Terrorizzano i cittadini ma loro improvvisano

di Marcello Veneziani

Ma credete davvero che la soluzione universale sia la mascherina? Pensate davvero che quella sia la panacea per fronteggiare la pandemia? Ritenete veramente che la mascherina sia lo spartiacque etico, politico, sanitario e perfino morale per giudicare l’umanità e dividerla in un giudizio universale tra beati e dannati?

Sono tra quelli che dicono: usare la mascherina servirà a poco ma è meglio che niente, è un esile argine al contagio e un simbolo di attenzione all’epidemia. Non avendo altri rimedi, meglio che niente. Appena posso me ne libero, ma rispetto le regole.

Però in che razza di civiltà, di paese evoluto, di mondo progredito viviamo se dopo svariati mesi di virus cinese (perché la chiamiamo la spagnola o l’asiatica e non la cinese?) siamo ancora a credere che tutto si risolva come facevano i primitivi: distanziandosi, rintanandosi, mascherandosi, lavandosi le mani e accusando coloro che non lo fanno, augurando loro ogni male? Le vittime della cinese non sono in particolare gli spavaldi, i no-mask o simili; ma si contano tra gli uni come tra gli altri, anche tra i predicatori di mascherine e norme igieniche a oltranza, ci sono perfino ex-ministre della salute che assicurano di aver seguito scrupolosamente tutte le direttive sanitarie; c’è gente di ogni risma e religione, credenti nel virus, devoti della mascherina e non solo negazionisti, atei del covid o minimalisti.

Ma faccio un passo oltre e dico pensando al governo, alle istituzioni, alle task force ridotte a mask force, i commissari e gli apparati del sistema: da mesi la cura è ritorta solo sui cittadini, sembra una sfida tra i singoli e il Male. La popolazione in generale sta osservando i precetti e le limitazioni, ma sul piano strategico e istituzionale, governativo e sanitario che si sta facendo? A svariati mesi dal suo debutto come prima emergenza planetaria, stiamo ancora in affanno coi test, s’impiegano dieci ore e più per un tampone, sapendo che poi devi ripeterlo a breve; gli ospedali sono già al collasso, non bastano tra pochi giorni i posti in terapia intensiva, e così via. Ma si può pensare di fronteggiare la pandemia spostando la terapia, la profilassi, sugli utenti e la virtù delle mascherine, i palliativi e l’isolamento, l’astinenza da ogni festa o assembramento in un modello di ascetismo sanitario di massa? Possibile che tutto sia caricato sulle spalle della gente e nulla sia stato fatto in questi mesi sul piano sanitario, strutturale, organizzativo, preventivo per fronteggiare meglio la seconda ondata, peraltro prevista? A che serve un governo speciale dell’emergenza oltre agli show del premier e al vanto di come siamo bravi noi, che fenomeni ci sono al governo, quando non c’è stata alcuna programmazione e tutto dipende dal comportamento virtuoso dei cittadini? Possibile che a livello governativo l’unico interesse sia il fatturato politico per il governo in carica, la polizza covid per restare al potere grazie al morbo?

Sul piano globale resta poi il mistero della Cina, che vanta zero contagi e nessun ritorno a casa del virus; né si capisce il cammino saltellante del virus che va dal nord al sud, a zig zag; colpisce alcuni paesi più di altri limitrofi, colpisce a macchia di leopardo o meglio “alla ciecata”. Le misure adottate contano poco se si considera che paesi che hanno affrontato in modo diverso si trovano nella stessa situazione e viceversa paesi affini per profilassi, clima o popolazione hanno avuto sorti differenti. Non abbiamo ricavato una regola, anche se in tv ci volevano far credere che il virus colpiva i paesi sovranisti.

Curiosi poi certi governatori nostrani, come il leggendario De Luca: se il virus risparmia la Campania è merito suo e delle sue misure plateali; se ora la flagella, è colpa del virus e del malocchio, che colpa ne ha lui? È ragionevole obbiettare che se non è colpa di chi governa l’ondata nuova di pandemia non era neanche loro merito quando era poco nociva? Quanti guappi di cartone, oltre quelli campani e laziali, usavano sarcasmo verso le regioni più colpite dal virus vantandosi di essere stati più tempestivi ed efficienti; si sono vantati di aver tenuto a bada la bestia quando la bestia dormiva dalle loro parti; ma quando poi la bestia si è svegliata anche da loro, hanno subito dichiarato collasso delle loro strutture sanitarie e della loro assistenza.

Ma che paese civile è sapere con svariati mesi d’anticipo che sta arrivando una nuova ondata, terrorizzare ogni giorno la gente e ammonirla venti volte al dì – non abbassate la guardia! Il virus torna! – e poi non dotarsi di una strategia, pur disponendo di schiere di generali, commissari, guru, presidenti vanterini e medici-scienziati esibizionisti sempre in video; e farsi trovare del tutto impreparati, sprovvisti, spiazzati dal ritorno aggressivo del virus, anche se molto meno letale finora? Tra pochi giorni siamo al collasso, ci dicono; ma in tutti questi mesi oltre a predicare ai cittadini, che avete fatto per attrezzarci alla seconda ondata? Possibile che tutti i doveri e tutti i problemi riguardino noi singoli, spaventati cittadini, a cui è stato inoculato un solo vaccino, il Paurosan, uno psico-farmaco iniettato tramite i canali tv, che è il contrario di un placebo o di un ansiolitico, perché genera l’angoscia, aggrava l’ansia, amplifica la paura di tutto? Possibile che tutto si risolva nelle mascherine e nell’anti-movida e nel tetto alle famiglie (non più di sei), così ci mettiamo a posto la coscienza, non la salute? I governi si possono insediare senza investitura popolare; ma poi torniamo sovrani quando si tratta di assumerci direttamente sulle nostre spalle il peso del virus cinese. Evviva il regime di Zorro, la democrazia mascherata.

Articolo di Marcello Veneziani

VIVI GLI ECOVILLAGGI D'ITALIA
Esperienze & Soluzioni dalla Vita Comunitaria
di Lorenzo Olivieri, Jacopo Tabanelli

Vivi gli Ecovillaggi d'Italia

Esperienze & Soluzioni dalla Vita Comunitaria

di Lorenzo Olivieri, Jacopo Tabanelli

Sei in transizione da una vita totalmente urbana ad una più in Armonia con la Natura? Da oggi in poi inizierai un nuovo stile di vita... insieme ad un'intera rete di comunità che da anni vive nei Villaggi Ecologici d'Italia!

Una delle grandi esigenze del nostro tempo è ritrovare il contatto con la natura e con una comunità di persone affini.

Il giro degli ecovillaggi d'Italia, organizzato da Lorenzo e Jacopo insieme a numerosi esploratori della comunità Chakruna Way of Living, è un modo per conoscere chi nel Belpaese offre questa opportunità.

Da questa esperienza è nato un libro corale, fatto di voci diverse, tra viaggiatori, pionieri e i massimi esperti italiani, che rispecchiano la varietà e la bellezza di questo mondo, percorrendone la storia, le buone pratiche, le sfide e gli insegnamenti della vita comunitaria.

Un testo rivolto a chi vuole approcciarsi alla vita in ecovillaggio, trascorrendovi un periodo come volontario o aderendo ad una realtà esistente; rivolto a chi desidera fondarne uno e conoscerne più a fondo le dinamiche, le sfide e le opportunità, ma anche alle persone che vivono in città che stanno attraversando un momento di transizione nella propria vita.

Un libro per persone libere e consapevoli: per coloro che non vogliono piegarsi alle logiche del sistema in cui siamo immersi, né vivere una vita di continua lotta e conflitti, ma che decidono di organizzarsi amorevolmente, in armonia con la natura, creando la vita che veramente sentono di meritarsi.

È per noi che crediamo in una terza via: creare il nostro mondo, una nuova umanità.

Spesso acquistati insieme

...

I commenti sono chiusi.