USA e Cina marciano spediti verso un inevitabile conflitto

Al vertice della Sicurezza tenutosi a Monaco, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Mark Esper, ha accusato Pechino di condurre politiche militari ed economiche aggressive a spese di altre nazioni e di “sfidare l’ordine internazionale”.

Sembra quasi incredibile che siano gli USA, la superpotenza che, negli ultimi decenni, ha condotto il numero massimo di aggressioni contro paesi sovrani, trovando pretesti per operazioni militari di invasione, bombardamenti, occupazione e sobillazione di attività insurrezionali per imporre cambi di regime, ad accusare gli altri di quello in cui loro si sono specializzati al massimo livello.

Gli Stati Uniti sono perpetuamente alla ricerca di un nemico da abbattere, se non bastava la Russia, l’Iran, la Corea del Nord, Cuba o il Venezuela, oggi si stanno accanendo contro la Cina, avendo individuato in questo paese il massimo competitor degli USA sul piano economico e per essere la Cina un paese che manifesta l’intenzione di rompere l’ordine globale stabilito dagli USA.

La risposta, all’ipocrita discorso del segretario alla difesa di Washington, non ha tardato ad arrivare ed il presidente cinese ha stigmatizzato il ruolo di destabilizzatori che gli USA hanno svolto nel mondo.

Se le accuse fatte da Esper, ma in precedenza fatte da Mike Pompeo, non fossero così minacciose se ne potrebbe anche ridere.

L'”ordine internazionale di cui parla Esper ” in realtà si configura nel militarismo americano aggressivo e nella ricerca ossessiva dell’egemonia globale”. Un ordine internazionale in cui gli USA hanno violato tutte le regole e stracciato tutti i trattati, incluso le risoluzioni dell’ONU.

Nella prassi risulta che di certo sono stati gli Stati Uniti, non la Cina, quelli che hanno minacciato di modificare l’ordine mondiale attraverso le loro aggressive politiche militari, economiche e commerciali.

Basterebbe chiedersi quale è il paese che dispone di centinaia di basi militari sparse in tutto il mondo e centinaia di migliaia di truppe dispiegate nei quattro continenti? Certamente non è la Cina. Chi ha inviato le sue flotte di guerra a migliaia di Km. all’estero per sfidare le nazioni nel loro stesso cortile? Certamente non è stata la Cina. Chi gestisce politiche economiche aggressive a spese di altre nazioni sotto forma di sanzioni coercitive, embarghi e politiche commerciali? Certamente non la Cina .

Gli Stati Uniti hanno ancora la convinzione di poter imporre un ordine unipolare e di poter intimidire il mondo fino alla sottomissione. Questo spiega perché sono stati coinvolti in un’avventura militare dopo l’altra, rovesciando governi, invadendo nazioni, utilizzando gruppi terroristi per destabilizzarne altre.

Tutto questo ha prodotto una perdita di fiducia verso la superpotenza USA ed è il motivo che spinge grandi paesi emergenti e piccoli paesi del terzo mondo a cercare rapporti di cooperazione e tutela con la Cina e con la Russia.

Tuttavia c’è un altro fattore che spinge Washington a contrastare la crescita della Cina: il pericolo che Cina e Russia, integrate in un unico blocco antagonista rispetto agli USA, stiano aggregando quei paesi che vogliono resistere alle minacce ed alle intimidazioni, come la Siria, l’Iran, l’Iraq, il Venezuela e Cuba.

La creazione di questo blocco, con l’integrazione delle risorse militari, industriali, energetiche e tecnologiche, impedisce definitivamente l’ordine unipolare americano e rischia di mettere in crisi anche il signoraggio del dollaro, la vera arma economica e finanziaria che ha consentito agli USA di vivere alle spalle di tutto il mondo.

Tutto questo rende la situazione internazionale estremamente pericolosa con la possibilità che le lobby dell’apparato industriale /militare, stiano spingendo la Casa Bianca a percorrere la via della guerra preventiva, nell’illusione di neutralizzare il pericolo. Iniziando dalla Cina per poi vedersela con la Russia.

Nel frattempo la propaganda incessante dei media atlantisti non tralascia occasione per demonizzare Cina, Russia e Iran. Tuttavia questa tattica si sta rivelando inutile e in alcuni casi anche controproducente. La Russia, la Cina l’Iran non si sono fatti intimidire.

L’Asse della Resistenza si fortifica sempre di più e indica il nemico che ha gettato la maschera, che ricorre alle minacce, all’omicidio mirato per intimidire e che arma la mano dei terroristi per sobillare. L’Impero USA si muove ormai in modo scomposto e tradisce la paura di non reggere la sfida.

Il re è nudo e il momento della verità si avvicina.

Fonte: http://www.ilpensieroforte.it/mondo/3123-usa-e-cina-marciano-spediti-verso-un-inevitabile-conflitto

ANIMA GEMELLA —
di Selene Calloni Williams

Anima Gemella —

di Selene Calloni Williams

Un libro per incontrare l’anima gemella, uscire da una relazione frustrante, far risplendere una buona relazione solo momentaneamente in difficoltà.

Attrarre l’anima gemella è possibile, bisogna innanzitutto entrare in relazione con la nostra anima e con il karma che ci guida.

Selene Calloni Williams ci spiega che la relazione affettiva è un elemento che ci può dare molto in termini di elevazione spirituale ed è anche un percorso per giungere all’unione con il Divino.

Ci chiede di mettere da parte tutto ciò che è comunemente detto e conosciuto riguardo alla relazione di coppia e ci accompagna in un viaggio attraverso un magico mondo dominato da immagini provenienti da culture diverse e guidati dalle tre leggi del karma:

  • attenzione cosciente, per divenire consapevoli delle nostre intenzioni;
  • capacità di affidarsi senza voler caparbiamente contrastare gli eventi;
  • amore da offrire e da trovare dentro di noi.

Attraverso esercizi guidati, la compilazione di un diario di autoanalisi e diverse tecniche di meditazione, arriviamo a riconoscere nell’anima gemella uno specchio dell’amore che abbiamo suscitato in noi stessi fino all’estasi, all’unione con il Divino, di cui il nostro partner è sempre il simbolo.

Guarda il webinar con Selene Calloni Williams "Il karma e l’anima gemella"

I contenuti extra

Una serie di video di approfondimento tra i quali:

  • la cappa magica - abbraccio dello sposo mistico
  • meditazione sull’anima gemella o con l’amante mistico
  • viaggio attraverso il mystical marriage mantra

Le tre leggi del karma

Il karma è una forza intelligente che ha delle leggi che operano congiuntamente:

1. SI FERMA SE LO GUARDI CON ATTENZIONE

Per guardare negli occhi il proprio karma è necessario uno stato di consapevolezza e di attenzione.

  • Presta attenzione ai pensieri e alle emozioni che suscitano
  • Rivaluta e trasforma i pensieri limitanti in accezioni favorevoli
  • Supera i confini dell’Io e ricerca il tuo vasto Sé
  • Sviluppa le qualità che ricerchi nell’altro/a

2. TI SORRIDE SE TI AFFIDI AD ESSO

Per affidarsi agli eventi è indispensabile sciogliere la paura così da incominciare a "vedere".

  • Affidati allo stato di mancanza: altro non è che invisibilità
  • Non controllare gli eventi ma affidati ad essi
  • Gli eventi sono maestri, e ti aiutano a evolvere
  • Gli eventi lavoreranno per te al fine di portarti ciò che desideri

3. SI METTE PIENAMENTE AL TUO SERVIZIO SE AGISCI PER AMORE

Per amare occorre una decisione del cuore che è possibile lasciando andar e la paura. Si evidenzia che non vi è che un ostacolo: la paura.

  • Frequenta i luoghi che ami e fai ciò che ti piace
  • Esercita l'amore incondizionato, agisci per amore dell'altro
  • Per attrarre amore, devi amare molto
  • Ciò che accade all'esterno in realtà accade dentro di te
...

I commenti sono chiusi.