Studio su Mascherine: con Ffp2, Deterioramento cognitivo e della Salute generale

di Antonio Albanese

Secondo un nuovo studio pubblicato sul sito di raccolta dati scientifici Medrxiv.org, l’utilizzo di mascherine fa aumentare notevolmente l’inalazione di CO2, causando un generale deterioramento cognitivo e della salute.

Secondo lo studio, utilizzando le FFP2, si supera velocemente la soglia di sicurezza di CO2, inalandone una quantità 10-20 volte superiore rispetto alla normale respirazione.

Si tratta del primo studio, in merito, che tiene conto del “rebreathing”- ovvero di valutazione della respirazione in circuito chiuso – con “captazione (inalazione) del CO2 dei gas espirati” in tempo reale.

Nello studio, ancora in fase preliminare, si raffrontano i valori di assunzione di anidride carbonica, come sappiamo dannosa per la salute:

  • con una respirazione libera si rileva una concentrazione 458 ppm di CO2
  • con l’utilizzo delle cosiddette mascherine chirurgiche ben 5.271 ppm
  • con le mascherine FFP2 si raggiunge addirittura la soglia 10.143 ppm

Tenendo conto che il limite di sicurezza sul lavoro e di 5000 ppm ci accorgiamo che la soglia è già superata utilizzando le mascherine chirurgiche, mentre è più che doppia con l’uso delle FFp2.

L’uomo inala l’ossigeno presente nell’aria durante l’inspirazione e rilascia anidride carbonica nell’aria durante l’espirazione. L’aria inspirata liberamente contiene normalmente una gran quantità di ossigeno mentre una minima quantità di anidride carbonica. L’aria espirata, invece, contiene solo il 16% di ossigeno, ma già il 4% di anidride carbonica. L’anidride carbonica già a partire da una concentrazione di 1000 ppm di anidride carbonica compromette prestazioni, la concentrazione e il benessere generale dell’individuo.

Con queste premesse immaginiamo come e quanto possa influire l’uso della mascherina, specialmente FFp2, nell’utilizzo continuativo che moltissimi ne fanno, per la salute e il benessere cognitivo.

Mentre dal 1° maggio le mascherine non saranno più obbligatorie in negozi, bar e ristoranti, musei, secondo l’Ordinanza “ponte” del Ministro della Salute di aprile, resta l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione di tipo FFP2 su mezzi di trasporto, spettacoli al chiuso e strutture sanitarie.

Senza contare l’obbligo, per i nostri figli, ad indossarla durante l’orario scolastico: fatto e costume gravissimo poichè in questo caso ad essere colpiti sono soggetti deboli e con un metabolismo ancora in via di sviluppo.

Anche all’aperto, c’è da dire purtroppo, anche finito l’obbligo, il Paese si scopre ancora terrorizzato e segnato da oltre due anni di campagna di terrorismo mediatico. La quotidianità degli italiani infatti non sembra affatto cambiata, in tanti indossano comunque Ffp2 o chirurgiche anche all’aperto o quando non obbligatorio.

Come ammesso anche da molte ex “virostar” come Matteo Bassetti, responsabile della diffusione e sedimentazione di questo orribile clima di panico, la mascherina da strumento sanitario si è trasformata in una sorta di “coperta di Linus”, un rifugio sicuro a cui aggrapparsi in un mondo fatto di informazioni contraddittorie, specie per i più piccoli.

Ed è cosi che la mascherina non andrà mai a finire nel secchio dei rifiuti, al massimo in una tasca, nell’altra il green pass, pronta ad essere tirata fuori magari a Settembre, quando, ci si può scommettere, gli obblighi torneranno, magari con la diffusione della notizia dell’ennesima variante micidiale.

Articolo di Antonio Albanese

Fonte: https://visionetv.it/studio-su-mascherine-con-ffp2-deterioramento-cognitivo-e-della-salute-generale/

DONNE CHE CORRONO COI LUPI —
di Clarissa Pinkola Estés

Donne che Corrono coi Lupi —

di Clarissa Pinkola Estés

Il libro-culto che ha cambiato la vita di milioni di donne.

Attingendo alle fiabe e ai miti delle più diverse tradizioni culturali, Clarissa Pinkola Estés fonda una psicanalisi del femminile attorno alla straordinaria intuizione della Donna Selvaggia, intesa come forza psichica potente, istintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi.

Clarissa Pinkola Estés, psicanalista junghiana nonché maestra indiscussa nella ricerca della felicità per milioni di donne, ripropone in una versione ampliata, aggiornata e ricca di approfondimenti l'intramontabile capolavoro di arte, poesia, psicologia e spiritualità che, dagli anni Novanta, continua ad affascinare e influenzare intere generazioni.

La Donna Selvaggia, intesa come forza psichica potente, istintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi è la straordinaria intuizione che ha fondato una psicanalisi del femminile.

E ha cambiato la vita di moltissime persone. Non meno originale è il metodo utilizzato dalla studiosa che, attraverso un lavoro di ricerca ventennale, ha attinto alle fiabe e ai miti presenti nelle più diverse tradizioni culturali, per aiutare il lettore a scoprire chi è veramente, a liberarsi dalle catene di un'esistenza non conforme ai bisogni più autentici e a «correre» con il proprio Sé.

Barbablù, La Piccola Fiammiferaia, Vassilissa, Il Brutto Anatroccolo... Fiabe udite durante l'infanzia e trasformate, in questo testo unico e ora ancora più chiaro e completo, in magiche suggestioni per crescere interiormente.

Dicono del libro

«Un successo planetario cominciato con un miracoloso passaparola.»
Io Donna

«Uscito negli anni Novanta è già un classico. Scritto per le donne, è un 'ottima sfida anche per gli uomini. »
Il Sole-24 ORE

«Tenete sul comodino quest'opera intramontabile. A più di dieci anni dalla sua uscita è ancora un libro magico, da aprire anche a caso, trovando sempre una risposta e un suggerimento su come evitare le trappole, sconfiggere i predatori e conquistare la propria libertà. »
Elle

...

I commenti sono chiusi.