Un effetto collaterale della vaccinazione COVID-19 mima il cancro al seno

Un effetto collaterale della vaccinazione COVID-19 sta creando un’indebita paura tra le donne, facendole temere di avere un cancro al seno.

Entrambi i vaccini Pfizer e Moderna possono causare il gonfiore dei linfonodi , in particolare quelli sotto l’ascella sul lato in cui è stato ricevuto il vaccino, dicono gli esperti.

Secondo un recente rapporto alcune donne sentono questi linfonodi delle ascelle e li scambiano per noduli al seno

Inoltre, questi linfonodi ingrossati possono presentarsi in una mammografia anche se le donne non possono sentirli. Ciò ha spinto la Society of Breast Imaging a raccomandare alle donne di posticipare qualsiasi mammografia programmata entro quattro settimane dall’ultima iniezione di COVID-19.

Il gonfiore dei linfonodi post- vaccino è comune e innocuo, ma i medici temono che possa causare un’indebita paura tra le donne. Potrebbe anche innescare un falso positivo su una mammografia, aumentando la necessità di ulteriori test non necessari, ha affermato il dottor Brett Parkinson, direttore medico dell’Intermountain Medical Center Breast Care Center a Murray, Utah.

“È molto insolito nella normale popolazione di screening vedere i linfonodi ingrossati. Lo vediamo solo dallo 0,2% allo 0,4% delle volte”, ha detto Parkinson. “Quindi quando lo vediamo, solleviama una bandiera rossa, perché quando è presente quel tipo di gonfiore dei linfonodi, circa il 50% delle volte, può rappresentare un cancro al seno metastatico che è passato dalla mammella al linfonodo sotto il braccio, o una leucemia o un linfoma “, ha aggiunto.

Quando i medici lo vedono, vogliono che il paziente ritorni. “Facciamo ulteriori test, di solito ultrasuoni, e spesso faremo una biopsia per escludere uno di quei tumori maligni”, ha detto Parkinson.

Ha notato che circa il 16% dei pazienti in sperimentazione clinica aveva linfonodi ingrossati, dopo la seconda iniezione del vaccino Moderna e il vaccino Pfizer hanno prodotto un effetto simile.

“In realtà ho avuto un linfonodo ascellare [ascella] palpabile dopo la mia vaccinazione”, ha detto Parkinson. “Succede anche negli uomini.”

Una serie di case report pubblicati di recente online sulla rivista Clinical Imaging ha descritto in dettaglio quattro donne che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 e che hanno poi richiesto lo screening del seno.

Alcuni erano preoccupati di avere un cancro al seno. Ad esempio, una donna di 59 anni con una storia familiare di cancro al seno ha ricevuto un’ecografia mirata per valutare un nodulo sotto l’ascella sinistra, nove giorni dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer, secondo il rapporto di un team del dipartimento di radiologia a Weill Cornell al NewYork-Presbyterian di New York City.

Altri hanno ricevuto un falso positivo. Questo è stato il caso di una donna di 42 anni che ha avuto una mammografia di routine e si è scoperto che aveva più linfonodi ingrossati nell’ascella sinistra. Quindi è dovuta tornare per un esame ecografico di follow-up per escludere il cancro.

Aubrey Lewis, un’infermiera degli ospedali universitari di Cleveland, ha detto a ABC News che inizialmente non aveva effetti collaterali con il vaccino Moderna, ma dopo pochi giorni ha riscontrato gonfiore in uno dei suoi linfonodi. “Ho sentito sotto la mia ascella per vedere se c’era qualcosa lì e ho sentito un nodulo. Era un po ‘duro, ma ancora mobile, si muoveva”, ha detto Lewis. “Ero tipo, ‘È un posto strano per avere un linfonodo dolente’, ma non appena ho messo insieme due più due – che avevo appena ricevuto il vaccino COVID su quel lato – ho pensato che fosse correlato a quello,” ha continuato.

Sulla base di questi casi e della raccomandazione della Society of Breast Imaging, un certo numero di sistemi sanitari a livello nazionale chiede alle donne di ritardare la mammografia per almeno un mese dopo la vaccinazione, ha detto Parkinson.

“Quello che stiamo facendo nella nostra struttura è che abbiamo una segnaletica che dice: ‘Se hai ricevuto il vaccino COVID nelle ultime quattro settimane, ti preghiamo di parlare con la nostra reception e ti daremo l’opportunità di parlare con uno dei nostri fornitori in clinica ‘”, ha detto. “Diamo alle donne la possibilità di andare avanti e fare la mammografia, ma con la consapevolezza che possono essere richiamate”.

Fonte: https://grandeinganno.it/2021/03/24/un-effetto-collaterale-della-vaccinazione-covid-19-mima-il-cancro-al-seno/

MANUALE PER SALVARE I SEMI DELL'ORTO E LA BIODIVERSITà
Scopri e difendi 117 ortaggi, erbe aromatiche e fiori alimentari - Unisciti ai seed savers e goditi i miracoli della natura
di Michel e Jude Fanton

Manuale per Salvare i Semi dell'Orto e la Biodiversità

Scopri e difendi 117 ortaggi, erbe aromatiche e fiori alimentari - Unisciti ai seed savers e goditi i miracoli della natura

di Michel e Jude Fanton

Salvare i semi è un'azione importante come imparare a leggere e scrivere. Recuperare semi antichi, seminarli, riprodurli e condividerli con altri agricoltori rappresenta un grande gesto educativo.

I fondatori della rete australiana Seed Savers, Michel e Jude Fanton ci mostrano come proteggere il patrimonio alimentare mondiale attraverso la raccolta e salvaguardia dei semi del nostro orto e giardino.

Come decidere quali semi mantenere? Quali criteri adottare per la loro selezione e raccolta? Cosa fare per conservarli correttamente? Come ripiantarli nel giusto periodo?

Jude e Michel Fanton, rispondono a tutte queste domande dopo aver dedicato tutta la loro vita alla salvaguardia, localizzazione e scambio di semi antichi: quelli che possono essere conservati fedeli all'originale in condizioni locali e, soprattutto, quei semi a impollinatura aperta che mantengono la vitalità di produzione, anno dopo anno, senza l'utilizzo di pesanti fertilizzanti artificiali.

Gli autori, esperti Seed Savers, ci descrivono:

  • come raccogliere in maniera corretta i semi,
  • quali cicli di crescita, propagazione e coltivazione seguire,
  • la cucina tradizionale e gli usi medicinali di oltre un centinaio di verdure, erbe aromatiche e fiori commestibili.

Quest'opera ci insegna a ritornare alla pura e semplice capacità, oggi ormai perduta, di raccogliere i semi dalle stesse piante che seminiamo nell'orto o nel giardino, ricominciando da dove si erano fermati i nostri genitori o nonni che selezionavano e conservavano le semenze delle piante alimentari di anno in anno.

In mancanza di coltivatori appassionati e in mano solo delle multinazionali, i semi dei nostri principali alimenti non potrebbero esistere: sono sicuri solo nelle mani di persone che li salvano, li coltivano e ne mangiano i frutti.

Un manuale utilissimo per tutti noi che coltiviamo buon cibo nei nostri orti o nelle nostre aziende agricole. Un'opera essenziale per tutti gli orticoltori, agricoltori, cuochi e genitori che desiderano una vita sana con un'alimentazione naturale, per far crescere i propri bambini con gusti variegati e un cibo genuino.

...

I commenti sono chiusi.