Ucraina ► 1° Attacco russo di soppressione elettronica

Le forze russe hanno messo in scacco tutti i collegamenti elettronici dell’Esercito ucraino, dal GPS alle comunicazioni radio, mediante i sistemi soppressione elettronica di cui dispongono i reparti specializzati russi.

Nel Donbass, la Russia è meno in guerra contro Kiev che contro il triangolo USA/Turchia/Israele, proprio come nel Nagorno-Karabakh o in Siria. Da qui questo primo attacco molto mirato da parte della Russia. L’esercito russo ha inferto un duro colpo all’esercito ucraino nel Donbass, utilizzando potenti mezzi di guerra elettronica e soppressione elettronica, compresi quelli che hanno un potente effetto diretto sui veicoli spaziali. Nel processo, le forze armate ucraine hanno perso una serie di vantaggi e non potevano più utilizzare le comunicazioni satellitari, le stazioni radar, i veicoli aerei senza pilota, i complessi di ricognizione elettronica, ecc.

“L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) afferma di vedere un aumento dell’attività di disturbo GPS nella regione. Ciò ha influenzato la possibilità di monitorare la situazione nel Donbass nel quadro dell’accordo esistente tra Russia e Ucraina. Pertanto, tutti questi passaggi sollevano preoccupazioni su uno scenario imminente di crescente tensione tra i due paesi “, ha detto il notiziario Sokha . Secondo gli esperti, con tali azioni, la Russia intende costringere Kiev a tornare all’attuazione degli accordi di Minsk, tuttavia la Russia è anche pronta a inviare le sue truppe nel Donbass.

Mezzi mobili di soppressione elettronica

Mezzi mobili di soppressione elettronica

“La Marina russa schiera 10 navi da guerra, comprese navi d’assalto anfibie e piccole navi di artiglieria, dalla flotta del Mar Caspio al Mar Nero. Il dispiegamento sembra essere parte di un piano per tenere un più ampio esercizio di preparazione al combattimento, ma è un passo importante in quanto si verifica sullo sfondo dell’esercito russo che continua a rafforzare le sue forze a livelli “allarmanti” molto vicini al confine con l’Ucraina .

La strategia di Putin prevede di estendere il fronte siriano fino all’Ucraina per contrastare i piani di USA, Turchia e Israele.

Fonte: https://parstoday.com

Traduzione: Gerard Trousson

Controinformazione.info

Segui► VociDallaStrada su Telegram

Fonte: https://www.vocidallastrada.org/2021/04/ucraina-1-attacco-russo-di-soppressione.html

FATTO IN CASA
Smetto di comprare tutto ciò che so fare!
di Lucia Cuffaro

Fatto in Casa

Smetto di comprare tutto ciò che so fare!

di Lucia Cuffaro

Un gesto semplice come quello di autoprodurre il pane può essere rivoluzionario?

Il saper fare ci rende più liberi e informati, ed è questa consapevolezza, assieme a valori di sobrietà, condivisione e recupero della tradizione, che l’autrice, partendo dalla sua esperienza personale, prova a trasmettere.

Con una scrittura semplice e vivace, il libro propone ricette dimostrative che toccano molti temi del nostro vivere quotidiano:

  • alimentazione
  • cosmesi
  • igiene personale
  • pulizie naturali
  • riciclo creativo
  • rimedi per la salute
  • orto e cura delle piante.

Grande attenzione è data al risparmio e alla facilità di realizzazione, proponendo puntualmente ingredienti di base facilmente reperibili ed economici.

Imparando a conoscere le sostanze contenute nei prodotti di largo uso, ognuno di noi può, nel suo piccolo, agire in modo concreto per migliorare il proprio stile di vita, liberandosi dalla dipendenza da un mercato che ci impone di acquistare prodotti spesso dannosi per l’ambiente e per la nostra salute, con un occhio al portafoglio e un gran divertimento, per riscoprire il sapere perso dalle nostre mani.

“Il disagio provocatomi negli anni dal vivere in un contesto che va in direzione opposta al mio sentire mi ha portato a farmi molte domande: nel piccolo, nel proprio esistere quotidiano, è possibile fare qualcosa?”
Lucia Cuffaro

“La decrescita felice si propone di ridurre il consumo delle merci che si possono sostituire con beni autoprodotti ogni qual volta ciò comporti un miglioramento qualitativo e una riduzione dell’inquinamento, del consumo di risorse, dei rifiuti e dei costi (per esempio: il pane fatto in casa). Il suo obbiettivo non è il meno, ma il meno quando è meglio”.
Maurizio Pallante

 

...

I commenti sono chiusi.