Fluire e Abbandonarsi al flusso

di Alex Fabbri 

Come fluire nella crisi? Ultimamente sono tante le persone che, spinte dalla famosa crisi, decidono di cambiare paese e stile di vita, con la speranza di risolvere i propri problemi, perlopiù economici. Sempre più si leggono e si sentono frasi tipo “mi abbandono al flusso degli eventi”. Questo articolo non ha la presunzione di dare nessun consiglio nè tantomeno di trattare argomenti complessi come le leggi che regolano l’Universo o parlare di cosa sia in realtá la crisi, ma solo di proporre uno spunto di riflessione.

Fluire con gli eventi

Premetto che non ho nulla in contrario con chi decide di lasciare l’Italia e con chi, con spirito molto new age, decide di fluire con gli eventi. Anzi, credo solo che queste due scelte meritino delle riflessioni e delle azioni che spesso non ci sono e rischiano di non risolvere nulla.

Om Namah Shivaya

Uno dei miei mantra preferiti è Om Namah Shivaya, che tradotto suona più o meno: “Signore sia fatta la tua volontá” oppure “Mi arrendo a te Dio”, intendendo Dio come meglio si crede (saggezza innata, Se Superiore, Universo…).
Sono, quindi, un sostenitore dell’abbandonarsi al flusso, fluire e seguire gli eventi, ma con una piccola precisazione e differenza. Credo sia di enorme importanza indirizzare i propri pensieri e le proprie azioni, unire azione e pensiero per manifestare il desiderio.

Se quello che voglio è, ad esempio, risolvere una questione economica il percorso di manifestazione dovrebbe essere: desidero abbondanza (desiderio) agisco con azioni indirizzate (per esempio divento bravo nel mio lavoro o faccio corsi etc.) e poi fluisco con gli eventi pensando solo a ciò che desidero come se fosse giá realizzato e cercando di essere sempre in una vibrazione di abbondanza, gratitudine, gioia, cioè sentendomi giá come vorrei sentirmi.
A questo punto se delle sincronicitá (ovvero nessi causali) mi portano a cambiare Paese, vita, abitudini, schema di pensiero, credenze ben venga il trasferimento e l’abbandono al flusso.

Indirizzare le proprie idee

Se al contrario non ho idee o capacitá o progetti e non sono disposto a cambiare niente della mia vita (se non il luogo in cui vivo) sarebbe un pó come lanciarsi in un autostrada trafficata senza patente e con la sola speranza. Che chiudendo gli occhi e lasciando il volante il flusso mi porti a destinazione. L’Universo (o come vogliate chiamarlo) è come un bravissimo costruttore di puzzle difficilissimi. Non ha bisogno che gli diciamo la mossa da fare. Solo che diventiamo tessere riconoscibili, attraverso i nostri chiari intenti e le nostre azioni, affinchè possa sistemarle al posto giusto.

Se vogliamo vivere in un bellissimo puzzle che rappresenta un fantastico bosco incantato muoviamoci per diventare una tessera con quei colori, quella luce, quei particolari e solo dopo fluiamo con la certezza che succederá senza bisogno di sapere come, quando e dove.

Articolo di Alex Fabbri 

YoYoga Studio

Fonte: https://www.piubenessere.it/fluire-abbandonarsi/

IL LIBRO DELLE CERIMONIE —
Saggezza sciamanica per invocare il sacro nella vita quotidiana
di Sandra Ingerman

Il Libro delle Cerimonie —

Saggezza sciamanica per invocare il sacro nella vita quotidiana

di Sandra Ingerman

Partendo dalla sua esperienza personale nella conduzione di riti e cerimonie, Sandra Ingerman una delle più esperte insegnanti di sciamanismo dei nostri giorni, ha scritto questa guida concreta e fruibile da tutti per insegnarci ad adattare l’antica arte cerimoniale al fine di attuare la nostra guarigione e la manifestazione dei desideri che coltiviamo nell’animo.

In un sapiente intreccio di insegnamenti sciamanici, storie, esempi e rivelazioni illuminanti, Il Libro delle cerimonie esplora:

  • una guida per il lavoro cerimoniale da svolgere in solitudine, in comunità e attraverso cerimonie virtuali
  • invocazioni rivolte agli elementi, al mondo naturale, agli spiriti ancestrali e all’energia divina
  • cerimonie per matrimoni, nascite, riti di passaggio, funerali, chiusure onorevoli dei rapporti e nuovi inizi
  • cerimonie per il riequilibrio energetico, la guarigione e la benedizione, lo scioglimento di contratti sacri, l’emancipazione da credenze limitanti, la creazione di Alberi di Preghiera e molto altro
  • come infondere nello stile di vita la pratica cerimoniale, dall’allestire un giardino o rivitalizzare la casa o il luogo di lavoro, fino a contribuire alla guarigione dell’intero pianeta.

“Se conducete una cerimonia potente e ben riuscita per voi stessi, il principio dell’unità fa sì che tutte le forme di vita guariscano ed evolvano a partire dal lavoro che voi avete svolto.”

...

I commenti sono chiusi.