Trump: le immunità di Facebook e Twitter devono finire ORA, per motivi di “sicurezza nazionale”

Il presidente Trump ha chiesto la fine immediata dell’immunità della Sezione 230 per le Grandi Compagnie, citando ragioni di “sicurezza nazionale”.

POTUS ha pubblicato su Twitter giovedì sera il suo appello per la cessazione “immediata” della Sezione 230 del Communications and Decency Act, avvertendo che le limitazioni di responsabilità concesse alle società di social media come Facebook, Google e Twitter dovrebbero essere rimosse per “scopi di sicurezza nazionale.”

Nationalfile.com riporta: Attualmente, le società Big Tech affermano di agire come una piattaforma neutrale, il che significa che ricevono determinate protezioni da ciò che le persone pubblicano sul loro sito ai sensi della Sezione 230, che fornisce loro uno “scudo di responsabilità”. Tuttavia, dato che si sono impegnati nella censura dei conservatori, si comportano più come un editore, che è, in realtà, responsabile di ciò che è presente sul suo sito.

L’annuncio ha fatto seguito a un tweet del presidente Trump che ha attaccato Twitter per “aver inviato ‘tendenze’ totalmente false che non hanno assolutamente nulla a che fare con ciò che è veramente di tendenza nel mondo”. Ha sostenuto che le tendenze sono semplicemente inventate e sono solo quelle “negative”. “La stessa cosa accadrà a Twitter come sta accadendo a Fox News durante il giorno. Inoltre, grande discriminazione conservatrice! ” ha concluso il Presidente.

Non è la prima volta che il Presidente chiede la fine della legge Sezione 230. Il mese scorso, dopo che Facebook e Twitter hanno rimosso una notizia dal  New York Post sulle e-mail tra Joe Biden e suo figlio Hunter, ha anche allora chiesto l’abrogazione di Sezione 230. Tuttavia, questa è la prima volta che è stato chiesto di farlo “immediatamente” e anche la prima volta che la “sicurezza nazionale” è stata ipotizzata come motivo per farlo.

Le azioni del presidente potrebbero aver avuto qualcosa a che fare con il comportamento delle Big Tech nel corso di queste elezioni. Durante le elezioni, una grande quantità di tweet del presidente e altri post sui social media, insieme a quelli di molti dei suoi sostenitori, sono stati etichettati come disinformazione, con Tucker Carlson che ha persino sostenuto che Big Tech ha truccato l’elezione a favore di Joe Biden.

Solo questa settimana, l’account Twitter personale del senatore dello stato della Pennsylvania Doug Mastriano è stato bandito, dopo che il senatore aveva organizzato un’audizione nella legislatura del suo stato sulle vaste irregolarità che si sono verificate nelle elezioni presidenziali di questo mese.

Nel maggio di quest’anno, il presidente ha firmato un ordine esecutivo che avrebbe rimosso lo scudo di responsabilità dalle società Big Tech se si fossero impegnate in “censura o in qualsiasi condotta politica”. Come riportato da National File:

L’ordine esecutivo incarica anche il procuratore generale William Barr di collaborare con gli stati per sviluppare la propria legislazione in materia di censura online e istruisce anche la sua amministrazione affinché inizi a sviluppare politiche per “garantire che i dollari dei contribuenti non vadano a nessun social media che sopprime la libertà di parola. Il presidente ha osservato che le società Big Tech hanno avuto “il potere incontrollato di censurare, limitare, modificare, modellare, nascondere, alterare, praticamente qualsiasi comunicazione tra privati ​​cittadini e un vasto pubblico pubblico”.

Fonte: news punch

Fonte: https://ununiverso.blog/2020/11/27/trump-le-immunita-di-facebook-e-twitter-devono-finire-ora-per-motivi-di-sicurezza-nazionale/

IL LIBRO SEGRETO DI GESù - VOL. 1
Il tempo del Risveglio
di Daniel Meurois

Il Libro Segreto di Gesù - Vol. 1

Il tempo del Risveglio

di Daniel Meurois

Daniel Meurois, amatissimo "viaggiatore astrale" che dal 1980 attinge alle Memorie dell'Akasha per restituirci con autenticità le testimonianze delle grandi anime del passato, intraprende un percorso eccezionale: raccontarci integralmente la vita di Gesù, anche nelle sfaccettature meno note, ove non del tutto sconosciute; i primi trent'anni della sua vita, gli studi presso gli Esseni, il viaggio di diciassette anni che lo conduce fino all'Himalaya e poi in Egitto, alla Grande Piramide, dove diventa a tutti gli effetti il Cristo.

Un viaggio emozionante, che metterà in discussione le nostre certezze e che verrà molto amato da chi ricorda con entusiasmo uno fra i più straordinari bestseller di Daniel Meurois e Anne Givaudan, L'altro volto di Gesù.

Dal Prologo:

"Questo è il libro più improbabile fra tutti quelli che io abbia mai pensato di dover e poter scrivere, ed è probabilmente anche la sfida più grande con cui mi sia confrontato fin qui.

I miei fedeli lettori sanno che in questi trentacinque anni di scrittura ho toccato una quantità di argomenti diversi, e che, fin dagli esordi, mi sono dedicato a far risorgere la verità dei tempi evangelici, nella bellezza e vastità degli insegnamenti del Cristo così come furono originariamente impartiti: testimonianze che si sono susseguite negli anni, e costituiscono una buona parte dell'anima dei miei libri...

Dopo Il testamento delle tre Marie, non immaginavo, tuttavia, di poter ancora aggiungere qualcosa in questo campo; non perché pensassi che la Vita mi avesse offerto una panoramica esauriente dell'argomento (quando si tratta dell'impatto del Cristo sul nostro mondo, nulla è mai esauriente), ma perché mi sembrava difficile potermi spingere oltre nell'intimità dei protagonisti privilegiati di quel tempo.

Non immaginavo, all'epoca, che avrei in seguito ricevuto un nuovo invito, ancora più intenso e decisivo, a varcare la soglia degli Annali dell'Akasha... Poi, l'improbabile è accaduto...

In una notte di giugno, il richiamo preciso e insistente alla stesura del Libro segreto di Gesù mi ha fatto emergere dal sonno. Era una richiesta esplicita, formulata in modo chiaro, rivolta alla mia anima affinché immergesse lo sguardo nella memoria akashica del Maestro Gesù.

Tuffarmi integralmente e con il cuore palpitante nella memoria della Sua vita, farne risalire la linfa fino in punta alla penna... e per quale ragione? Credo che la risposta sarà diversa per ciascuno dei miei lettori, quando scopriranno questa testimonianza e accetteranno di immergervisi.

Anche se la Fonte a cui tutti aspiriamo è una, la nostra sete è molteplice: gli uni, naturalmente, troveranno interessante la restituzione dei fatti storici, più vasti e presentati sotto una luce nuova e spesso inattesa; per altri, però, ci sarà soprattutto la Luce che ho cercato di cogliere con infinito rispetto in questi due anni di scrittura, e di cui 2 Daniel Meurois il nostro mondo, così crudelmente manchevole d'amore, ha perdutamente e urgentemente bisogno.

Questo libro non è scritto per tessere le lodi del tempo passato: gli eventi e gli insegnamenti che resuscita sono atemporali, fondamentali, archetipici, e come vedrete, la loro essenza è oggi più che mai attuale, giacché costituisce un "ponte vivo" incredibile fra il Divino e l'umano. E soprattutto ha lo scopo di risvegliare il Cristo dimenticato, e tuttavia in divenire, in ciascuno di noi. Al di là delle fedi e delle convinzioni religiose, non ha dunque altro intento se non stimolare il Sole autentico della nostra anima. Lungi dal voler essere nostalgiche, dunque, queste pagine sono un richiamo alla pace e alla felicità nel presente.

È per tutte queste ragioni, e per puro amore, che il Maestro Gesù, da lì dove si trova, ha probabilmente voluto offrire con semplicità il contenuto della Sua memoria agli uomini e alle donne di oggi.

Sappiate che misuro appieno l'insigne privilegio e la responsabilità di fungere, in questo, da cinghia di trasmissione; inizialmente quest'opera doveva essere costituita da un unico volume ma, cammin facendo, e di fronte all'abbondanza della materia, è diventato evidente che ce ne sarebbe voluto un secondo. A volte accade così, per certe opere che sfuggono alla volontà di chi ne cura la stesura, e crescono da sole.

Ora che il Libro segreto di Gesù è concluso, pronto a volare con le sue ali, la mia speranza è di essere degno della fiducia che è stata riposta in me, affinché germogli Ciò che ha da germogliare..."
Daniel Meurois

...

I commenti sono chiusi.