Storie di ordinaria follia covid tra sceriffi e zombi terrorizzati

di Matteo Fagis

Scene di ordinario follia covidiota. Entro al market. A pochi passi sta il banco della frutta e della verdura. Vado spedito – devo giusto prendere una cosetta e uscire. Sono ancora con il piede destro per aria, prima di toccare terra, che una tranquilla e distinta signora mi ammonisce: “Si deve igienizzare le mani”

Io lo sapevo che sarebbe finita così. La paura fa novanta, ma il rincoglionimento fa novantamila. Con la storia di responsabilizzare le persone e santificare la delazione sistematica, ogni pirlacchione si sente ormai in diritto di rimbrottare, catechizzare e controllare il suo prossimo, con lo zelo della maestrina con la penna rossa.

Che poi, questi sceriffi mi fanno veramente ridere con la loro smania etica. Sono così infarciti di idiozia a schermo piatto da non riuscire a utilizzare la logica neppure per sbaglio. Al market, l’ultima cosa di cui vi dovete preoccupare è il covid. Voglio dire, guanti e guanti di plastica per prendere tre arance. Lo sapete che quella plastica, pure ammesso che venga riciclata, deve subire un trattamento e questo produce inquinamento? Secondo voi, chi lo respira?

ACQUISTA il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi. AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/ IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979

Ancora: ma voi vi preoccupate di un virus, quando il cibo che state comprando è pieno di conservanti, pesticidi, coloranti, additivi, ormoni e Dio solo sa cos’altro? Dico, ma ci pensate a tutto ciò, o credete sul serio che a uccidervi non sarà il cancro, a cinquant’anni, ma questo maledetto covid? E sia chiaro, non voglio fare il negazionista, ma avete presente quanta gente schiatta ogni giorno in conseguenza della merda che mangiamo e respiriamo? O credete davvero che l’hamburger del discount di Milano sia carne sana per essere venduta a quel prezzo, dopo che è stata ingrassata in chissà quale allevamento intensivo rumeno? Il virus esiste eccome, questo è palese, ma francamente non mi fa più paura delle conseguenze che potrebbero scaturire da tutte le merendine del cavolo che ho mangiato a pacchi fin da bambino.

Ma, al netto della logica – che è una causa persa con un popolo che ragiona ancora secondo il principio dell’ipse dixit -, è la pericolosità di questi personaggi che girano per le strade indisturbati, gridando all’assembramento e alla mascherina sotto il naso, a mettere paura. Un signore – anche questo distinto e apparentemente tranquillissimo -, in una strada semideserta vicino a casa, ha aggredito a urla e improperi una donna che portava in giro il cane senza avere la maschera. E sto parlando di improperi pesanti, tipo “stronza”, “bagascia”, ecc. Pensate che la mutazione di quel povero vecchio, che fino a un minuto prima camminava con un placido andazzo da pachiderma, mi ha talmente traumatizzato da ghiacciarmi all’istante, tant’è che non sono riuscito a intervenire in difesa della povera femmina.

Da quando è iniziato il regime di terrorismo sanitario – perché non è una pandemia questa, ma terrore interiorizzato -, ho visto cose che nella mia vita pre-covid non potevo neppure immaginare. Persone che in una via solitaria si spostano sull’altro marciapiede pur di non passarti neppure a cinque metri di distanza. Altri che, se non c’è via di fuga o è troppo tardi per schivarti, pur indossando la mascherina, si appiattiscono contro il muro – una ragazza, a inizio lockdown, me lo ricordo ancora, mi fissava neanche fossi stato sul punto di violentarla, quasi in preda al panico.

Tutto ciò non è normale e, soprattutto, non è logico. Se hai la maschera e mi passi vicino, tu comunque sei protetto. Ma, soprattutto, perché non iniziare battaglie anche contro le sigarette, i fumi di scarico generati dal traffico, il colesterolo? Ci sono centinaia di cose che uccidono più del covid, danneggiano gli altri e gravano sul sistema sanitario nazionale. Praticamente, dovreste essere in guerra contro tutto e tutti, h24. Ma meglio non suggerirvelo perché ho già il timore che il prossimo conflitto mondiale potrebbe essere una guerra sanitaria – no, non nel senso di batteriologica, ma per combattere tutto ciò che fa male all’uomo, una guerra tra folli insomma, più o meno come quella che stiamo vivendo.

Articolo di Matteo Fagis

Canale Telegram di Matteo Fais: https://t.me/matteofais

Chat WhatsApp di Matteo Fais: +393453199734

MATTEO FAIS nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha scritto per varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. Da ottobre, è nelle librerie il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi.

Fonte: http://www.ildetonatore.it/2021/03/29/leditoriale-storie-di-ordinaria-follia-covid-tra-sceriffi-e-zombi-terrorizzati-di-matteo-fais/

TAROCCHI DI MARSIGLIA DI CAMOIN E JODOROWSKY — CARTE
di Alejandro Jodorowsky, Philippe Camoin

Tarocchi di Marsiglia di Camoin e Jodorowsky — Carte

di Alejandro Jodorowsky, Philippe Camoin

I Tarocchi di Marsiglia sono tra i più famosi al mondo e vengono considerati la Versione classica del mazzo di Tarocchi.

Mazzo interamente ridisegnato a mano da Philippe Camoin in collaborazione con Alejandro Jodorowsky

Philippe Camoin, erede dei maestri fabbricanti di carte marsigliesi che hanno diffuso i Tarocchi di Marsiglia dal 1760, e Alejandro Jodorowsky, cineasta e appassionato di Tarocchi, hanno lavorato insieme per ricostruire i Tarocchi di Marsiglia, al fine di recuperare i concetti esoterici e filosofici presenti nei Tarocchi originali.

La fabbrica della famiglia Camoin risale al 1760 grazie al suo fondatore Nicolas Conver, ma i suoi Tarocchi non contenevano la Struttura Cifrata presente nei tarocchi Camoin-Jodorowsky. I Tarocchi che Philippe Camoin ha creato con Alejandro Jodorowsky si distinguono chiaramente dai Tarocchi di Conver, sia per i colori che per la quantità di simboli.

Alejandro Jodorowsky ha voluto "restaurare" i Tarocchi di Marsiglia, nel senso di restituire loro una nuova forza e l'importanza che realmente meritano. Per Jodorowsky e Camoin, i Tarocchi sono una macchina metafisica. Camoin voleva esteriorizzare una Struttura Cifrata esoterica che altrimenti sarebbe stata persa nei secoli.

Combinando simboli presi nei vecchi tarocchi diffusi in tutta l'Europa, i due autori sono riusciti a ricreare un insieme simbolico coerente e completamente inedito.

Ti può interessare anche...

La Via dei Tarocchi

Alejandro Jodorowsky, Marianne Costa

(76)

Da più di quarant'anni Alejandro Jodorowsky si è dedicato allo studio dei tarocchi, una parte fondamentale del suo percorso artistico e terapeutico. Ogni mercoledì, quando è a Parigi, lo si può incontrare in un caffè vicino a casa mentre...

? 22,00 ? 20,90 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda
...

I commenti sono chiusi.