Suzanne O’Sullivan: il cervello può farci ammalare

Con la frase “il cervello può farci ammalare” si fa allusione a un fatto: molte malattie organiche hanno origine da problemi psichici irrisolti.

La dottoressa Suzanne O’Sullivan è una famosa neurologa, autrice del libro È tutto nella tua testa. Nella sua opera, insiste su un’idea: Il cervello può farci ammalare. Con ciò fa riferimento all’ignoto mondo delle malattie psicosomatiche.I disturbi psicosomatici sono ormai noti da tempo, ma nel pieno del XXI secolo continuano a suscitare incomprensioni e a generare domande. Alcuni pensano che siano simulazioni inconsapevoli e che, come indica Suzanne O’Sullivan, il cervello possa farci ammalare. Non si tratta di malattie inesistenti, bensì i loro sintomi hanno origine nella mente.

“Di cento malattie, cinquanta sono prodotte per colpa, quaranta per ignoranza.”

Paolo Mantegazza

Un dolore psicosomatico alle gambe è totalmente reale, ma è generato da un problema non direttamente legato ai due arti. Chi ne è vittima prova dolore proprio come chi ha l’arto danneggiato. La differenza è che non è un causato da una ragione fisica a causarlo, bensì una condizione psichica.

Donna di spalle che si abbraccia

La psicosomatica

Suzanne O’Sullivan ricorda che tutte le emozioni generano cambiamenti a livello fisico. Per esempio, le famose farfalle nello stomaco che proviamo quando ci troviamo davanti a una persona che amiamo, una sensazione fisica che affonda le radici nei sentimenti e nelle emozioni. Lo stesso accade quando parliamo in pubblico e il cuore batte più forte e le gambe tremano.

Nei due esempi citati, nessuno mette in dubbio la connessione tra emozioni e manifestazioni fisiche. Quando invece si parla di malattia psicosomatica, ecco che appaiono alcuni dubbi. In molti sono d’accordo sul fatto che la paura possa far tremare le gambe, ma rinnegano che la stessa possa causare mali più gravi.

Trattasi di una contraddizione in cui cadono anche alcuni medici. Questa diffusa credenza ci porta a separare la mente dal corpo e a considerare i fenomeni della mente come fittizi, mentre quelli del corpo come reali. Se i due ambiti fossero separati, non sentiremmo però le “farfalle nello stomaco” o i brividi di fronte a situazioni ad alto carico emotivo.

L’esperienza di Suzanne O’Sullivan

La stessa Suzanne O’Sullivan è rimasta sorpresa dalla conclusione a cui è giunta, ovvero che il cervello può farci ammalare. Nella fase iniziale del suo percorso medico come neurologa, trattava pazienti con sintomi gravi. Nel caso di alcuni pazienti con convulsioni epilettiche, scoprì che non esisteva un problema a livello neurologico che potesse spiegare tale sintomo.

Molte volte si era chiesta se questi pazienti stessero fingendo. Con il tempo, ha scoperto che non era così: queste persone soffrivano di convulsioni ed epilessia proprio come i pazienti con evidenti cause neurologiche.

È così che è giunta all’idea secondo cui il cervello può farci ammalare, sostenendo cioè che la causa di un quadro sintomatico può avere origine nella mente e non necessariamente nel corpo. Le manifestazioni della malattia sono le stesse, la differenza risiede nell’origine e, quindi, nel protocollo di intervento adeguato.
Testa umana che si disintegra

Un problema generalizzato

La dottoressa O’Sullivan racconta che molti suoi pazienti si mostravano delusi, persino infastiditi, quando li informava che il loro problema era di natura psicosomatica. Richiedevano che gli esami venissero ripetuti e chiedevano l’opinione di altri medici. Quella che avrebbe potuto essere una buona notizia, si rivelava spesso negativa in quanto il paziente si sentiva etichettato come “pazzo”.

In questo senso, l’uomo è spesso più abile a camuffare e nascondere i sentimenti piuttosto che a riconoscerli come sintomi emotivi. Così facendo, favorisce il generarsi di un malessere che può sfociare in un sintomo fisico, in genere di natura psicosomatica. Al momento della diagnosi, quindi, la persona si trova a dover riconoscere ciò che aveva scelto di ignorare. Molte persone non sono pronte a farlo o sono scettiche di fronte all’idea.

Uno studio condotto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) segnala che una persona su cinque ha almeno sei sintomi fisici che non possono essere spiegati a livello organico e sono pertanto definiti psicosomatici. Un altro studio indica che almeno il 30% delle persone ricoverate in ospedale corrisponde a casi di malattie psicosomatiche.

In molti casi, il problema è la resistenza del paziente ad accettare la diagnosi; teme che possa esistere una causa organica che sia sfuggita o che si tratti soltanto di una scusa per evitare un intervento, affidando la responsabilità ai farmaci o all’intervento di un chirurgo. D’altra parte, il paziente va contro i suoi interessi nel momento in cui non si attiva per comprendere le ragioni che lo hanno portato a somatizzare il problema e al manifestarsi di questi sintomi.

Disturbi psicosomatici: quando la mente ferisce il corpo

In ogni caso, la sofferenza è reale, pertanto è nostro dovere in quanto società continuare a studiare la psicosomatica e imparare ad abbattere molti falsi miti che ruotano attorno a essa. È la verità: il cervello può farci ammalare.

Fonte: https://lamenteemeravigliosa.it/secondo-suzanne-osullivan-il-cervello-puo-farci-ammalare/

LE RISPOSTE DEGLI ANGELI - LE CARTE DELL'ORACOLO
44 carte con Miniguida
di Doreen Virtue, Radleigh Valentine

Le Risposte degli Angeli - Le Carte dell'Oracolo

44 carte con Miniguida

di Doreen Virtue, Radleigh Valentine

Gli Angeli hanno sempre una risposta per te.

A volte quel che serve è una risposta rapida, che vada dritta al dunque. Questo mazzo di carte ti offre proprio questo, dando risposte incisive, ma sempre dolci e incoraggianti.

Un mazzo che ti offre gli amorevoli incoraggiamenti degli angeli per compiere le scelte giuste nella tua vita.

Il significato delle carte:

La miniguida inclusa spiega il significato generale di ogni carta del mazzo di carte Le Risposte degli Angeli. Quando vuoi consultare il significato di una carta, trova la pagina corrispondente e leggine l'interpretazione.

La tua saggezza interiore ti dirà quale parte delle informazioni ti riguarda o può suscitarti qualche idea illuminante sulla tua situazione. Ricorda inoltre che l'intuizione è in grado di farti cogliere messaggi degli angeli ancora più specifici, così, mentre leggi, presta attenzione anche ai tuoi pensieri e alle tue emozioni.

Come lavorare con le carte Le Risposte degli Angeli

"Come faccio ad avere come risposta un sì o un no?

Come faccio a sapere con che tempistiche si verificherà un evento?

Voglio parlare con i miei angeli, ma non so leggere le carte. Come faccio ad avere una risposta?

Molto spesso durante i nostri corsi ci troviamo di fronte a queste domande. Spesso le persone vogliono risposte dettagliate alle loro domande, ma come fare quando invece si ha bisogno di una risposta veloce e facile da capire?

Abbiamo creato il mazzo di carte Le Risposte degli Angeli proprio per questo genere di situazioni. Magari quello che ti serve è una risposta stringata, e allora ti basta pescare una carta per avere un'iniezione di sostegno e fiducia in te stesso. O forse stai cercando di decidere tra diverse opzioni e hai bisogno di un segno inequivocabile che ti indichi quale scelta fare. Che la tua preoccupazione riguardi l'amore, il lavoro, la salute o le piccole decisioni quotidiane, queste carte ti permettono di avere le risposte che cerchi in modo semplice e immediato!

Le carte oracolari sono uno strumento antico e di tutto rispetto per entrare in comunicazione con gli angeli. Si basano sulla numerologia pitagorica, secondo la quale tutti i numeri e le immagini hanno frequenze energetiche matematicamente definite.

Non puoi sbagliare con queste carte perché operano in base all'infallibile Legge dell'Attrazione. Ciò significa che le tue domande (o quelle della persona per cui stai leggendo) attraggono sempre le carte perfette per le risposte di cui hai bisogno."

Doreen Virtue

...

I commenti sono chiusi.