Zenzero: proprietà, benefici e ricette

L’aspirante yogi ben presto realizza che praticare yoga non si limita alla semplice frequentazione di un corso in palestra.

Spesso si manifesta in noi il desiderio profondo di adottare uno stile di vita coerente con i principi yogici, che tocchi e trasformi ogni aspetto della nostra esistenza, e che ci faccia diventare più consapevoli di come ci muoviamo e utilizziamo il nostro corpo, di come respiriamo e ci nutriamo.

La natura è perfetta, ci offre cibi in grado di mantenerci in salute. Con questo articolo il desiderio è di divulgare una conoscenza tradizionale, antica e preziosa, affinché erbe e piante, oltre a costituire un condimento che rende il cibo delizioso, possano trasformare i nostri pasti in vera e propria medicina. (Se sei interessata all’argomento, leggi anche l’articolo dedicato a una delle spezie più usate nella cucina indiana e nella medicina ayurvedica: la Curcuma, oro in cucina.)

Lo zenzero è stato definito un supercibo. Spezia e pianta medicinale, tra le sue mille virtù annovera quella di essere afrodisiaco, dimagrante e stimolante del sistema immunitario. Ma analizziamo in dettaglio le sue caratteristiche.

Zenzero Pianta

Lo zenzero tra storia, curiosità e leggende

Lo zenzero, dal sanscrito singabera, ha un grande valore storico, medicinale, afrodisiaco e spirituale. Usato come spezia, condimento, cibo e rimedio curativo, lo zenzero veniva coltivato in India e Cina già 5000 anni fa. Fu introdotto in Occidente più di duemila anni fa dai commercianti di spezie. Era molto usato nell’antica Grecia e nell’Impero romano e grazie agli arabi fu piantato estensivamente in tutta l’Africa.

Nel Medioevo lo zenzero era così prezioso ed economicamente redditizio da arricchire chi lo coltivava. Successivamente la sua coltivazione si estese fino al Nuovo Mondo, soprattutto al Messico, America Latina e Caraibi, per opera dei colonizzatori spagnoli ed inglesi. Nel Corano si parla dello zenzero come di una pianta benedetta da Dio, benefica per lo sviluppo spirituale. Confucio, nel 500 A.C., come attestano i suoi scritti, non finiva mai un pasto senza masticarne un pezzetto di radice.

La famosa Scuola medica salernitana ne loda le virtù afrodisiache, affermando che un suo uso regolare avrebbe mantenuto vivo l’appetito sessuale fino a tarda età.
Lo zenzero è presente nella storia, in diverse leggende, si dice infatti che fu la Regina Elisabetta I a inventare il gingerbread man, uomo di pan di zenzero, dolcetto molto popolare della tradizione anglosassone, e  in molte fiabe antiche e moderne, dalle Mille ed una Notte fino a Shrek (vi ricordate Zenzy, l’omino di pan di zenzero?).

Zenzy, l'omino di pan di zenzero

Lo zenzero nella medicina ayurvedica e cinese

Le indicazioni terapeutiche nella medicina cinese ed ayurvedica riguardo allo zenzero sono similari.

Nella medicina ayurvedica si ricerca l’equilibrio dei tre dosha, Pitta (fuoco), Kapha (acqua e terra) e Vata (aria). Lo zenzero è particolarmente indicato nei casi in cui Vata è in eccesso, quindi per tutti quei sintomi in cui la digestione è carente. Inoltre si prescrive per nausea, insonnia, irrequietezza mentale.
Dato che un eccesso di Vata e una carenza di Pitta rallentano la circolazione e raffreddano l’organismo, lo zenzero porta calore, stimolando le difese, attivando il fuoco gastrico, Agni, e quindi manipura chakra. Elimina le tossine e il muco accumulato per uno squilibrio di Kapha. Nei casi di osteoartrite e artrite reumatoide, la medicina ayurvedica consiglia impacchi, compresse calde sulle zone interessate, oppure bagni completi di tutto il corpo in acqua calda dove è stato sciolto zenzero in polvere.

Nella medicina cinese, lo zenzero secco è prescritto per eliminare il muco dai polmoni, come espettorante, mentre quello fresco aumenta l’energia dello stomaco stimolando il qi del meridiano triplice riscaldatore. Inoltre promuove la digestione dei grassi e dei prodotti animali ed è per questo che viene usato nella cucina in tutto il medio oriente.

Caratteristiche della radice di zenzero

Lo zenzero (Zingiber officinale) è un rizoma dal gusto piccante e fresco, della stessa famiglia della curcuma e del cardamomo. Si trova fresco e in polvere secca. Contiene 477 costituenti chimici, tra cui acido ascorbico, beta carotene, lecitina, curcumina, selenio, triptofano, vitamine del gruppo A, B, C e K. Inoltre antiossidanti, sali minerali, ferro e gingerolo, che ha una forte azione antinfiammatoria e antibatterica.

Zenzero proprietà

Proprietà e indicazioni di utilizzo dello zenzero

  • Afrodisiaco, tonico, antiossidante, esaurimento nervoso, astenia e debolezza.
  • Dimagrante, disintossicante, diuretico, bruciagrassi, anticellulite, stimola il metabolismo, riduce il senso di fame.
  • Diarrea, stitichezza, flatulenza, meteorismo.
  • Anticoagulante, alcalinizzante del sangue.
  • Antivomito, antinausea (anche nei casi di mal d’auto, mal d’aereo, mal di mare).
  • Digestivo, anti-reflusso gastrico, riduce l’acidità di stomaco, alitosi.
  • Antinfiammatorio, combatte mal di testa e mal di denti, crampi mestruali.
  • Aiuta a mantenere bassa la glicemia nel sangue.
  • Antipiretico, stati influenzali, laringiti, tosse, raffreddore, catarro.
  • Effetto analgesico.
  • Rafforza le proprietà delle altre erbe.

Controindicazioni all’uso dello zenzero

  • Anche se utile contro la nausea mattutina e il vomito, lo zenzero è controindicato in gravidanza in quanto potrebbe stimolare le contrazioni uterine, soprattutto nel primo trimestre.
  • E’ sconsigliato inoltre alle persone che soffrono di iperacidità, emorragie, mestruazioni troppo abbondanti, ulcere e calcoli biliari.
  • E’ controindicato quando si usano farmaci anticoagulanti, antiaggreganti e ipotensivi.

Come coltivare lo zenzero in casa

Ma perché non provare a coltivare lo zenzero in casa? Non avete un giardino? Niente paura, basta un semplice vaso con della buona terra ed il gioco è fatto.
Consigliamo di usare zenzero biologico, in quanto spesso quello proveniente dall’estero, soprattutto dalla Cina, è imbottito di anticrittogamici nocivissimi.

Fonte: https://www.ilgiornaledelloyoga.it/zenzero-proprieta-ricette

IL QUADERNO DELLA LUNA
di Alessandra Donati

Il Quaderno della Luna

di Alessandra Donati

Benvenuta anima luminosa che ami la luna! 

L'autrice Alessandra Donati ha pregato l'Arcangelo Haniel di infondere la sua energia divina su questo "Quaderno della Luna", affinché tu possa scrivere su di esso desideri chiari, luminosi, esaltanti. Ogni volta che lo prenderai in mano sarai collegato con l'energia della luna, diventando capace di esprimere desideri degni di un re e di una regina…

I desideri che scriverai qui a cuore aperto sono già pronti per te!

Questo quaderno è diviso in 3 parti:

  1. Il lato frontale riguarda i desideri di luna nuova,
  2. il lato opposto (con le pagine rivolte al contrario) quello della vigilia di luna piena
  3. la parte centrale dove ci sono i fogli da staccare (o barrare dopo averli scritti) per distruggere ciò che vuoi eliminare a luna piena/calante.

Questo bellissimo quaderno della luna è tratto dal libro "Manifestare con la luna", che raccomanda di usare il magnetismo della luna nelle varie fasi per realizzare i desideri o allontanare negatività: la luna muove i mari e noi umani siamo fatti di acqua! Sfruttiamo dunque l'energia della luna: è gratis e porta solo del bene.

Grazie a questo magico quaderno, tu emetti intenti almeno 3 volte al mese, e mentre rifletti su cosa vuoi e cosa non vuoi, la tua vita prende una nuova direzione in modo naturale, senza troppo sforzo.

La luna agisce sulle emozioni; qui sul quaderno trovi preghiere emozionanti, che ti dirigono verso la realizzazione personale che sogni e che meriti. Con questo quaderno ti sarà più facile manifestare i tuoi desideri!

Il lato principale del quaderno contiene un anno di desideri "che semini" a luna nuova. Sfoglialo e sentine l'energia! Tocca a te scrivere la data della luna nuova e l'elenco del tuo "ordine" alla luna. A lato di ogni pagina, troverai una lezione e una preghiera, che sigillano i tuoi desideri con una benedizione.

Il rituale di luna nuova:

La luna senza luce, invisibile ad occhio nudo, segna l'inizio di una nuova fase lunare. È il giorno in cui il contadino semina: preparati a farlo anche tu, scrivendo i tuoi desideri, che "semini" nel campo delle infinite possibilità.

Scrivi e chiedi con fiducia, perché ti sarà dato.

Inizia ogni richiesta con le parole "grazie per" o "grazie perché", come se i tuoi desideri fossero già nella tua vita ora, ed emozionati all'idea.

La legge di attrazione ti dà altre emozioni simili a queste, attraendo a te la realizzazione di tutto ciò che scrivi! È la legge, non si scappa. Poi semina tanti fagioli quanti sono i desideri e mentre ne curi la crescita, la tua gioia aumenta a dismisura.

Il giorno di luna nuova prepara l'OCCORRENTE:

  • questo quaderno della luna e una penna
  • tanti fagioli secchi quanti sono i desideri
  • una ciotola e del cotone bagnato per seminare i fagioli (o un vaso con la terra)
  • una candela bianca accesa
  • incenso (facoltativo)
  • recita questa preghiera PRIMA di scrivere:

"Cara Haniel, grazie per tutto quello che ho manifestato fino ad ora, so che l'ho creato io con i miei pensieri/emozioni. Aiutami oggi a luna nuova a piantare nuovi desideri, che portano benedizioni a me e alle persone che amo. Dammi chiarezza per esprimere desideri in linea con il mio piano dell'anima, poi mandali nell'energia di luna nuova e falli crescere mentre la luna cresce. Permettimi di realizzare questi desideri per il mio bene massimo, riempimi di gioia perché io possa sentire che essi sono già nella mia vita ora!"

Raccomandazione. Scrivi desideri dell'avere-fare-essere con particolare cura per quelli dell'essere: come vorresti sentirti la maggior parte del tempo che vivi? Grato? Entusiasta? Soddisfatto? Ricco? Felice? Connesso col divino? Abbi cura di chiedere questi magici sentimenti, perché sono davvero tutto ciò che conta.

Buona manifestazione con la luna!

 

...

I commenti sono chiusi.