La Prima Intelligenza Artificiale a sostituire un CEO. Si Salvi chi può…

di Eugenio Miccoli

Il 26 agosto scorso, l’azienda cinese di giochi online e applicazioni NetDragon Websoft ha nominato amministratore delegato, CEO, la signora Tang Yu. Nulla di particolare fin qui, se non fosse per il fatto che Tang Yu è un robot umanoide virtuale supportato dall’intelligenza artificiale.

La notizia ha fatto il giro di diversi quotidiani importanti all’estero, tra cui il francese Le Figarò. In Italia è stata divulgata solo da testate minori e da pochi canali di informazione alternativa, come quello di Francesco Neri ad esempio.

Noi di MePiù, attraverso una piccola ricerca, abbiamo però scoperto che la creazione di questo robot non è altro che l’ultimo capitolo di un percorso distopico della NetDragon intrapreso ormai da tempo.

L’Annuncio: un CEO Artificiale

La NetDragon Websoft è lieta di annunciare che la signora Tang Yu, un robot umanoide virtuale dotato di intelligenza artificiale, è stata nominata CEO a rotazione della sua filiale di punta, Fujian Websoft“.

Queste le parole con cui la NetDragon e il suo Presidente, il Dr. Dejian Liu, hanno esordito in merito alla loro ultima invenzione.

Ancora: “L’avvento di Tang Yu evidenzia la strategia ‘AI + management’ dell’azienda e rappresenta un importante pietra miliare della Società verso una ‘organizzazione Metaverse’ “.

Per chi volesse leggere il comunicato integralmente è disponibile sul sito http://ir.nd.com.cn/en/ nel paragrafo “Latest News”.

Agenda Distopica

Questo evento rappresenta solo una piccola traccia di ciò che vedremo tra poco, perché non è la prima volta che la NetDragon si diverte a sfoderare l’intelligenza artificiale promuovendola come baluardo della società del futuro.

Infatti, già in tempi non sospetti, il 23 aprile 2018 l’azienda aveva presentato il primo assistente didattico AI al mondo in occasione del Launch Event for Digital Maritime Silk Road AI Educational Achievements tenutosi durante il 1° Digital China Summit.

La struttura ideata era quella tipica delle società controllate descritte nei romanzi distopici: l’insegnante che controlla la classe attraverso una tecnologia vocale intelligente, il software di riconoscimento facciale che consente agli studenti di registrarsi online e infine l’assistente didattico AI. Proprio quest’ultimo con l’incarico di fornire compiti a casa personalizzati e di correggerli una volta consegnati. Il tutto accompagnato da altre tecnologie altamente avanzate, sviluppate dall’azienda. https://www.prnewswire.com/news-releases/netdragon-rolls-out-worlds-first-ai-teaching-assistant-300637056.html

Ministero dell’Istruzione Cinese: Obiettivi Condivisi

Se tutto questo ancora non bastasse, veniamo a scoprire che nel 2021 NetDragon’s Huayu enters ha avviato una cooperazione strategica con il Centro nazionale per la tecnologia educativa del Ministero dell’Istruzione cinese. Obbiettivo: “creare un nuovo modello di istruzione intelligente basato su tecnologie emergenti come la realtà virtuale (VR), l’intelligenza artificiale (AI) e i big data, per esplorare lo sviluppo dell’informatizzazione dell’istruzione”. Nuovi strumenti educativi virtuali da incorporare nell’insegnamento quotidiano nelle scuole primarie e secondarie in modo da creare una nuova forma di “educazione intelligente”.

I Partner di NetDragon

Insomma è ormai chiaro il progetto che la NetDragon prosegue da anni. Ricordiamo che questa azienda è un vero e proprio big nell’ambito dei videogiochi, che ha come Partner: Ubisoft, Disney, Electronic Arts e molte altre celebri sigle.

Conclusioni: la Società del Controllo Totale

Ancora una volta abbiamo la conferma che la volontà di una società virtuale e transumanizzata proviene proprio dalla Cina. Quella stessa Cina che ha come modello di vita i lockdown, il sistema di credito sociale, i droni, le unità cyborg di sicurezza, i cani robot e molte altre misure volte al controllo totale e manicale dell’individuo. Lo stesso modello che qualcuno vorrebbe realizzare in occidente.

Articolo di Eugenio Miccoli

Fonte: https://mepiu.it/la-prima-intelligenza-artificiale-a-sostituire-un-ceo-si-salvi-chi-puo/

L'ATTENZIONE
Quaderni del lavoro su di sé
di Salvatore Brizzi

L'Attenzione

Quaderni del lavoro su di sé

di Salvatore Brizzi

L'Attenzione è la porta d'ingresso verso il miracolo della vita.

Oltre la distrazione c'è un mondo meraviglioso da conoscere e da sperimentare.

Ci risulta davvero faticoso stare nel presente, ad ogni angolo ci aspetta uno svago diverso, magari un ricordo del passato, oppure qualcosa che deve ancora avvenire ma comunque siamo costantemente lontani dal presente.

Per applicare l’Attenzione occorre innanzitutto ricordarselo.

Nonostante gli si insegni che questa è la chiave di tutto, egli fatica a trovare la quantità di energia necessaria a ricordarsi di portare Attenzione a tutto ciò che fa e che dice.

Si ricorda ogni appuntamento d’un allenamento sportivo o delle lezioni di pianoforte, ma non si ricorda di portare Attenzione ai propri movimenti corporei per soli 5 minuti.

Un utilizzo continuo dell'Attenzione da la possibilità di trasformare pensieri, emozioni, impressioni, sensazioni liberando il tuo essere e permettendogli di restare in uno stato di coscienza elevato.

Per ottenere un reale cambiamento non è sufficiente il pensiero, deve “succedere qualcosa”.

Per esempio, studiare discipline spirituali espande la nostra mente, permette quindi una crescita orizzontale, ma l’Attenzione al momento presente permette una crescita verticale, una trasmutazione, perché “succede qualcosa”, avviene cioè qualcosa che coinvolge l’intero essere.

Cominciate, dunque.

«L’Attenzione affilata come un rasoio, un Cuore aperto che non oppone resistenza allo scorrere della Vita, lo stupore di fronte alla Bellezza tipico d’un bambino. Questo salverà il mondo.»
Salvatore Brizzi

...

I commenti sono chiusi.