Nuovi genitori di se stessi 

di Lino Fusco

Il modo in cui il bambino vive le interazioni coi genitori reali forma e organizza il suo mondo interiore. In particolare, il bambino “vive” due minacce estreme: minaccia “percepita” di privazione dell’amore genitoriale se non corrisponde a ciò che vogliono i genitori (mamma e papà non mi vogliono bene); “sentirsi” privo di valore se non corrisponde agli standard o aspettative genitoriali (mamma e papà non mi apprezzano).

Di fronte a queste due minacce così percepite, il bambino cerca di trovare la via d’uscita. E sviluppa vari tentativi per liberarsi da questa minaccia incombente. Questi tentativi si organizzano sotto forma di regole del comportamento mosse dal sentimento inconscio di accettazione condizionata: mi sentirò accettato, amato e di valore (degno d’amore e stima) “se e solo se” … sarò perfetto, mi sforzerò, sarò forte, starò zitto, mi sbrigherò, non chiederò, compiacerò, farò da solo, non esprimerò i miei bisogni, lavorerò sodo, non disturberò, sarò impassibile, non mostrerò i miei sentimenti, non esprimerò la mia rabbia e ogni altro possibile tentativo di via d’uscita che può organizzare in modo rigido il comportamento del bambino che ritiene queste regole rigide come il modo per esistere, per sopravvivere psichicamente, per sentirsi amato e stimato. Il modo migliore di stare al mondo ed ottenere ciò che è più prezioso: amore, protezione, stima.

L’aspetto drammatico di questo funzionamento è che il bambino allora e l’adulto ora organizzano il loro comportamento esclusivamente intorno ad alcuni limitati modi di essere che sentono utili e indispensabili, sempre necessari e mai realmente sufficienti, per sentirsi ok, per sentirsi a posto con se stesso e con gli altri (amato, stimato, protetto, adeguato, all’altezza, degno, di valore). Quindi la persona organizza il suo comportamento e la sua identità intorno a principi identitari del tipo:

sono perfetto dunque sono…
sono insensibile dunque sono…
non chiedo (e non devo chiedere mai) dunque sono …
aiuto gli altri dunque sono…
dico sempre sì dunque sono.
Evidentemente la rigidità di tali modi, gli unici che la persona sente a sua disposizione per sentirsi sereno, finisce per risultare solo in tentativi dessere destinati a fallire.
Inoltre, questi meccanismi quasi mai sono consapevoli, sono piuttosto annidati nel consueto comportamento quotidiano, nel modo di porsi con gli altri, in come la persona dedica tempo, energia e attenzione a certe attività invece che ad altre.
I genitori reali allora gradualmente hanno lasciato il posto a un “genitore interiore” che da dentro regola il nostro pensare, il nostro sentire e il nostro comportamento.

Crescere allora significa diventare “nuovi genitori di se stessi” ovvero sviluppare un nuovo genitore interno, al di là dei genitori reali che abbiamo avuto, del passato che abbiamo avuto, delle esperienze vissute e di come queste hanno forgiato il nostro attuale “modo di essere”. L’obiettivo della trasformazione è la formazione di un nuovo genitore interno rimodellato sul precedente (fatte salve situazioni eccezionali di abuso emozionale intrafamiliare, i genitori reali ci hanno anche insegnato in modo sano e amorevole come stare al mondo), conservandone gli aspetti positivi, utili e sani per noi ed eliminando gli aspetti negativi oppressivi distruttivi.

Articolo di Lino Fusco

Fonte: http://linofusco.com/2017/09/26/nuovi-genitori-di-se-stessi/

IL GIOCO DEL PERDONO
di Bernard Rouch

Il Gioco del Perdono

di Bernard Rouch

Dall'ambiente di lavoro contaminato, ai risentimenti nella coppia o nella famiglia, i conflitti sono all'origine di molti disturbi che finiscono per stancarci e avere un effetto negativo sulla nostra salute...

Come ricostruire relazioni più sane e armoniose con te stesso e con gli altri per vivere più serenamente e in maniera salutare?

Attraverso esercizi e pratiche esperienziali adatte a tutti.

Bernard Rouch, un ricercatore che ha sviluppato una grande sensibilità nell'approccio dei corpi sottili e delle realtà di tipo energetico e metafisico, li riporta nel nuovo libro "Il Gioco del Perdono" e ti aiuta a intraprendere la strada che conduce alla libertà.

Troverai tanti spunti per aprire la tua coscienza: la via del perdono non è semplice, perché non è semplice gestire i ricordi dolorosi che affiorano alla memoria. 

Il perdono è una vera e propria attitudine di vita: impara ad accoglierlo...

Alla fine del percorso, avvertirai un senso di leggerezza dentro e fuori di te: la strada del perdono ti consente di ripristinare il contatto con la tua personale essenza, con la tua anima e la tua vita sarà molto più vicina a ciò che sei davvero. 

Tutti i carichi di emozioni e dispiaceri finiscono per appesantire non solo il corpo fisico, ma anche la tua crescita spirituale...

Ecco perché il lavoro che questo libro stimola ti consente di lavare, nel profondo, le tue cellule dalla ruggine e dalle incrostazioni del tempo. 

Queste pagine sono come una bussola che ti permette di orientarti e ritrovare la giusta via, dentro e fuori di te.

Al suo interno, trovi pratiche esperienziali per comprendere a fondo il processo del perdono. 

Gli esercizi pratici sono utili per liberarti da tutti quei nodi che ancora ti frenano, e superare così quegli ostacoli che sembrano in apparenza insormontabili. 

Brevi meditazioni sono alleate preziose per accompagnarti lungo il processo di guarigione dell'anima, un aiuto concreto per consentire a ciascuno di offrire e chiedere perdono.  

"Una vita pienamente vissuta al servizio dell'amore porta sempre alla felicità."
L'autore, Bernard Rouch

"Perdona gli altri, non perché essi meritano il perdono, bensì perché tu meriti la pace."
Jonathan Lockwood Huie


REGALO ESCLUSIVO
Lo puoi avere solo se acquisti "Il Gioco del Perdono"
sul Giardino dei Libri

Il file PDF di 14 pagine
"Il perdono Sotto Sopra -
Arrivare al perdono per vie traverse"
di Bernard Rouch

Potrai scaricarlo subito dopo aver acquistato il libro.

File PDF creato da Bernard Rouch che contiene due pratiche molto efficaci per arrivare al perdono : "Il piccolo popolo" che permette di chiedere l'aiuto dei mondi invisibili della terra e la "lemniscata del perdono" per attuare il perdono mettendo in atto le energie sottili intorno a noi.

...

I commenti sono chiusi.