Proteine vegetali: come assumerle e con quali alimenti

Essere vegetariani oppure vegani non significa rinunciare alle sostanze nutritive necessarie per un’alimentazione sana e bilanciata. Per saperne di più abbiamo incontrato la nutrizionista Benedetta Raspini, chiedendole informazioni sulle proteine vegetali, protagoniste di questa scheda. Siamo a conoscenza dell’importanza delle proteine per la nostra alimentazione, ma nello specifico, cosa sono?

Le proteine, insieme a glucidi e lipidi, rappresentano uno dei macronutrienti, cioè delle sostanze nutritive essenziali per fornire energia e materiale di crescita e rigenerazione al nostro corpo. Nello specifico le proteine sono molecole composte da aminoacidi, molecole che possono essere immaginate come piccoli “mattoncini” necessari per la costruzione della molecola più grande, la proteina. Esistono in tutto 20 aminoacidi diversi, 8 dei quali sono detti “essenziali”, ovvero indispensabili per l’organismo dal momento che il corpo umano non è in grado di fabbricarli. Questi aminoacidi devono essere pertanto introdotti obbligatoriamente con la dieta. Gli alimenti di origine animale presentato un profilo aminoacidico migliore perché contengono tutti gli aminoacidi essenziali in buone quantità; gli alimenti di origine vegetale, invece, presentano solitamente carenze di uno o più aminoacidi essenziali e per questo non sono complete. A differenza delle proteine animali però, queste sono prive di grassi e producono meno prodotti di scarto durante il loro metabolismo e di conseguenza creano un minor affaticamento e sovraccarico a livello renale.

Le proteine si trovano facilmente nei vegetali?

Certamente sì. L’importante è seguire un’alimentazione correttamente bilanciata, ricordando che il fabbisogno proteico può variare a seconda dell’età e del peso corporeo. Bisogna poi tenere presente che ogni proteina vegetale è priva o carente di uno specifico aminoacido che è definito “aminoacido limitante”: questa carenza può essere compensata attraverso l’abbinamento corretto di differenti proteine vegetali. Si parla in questo caso di complementazione proteica. Per esempio, pasta e legumi rappresenta un ottimo abbinamento poiché gli aminoacidi di cui i fagioli sono carenti, vengono forniti dai cereali (pasta) e viceversa.

È possibile evitare una carenza proteica assumendo solo cibi vegetali?

Per evitare una carenza proteica è fondamentale, per chi sceglie di seguire un’alimentazione a base vegetale, rispettare il principio della complementarietà, cercando di assumere ad ogni pasto diversi tipi di alimenti contenenti differenti tipi di proteine vegetali, in modo tale da poter soddisfare il proprio fabbisogno proteico.

Ecco una tabella in cui si riassumono alcune indicazioni sulle concentrazioni proteiche nei diversi alimenti
tab1-1

Come è possibile assumerle correttamente nella scelta vegetariana e vegana?

A lungo termine la mancata combinazione delle proteine vegetali può essere causa di carenze proteiche; nel breve periodo però questo non è vero: anche dissociando in due pasti separati il consumo di legumi e cereali, ad esempio, il nostro corpo è comunque perfettamente in grado di regolare la sintesi proteica implementando gli aminoacidi limitanti con quelli presenti nelle riserve endogene. Senza dubbio il consiglio più importante consiste nel prevedere il consumo di una vasta classe di alimenti di origine vegetale (dalla frutta secca ai legumi ecc).

Esistono quindi degli abbinamenti utili per aumentare il “potere” dei cibi vegetali?

Ci sono delle combinazioni interessanti, qui di seguito vedete una tabella con qualche esempio, ma va sempre ricordato che è sempre meglio cercare di variare, usando un pizzico di fantasia in cucina e sperimentando sempre nuove combinazioni:
tab2Fonte: https://www.vegolosi.it/come-cucinare-guide-pratiche/come-assumere-proteine-vegetali/

L'ANTICO CODICE DEI COLORI
Un viaggio nelle conoscenze legate alla simbologia, ai colori e alle scienze iniziatiche
di Samya Ilaria Di Donato

L'Antico Codice dei Colori

Un viaggio nelle conoscenze legate alla simbologia, ai colori e alle scienze iniziatiche

di Samya Ilaria Di Donato

Leggendo questo libro ti si aprirà un mondo simbolico che ti aiuterà a giungere alla vera liberazione spirituale, un'emancipazione e affrancamento da vecchi schemi di pensiero, da condizionamenti e convinzioni limitanti.

Come migliorarti la vita con i "colori delle Triadi" è il principio alla base dell'antico Archeometro, un potente strumento del passato che era considerato la chiave di tutte le religioni e delle consapevolezze.

Questa è la formula più semplice e pratica per acquisire consapevolezza sul potenziale dei colori nelle nostre vite.

Riprendi in mano la tua vita con l'aiuto del colore e delle sue sfumature di significato.

"L'Antico Codice dei Colori" è un libro essenziale e pratico, una guida per scegliere i colori che possono aiutarti ogni giorno. Samya Ilaria Di Donato ti insegnerà le triadi dei colori del successo, della felicità, delle infinite possibilità e dell'anima.

Conoscerai anche gli alfabeti antichi e i mistici insegnamenti di Alchimia e Cabala ebraica. Potrai altresì conoscere i colori in relazione agli archetipi della personalità.

BONUS in esclusiva sul Giardino dei Libri: acquistando il libro su Il Giardino dei Libri riceverai IN OMAGGIO il file PDF (da scaricare) intitolato "Decodifica delle Triadi dei Colori" e potrai scaricarlo immediatamente dopo aver fatto l'ordine (ti arriverà una email con le istruzioni).

Con questo libro scopri:

  • come conoscere la natura di ogni colore;
  • come espandere la tua consapevolezza nei confronti dei colori e dei simboli a essi collegati;
  • come liberarti da schemi e condizionamenti grazie ai segreti dell'Archeometro.

Il colore non è solo linguaggio, comunicazione non verbale, leggi e regole oggettive, esso è anche parte del nostro mondo interiore: ogni individuo vede, percepisce e giudica i colori in un modo molto personale, il colore è quindi anche soggettivo.

I "test introspettivi" combinati "all'esercizio pratico", proposti nel libro, sono un ottimo metodo per indagare e scoprire il gusto personale del colore, rivelare aspetti del proprio carattere, del temperamento, le associazioni allo stato fisico, spirituale o intellettuale.

Svolgere questi esercizi, seguendo la logica dell'Archeometro, è un investimento di tempo prezioso, perché permetterà di entrare in contatto con la propria individualità e definire per esempio il gamut personale, e questo è importantissimo.

Citando Johannes Itten: "Per discutere di colore, per chi lavora con il colore, necessita liberarsi di soggettivismo, dobbiamo raggiungere la conoscenza e la comprensione delle leggi oggettive fondamentali".

Il colore è un'esperienza simultaneamente oggettiva e soggettiva, è importante esserne consapevoli. 

Della stessa autrice, scopri anche "La Saggezza dei Colori - Il Grande Manuale".

 

REGALO ESCLUSIVO
solo per chi acquista "L'Antico Codice dei Colori"
sul Giardino dei Libri

"Decodifica delle Triadi dei Colori"
di Samya Ilaria Di Donato

File PDF da scaricare

Grazie alla decodifica dei colori nelle triadi in maniera semplice ed immediata potrai scoprire come i colori dell'antico archeometro lavorano sui 4 piani (fisico, mentale, emozionale e spirituale). Ogni colore lavora contemporaneamente dentro di noi e conoscerne le implicazioni significa avere tra le mani un grosso potere. Vuoi scoprire quali sono i segreti di questi 12 colori? Leggi l'esclusivo documento di approfondimento preparato da Samya per il Giardino dei Libri

Potrai scaricarlo subito dopo aver acquistato il libro.

...

I commenti sono chiusi.