VACCINI: Dr.ssa Judy Mikovits: “modificano il genoma umano attraverso i vaccini”.

Video choc: MODIFICHE AL GENOMA UMANO UTILIZZANDO I VACCINI. CIO’ CAUSA CANCRO, LEUCEMIE E MALATTIE NEUROIMMUNITARIE.

La dr.ssa Judy Mikovits, biochimica e biologa molecolare, afferma in questo video che già dal 1994 il CDC USA, il governo della Gran Bretagna e l’OMS sapevano della presenza di retrovirus nel vaccino trivalente MMR  o MPR . Ciò perché vi è l’enzima trascrittasi inversa presente solo nei retrovirus. Questo enzima è capace di inserire un codice genetico esterno nel dna di un essere umano rimanendo li per tutta la vita e trasmesso anche alle generazioni future. La dr.ssa Micovits ha dimostrato nel 2011 con le sue ricerche che vi erano seri problemi di salute con l’utilizzo di questi vaccini che potevano causare patologie neuroimmunologiche, cancro, leucemia,linfomi Parkinson, Alzheimer etc. Le autorità hanno fatto di tutto per nascondere il problema e queste malattie sono aumentate a dismisura in tutto il mondo. Hanno cercato di convincere la dr.ssa Micovits a stare zitta e poi non riuscendovi l’hanno prima licenziata e poi screditata ed isolata anche a livello scientifico.

Hanno usato cellule cancerogene, perché si moltiplicano all’infinito, per ottenere vaccini all’inizio ma ciò preoccupò il CDC USA perché poteva essere troppo pericoloso usare un agente cancerogeno nei vaccini e scelsero cellule animali. Ma non sapevano della presenza dell’enzima trascrittasi inversa, CAPACE DI INSERIRE UNA INFORMAZIONE GENETICA DA UNA SPECIE ALL’ALTRA. Dopo aver prodotto ed iniettato milioni di vaccini con cellule animali si sono accorti che vi erano retrovirus negli stessi.

La trascrittasi inversa (chiamata anche “DNA polimerasi RNA-dipendente”) è stata finora identificata nel genoma dei retrovirus (tra cui il virus dell’HIV), dai quali viene utilizzata per copiare l’informazione contenuta nel genoma retrovirale (che è costituito da RNA) in una molecola di DNA a doppio filamento che può così integrarsi (inserirsi) nel genoma della cellula ospite, dal quale può venire poi normalmente trascritto dando origine sia alle proteine virali che al genoma virale stesso. In questo modo il virus può rimanere in forma latente anche per molti anni.

MODIFICHE AL GENOMA UMANO UTILIZZANDO I VACCINI.

AGGIORNAMENTO 29.10.2018

Ecco la conferma dal bugiardino dei vaccini americani.

44939932_2223924614503781_3025113404089040896_n

Fonte: https://disquisendo.wordpress.com/2018/03/17/vaccini-dr-ssa-judy-mikovits-modificano-il-genoma-umano-attraverso-i-vaccini/

VACCINI E AUTOIMMUNITà —
La più importante (e sconosciuta) ricerca scientifica sui vaccini
di Yehuda Shoenfeld, Nancy Agmon-Levin, Lucija Tomljenovic

Vaccini e Autoimmunità —

La più importante (e sconosciuta) ricerca scientifica sui vaccini

di Yehuda Shoenfeld, Nancy Agmon-Levin, Lucija Tomljenovic

Le malattie autoimmuni si manifestano quando il sistema immunitario va in tilt e inizia ad attaccare per errore cellule sane del nostro corpo.

Le patologie autoimmuni sono oggi in continuo aumento: basti pensare che solo le malattie autoimmuni di carattere reumatico – tra cui, solo per citare le principali, il lupus eritematoso, l’artrite reumatoide, l’artrite psorisiaca, le spondiloartriti – colpiscono, in Italia, oltre due milioni di persone.

Ma come si sviluppano le malattie autoimmuni e perché ci troviamo di fronte a una vera e propria epidemia di patologie autoimmuni?

Oggi 37 ricerche compiute da 77 scienziati di tutto il mondo – tra cui autorevoli ricercatori delle più prestigiose università italiane – documentano il legame tra i vaccini e alcune tra le più conosciute malattie autoimmuni e gravi disturbi neurologici come: lupus eritematoso, vasculiti, artrite reumatoide, alopecia areata, diabete di tipo 1, celiachia, fibromialgia, stanchezza cronica, polimialgia reumatica, malattie indifferenziate del tessuto connettivo e tante altre.

Nel libro Vaccini e autoimmunità Yehuda Shoenfeld – autorità di fama internazionale nel campo delle malattie autoimmuni e docente all’Università di Tel Aviv ­– dopo anni di studi sulle cause dell’autoimmunità, pone oggi un importante tassello nella comprensione dell’insorgenza delle patologie autoimmuni, rivelando come gli adiuvanti presenti nei vaccini possono essere causa di malattie autoimmuni.

Tutto questo ha un nome. Si tratta della Sindrome autoimmune/infiammatoria indotta da adiuvanti (Autoimmune/inflammatory syndrome induced by adjuvants) ovvero A.S.I.A.

Gli adiuvanti sono sostanze aggiunte a un vaccino per potenziare la reazione del sistema immunitario nei confronti della vaccinazione.

L’adiuvante più utilizzato nel caso dei vaccini è l’alluminio che è in grado di penetrare la barriera emato-encefalica – una speciale barriera che ha il compito di tenere lontane dal cervello le sostanze per esso nocive – con possibili gravi conseguenze per il sistema nervoso. 

Il libro Vaccini e autoimmunità è suddiviso in tre parti:

  • la prima parte illustra i meccanismi generali dell’autoimmunità indotta da vaccini e da adiuvanti;
  • nella seconda vengono analizzati i singoli vaccini e quali malattie autoimmuni essi possano scatenare in individui suscettibili;
  • nella terza parte si descrivono le patologie autoimmuni comuni e vengono identificati i vaccini che possono provocarle.

Dicono del libro

“Quando si dà a milioni di persone un principio attivo (e i vaccini sono principi attivi) alcuni potrebbero soffrire di eventi avversi”
Y. Shoenfeld

“Suggerisco di leggere quest’opera a tutti gli operatori della sanità e di inserirla nei libri di testo delle Facoltà di Medicina e in particolare per Pediatria, e per le specializzazioni in malattie infettive e autoimmuni. Sono grato all’editore originale Wiley, uno dei più grandi conosciuti e autorevoli editori di libri scientifici al mondo, per averci offerto l’opportunità di tradurre questo capolavoro della divulgazione scientifica in lingua italiana”.
Giorgio Gustavo Rosso, Editore e fondatore del Gruppo Editoriale Macro

Dalla quarta di copertina

37 ricerche compiute da 77 scienziati di tutto il mondo documentano il legame tra i vaccini e alcune tra le più conosciute malattie autoimmuni e gravi disturbi neurologici.

Tutto questo ha un nome: Sindrome autoimmune/infiammatoria indotta da adiuvanti (Autoimmune/inflammatory syndrome induced by adjuvants) ovvero A.S.I.A.

Vaccini e Autoimmunità parla proprio di questo, mettendo insieme le ricerche medico-scientifiche, coordinate da Yehuda Shoenfeld, autorità di fama internazionale nel campo delle malattie autoimmuni e docente all’Università di Tel Aviv.

I 77 scienziati coinvolti nel libro alzano il velo su una verità che fa molta fatica a passare: gli adiuvanti presenti nei vaccini possono essere causa di malattie autoimmuni.

In particolare, puoi leggere la somma di questi importati fattori:

  • la revisione della letteratura su tutti i vaccini di cui è stata dimostrata la loro azione nell’indurre malattie autoimmuni;
  • una discussione approfondita sulle malattie autoimmuni di cui i vaccini sono noti stimolatori;
  • una fonte eccellente per futuri studi patogenici ed epidemiologici;
  • uno studio e una ricerca di autori che sono leader in tale ambito. 

Il ruolo degli adiuvanti è fondamentale per capire come funzionano i vaccini. Ma cosa sono esattamente? Gli adiuvanti sono sostanze che vengono aggiunte ad un vaccino per suscitare la reazione del sistema immunitario nei confronti di queste sostanze che il sistema immunitario stesso riconosce come estraneo e pericolose.

L’adiuvante più utilizzato nel caso dei vaccini è l’alluminio che è in grado di penetrare la barriera emato-encefalica, con possibili gravi conseguenze per il sistema nervoso. 

Questo tema è qui analizzato molto bene in quanto viene messa in evidenza, per ogni tipo di vaccino, la correlazione tra gli adiuvanti in esso contenuti e l’insorgere di varie malattie autoimmunitarie e per farlo riporta una mole notevole di dati e ricerche scientifiche, di dimostrazioni e casi clinici.

...

I commenti sono chiusi.