allo scoperto. “Saremo dei fuori legge e non sappiamo cosa lo Stato vorrà fare dei nostri figli”, ha dichiarato al Gazzettino Tony Pagliuca, veneziano, tastierista e compositore storico de ‘Le Orme’ che si era anche candidato per rappresentare il partito dei contrari ai vaccini in Parlamento. La sua, ha spiegato l’uomo, è una posizione free-vax che significa “libertà di scelta e libertà di informazione”.

“Chi ha deciso di non fare ai propri figli tutte le somministrazioni vaccinale si sta arrangiando come può. Le famiglie si stanno organizzando quasi clandestinamente con alternative. Hanno paura, il terrore che lo Stato sta mettendo nelle nostre famiglie talvolta dividendole”, ha raccontato Pagliuca.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/cronache/no-vax-asili-alternativi-i-bambini-non-vaccinati-1497448.html

GRAZIE DOTTOR HAMER - VOL. 1 + SEZIONE PANDEMIA COMPRESA —
Nuova edizione aggiornata, pandemia compresa
di Claudio Trupiano

Grazie Dottor Hamer - Vol. 1 + sezione pandemia compresa —

Nuova edizione aggiornata, pandemia compresa

di Claudio Trupiano

Un libro che presenta l'inevitabile il capovolgimento della metodologia utilizzata dalla scienza medica sinora.

Sono trascorsi diversi anni dalla prima edizione di questo libro, era il 2007

E’ passata abbastanza acqua sotto i ponti per provare a fare un primo consuntivo e continuare a credere nell’obiettivo che mi sono proposto. Sono alla settima edizione, aggiornata e corretta, di un lavoro che amo e che ha occupato molta parte della mia vita. E’ stato un percorso entusiasmante in continua evoluzione.

La condivisione dello studio delle Leggi Biologiche insieme ad altri compagni di viaggio (medici, psicologi e specialisti in vari settori della cura della persona) ha contribuito, da una parte a verificare continuamente la scientificità delle scoperte del dr. Hamer, dall’altra a integrare con continui approfondimenti la connessione mente-corpo. Per questo ringrazio di cuore tutti coloro che hanno contribuito a questa crescita e un grazie particolare ad alcuni di loro che hanno voluto scrivere una loro testimonianza. Ho inserito il loro contribuito al termine del libro.

Non è la ricerca di un’apologia del libro, ma la gioia di testimoniare la verifica e la conferma da parte di professionisti autorevoli.

Sono sempre stato convinto che solo i medici, nella loro autorevolezza e competenza, possono consentire il riconoscimento ufficiale della connessione mente-corpo e quindi poter applicare questo capovolgimento diagnostico. Nella rivisitazione dei contenuti del testo nuove argomentazioni sono state aggiunte in merito all’infarto del miocardio, alla psoriasi, ma soprattutto al grande capitolo dei virus (pandemia Covid compresa) e ad altre patologie. Il lavoro non è finito e sicuramente si potranno apportare altri approfondimenti, ma lo schema strutturale dell’impianto diagnostico resta invariato, anzi risulta ancora più supportato e riconosciuto scientificamente. Le Leggi Biologiche non sono assolutamente una medicina alternativa e non viene prescritta alcuna terapia sostitutiva e soprattutto non sono in contrasto con la Medicina Ufficiale, anzi!

Le Leggi Biologiche sono un capovolgimento diagnostico e hanno bisogno del progresso scientifico medico per essere applicate, e la Medicina Ufficiale ha bisogno delle Leggi Biologiche per essere completa. Ora è sufficiente e necessario che aumenti il numero della massa critica per recepire e allargare il campo di azione e di riconoscimento del “nuovo”. E’ una questione di tempo. Ai medici l’autorevolezza e il coraggio di continuare un percorso straordinario di divulgazione di una rivoluzione epocale nella scienza medica, contestualmente alla nascita di un nuovo “essere umano” consapevole del senso biologico del proprio corpo. 

...

I commenti sono chiusi.