Sindrome da Immunodeficienza Acquisita da Vaccino (VAIDS)

“Dovremmo aspettarci di vedere questa erosione immunitaria più ampiamente”.

“Se l’erosione immunitaria si verifica dopo due dosi e solo pochi mesi, come possiamo escludere la possibilità che gli effetti di un “richiamo” non testato non si erodano più rapidamente e in misura maggiore?’

Uno studio di Lancet che ha confrontato persone vaccinate e non vaccinate in Svezia è stato condotto su 1,6 milioni di individui in nove mesi. Ha dimostrato che la protezione contro il COVID-19 sintomatico è diminuita nel tempo, in modo tale che entro sei mesi alcuni dei gruppi vaccinati più vulnerabili erano a maggior rischio rispetto ai loro coetanei non vaccinati.

I medici chiamano questo fenomeno l’ “erosione immunitaria” o l’ “immunodeficienza acquisita” ripetutamente vaccinati, che spiegano l’elevata incidenza di miocardite e altre malattie post-vaccino che li colpiscono più rapidamente, con conseguente morte, o più lentamente, con conseguente malattia.

I vaccini COVID non sono vaccini tradizionali. Piuttosto, inducono le cellule a riprodurre una porzione del virus SARS-CoV-2, la proteina spike. I vaccini inducono quindi il corpo a creare proteine ​​​​spike. Una persona crea solo anticorpi contro questa porzione limitata (la proteina spike) del virus. Questo ha diversi effetti deleteri a valle.

In primo luogo, questi vaccini “allenano” il sistema immunitario a riconoscere solo una piccola parte del virus (la proteina spike). Varianti che differiscono, anche leggermente, in questa proteina sono in grado di sfuggire allo ristretto spettro di anticorpi creato dai vaccini.

In secondo luogo, i vaccini creano “tossicodipendenti da vaccino”, il che significa che le persone diventano dipendenti da normali dosi di richiamo, perché sono state “vaccinate” solo contro una piccola parte di un virus mutante. Il ministro della Sanità australiano, il dottor Kerry Chant, ha dichiarato che il COVID sarà con noi per sempre e le persone dovranno “abituarsi” a prendere infiniti vaccini. “Questo sarà un ciclo regolare di vaccinazioni e rivaccinazioni”.

Libri e varie

In terzo luogo, i vaccini non prevengono l’infezione nel naso e nelle vie aeree superiori e gli individui vaccinati hanno dimostrato di avere cariche virali molto più elevate in queste regioni. Questo porta i vaccinati a diventare “super-diffusori” poiché trasportano cariche virali estremamente elevate.

Inoltre, i vaccinati si ammalano più clinicamente dei non vaccinati. La Scozia ha riferito che il tasso di mortalità per infezione nei vaccinati è 3,3 volte rispetto ai non vaccinati e il rischio di morte se ricoverati in ospedale è 2,15 volte rispetto ai non vaccinati.

Un rapporto di giugno su Channel 12 News di Israele ha rivelato che nei mesi trascorsi dall’introduzione dei vaccini, 6.765 persone che hanno ricevuto entrambi i colpi avevano contratto il coronavirus, mentre la traccia epidemiologica ha rivelato che altre 3.133 persone hanno contratto COVID-19 da quegli individui vaccinati .

Nel frattempo, i ricercatori del New England Journal of Medicine hanno scoperto che la risposta autoimmune alla proteina spike del coronavirus può durare indefinitamente: “Gli anticorpi Ab2 che si legano al recettore originale sulle cellule normali hanno quindi il potenziale per mediare effetti profondi sulla cellula che potrebbero provocare cambiamenti patologici. , in particolare a lungo termine, molto tempo dopo che l’antigene originale stesso è scomparso”. Questi anticorpi prodotti contro la proteina spike del coronavirus potrebbero essere responsabili dell’attuale ondata senza precedenti di miocardite e malattie neurologiche, e ancora più problemi in futuro.

La risposta autoimmune indefinita e incontrollata alla proteina spike del coronavirus può produrre un’ondata di anticorpi chiamati anticorpi anti-idiotipi o Ab2 che continuano a danneggiare i corpi umani molto tempo dopo aver eliminato lo stesso Sars-Cov-2 o quelle proteine ​​spike che i colpi provocano alle cellule del corpo. produrre, ha spiegato l’ex giornalista del New York Times Alex Berenson .

Gli anticorpi della proteina Spike possono essi stessi produrre una seconda ondata di anticorpi, chiamati anticorpi anti-idiotipi o Ab2. Quegli Ab2 possono modulare la risposta iniziale del sistema immunitario legandosi e distruggendo la prima ondata di anticorpi.

“Il nostro sistema immunitario produce questi anticorpi in risposta sia alla vaccinazione che all’infezione naturale con COVID”, ha scritto Berenson. “Tuttavia – sebbene i ricercatori non lo dicano esplicitamente, forse perché farlo sarebbe politicamente insostenibile – i livelli di anticorpi della proteina spike sono MOLTO più alti dopo la vaccinazione rispetto all’infezione. Quindi la risposta a valle alla vaccinazione potrebbe essere più severa”.

L’ex vicepresidente di Pfizer, Michael Yeadon, Chief Science Officer di America’s Frontline Doctors (AFLDS) ha risposto alla ricerca: “Questo è senza precedenti. Quello che sta succedendo non si capisce”.

I commentatori della TV israeliana hanno riferito che i contatti del Ministero della Salute hanno definito questa ‘erosione immunitaria’:

“Mentre alcuni sono preoccupati che gli anticorpi IgG nel sangue diminuiscano con il tempo, non sono convinto che questa sia una misura rilevante”, ha continuato Yeadon. “L’infezione da virus respiratorio inizia nei polmoni e nel rinofaringe. Né sono protetti dagli anticorpi del sangue, che sono molecole troppo grandi per diffondersi nei tessuti delle vie aeree. Ciò che protegge dall’infezione e dalla replicazione virale iniziale sono gli anticorpi IgA secretori e le cellule T nelle vie aeree, nessuno dei quali è stato studiato in alcun test di efficacia”.

“I dati empirici sono molto preoccupanti. Nella maggior parte dei paesi oggi, sono state vaccinate alte frazioni della popolazione. Se lo studio svedese è una guida, dovremmo aspettarci di vedere questa erosione immunitaria più ampiamente. L’aspetto più preoccupante di quello studio è che i più bisognosi di protezione sono quelli in cui l’erosione immunitaria è più marcata: gli anziani, i maschi e quelli con comorbilità”.

“Alcuni hanno utilizzato i risultati di questo studio per supportare l’uso diffuso dei cosiddetti colpi ‘booster’. Va detto: nessuno ha dati di sicurezza su un tale piano. Se l’erosione immunitaria si verifica dopo due dosi e solo pochi mesi, come possiamo escludere la possibilità che gli effetti di un “richiamo” non testato non si erodano più rapidamente e in misura maggiore? E quale sarebbe allora la risposta? Una quarta iniezione. Follia”.

“È passato molto tempo da quando i trattamenti farmacologici sicuri ed efficaci conosciuti possono essere utilizzati come risposta principale all’infezione sintomatica (antivirali, corticosteroidi, antinfiammatori)”.

“In questo modo, non esponiamo intere popolazioni a interventi medici sperimentali quando solo una piccolissima frazione della popolazione è a notevole rischio di questo virus, che, a parte il clamore, non è affatto eccezionale nella sua letalità rispetto a numerosi altri come l’influenza stagionale”.

Yeadon ha concluso: “L’Europa non c’è più. Le luci si stanno spegnendo. Austria e Germania ora sottopongono i loro non vaccinati agli arresti domiciliari. In Grecia, i non vaccinati sono soggetti a multe crescenti, il cui mancato pagamento viene convertito in carcere. In Lituania, i non vaccinati sono esclusi dalla società. Le campagne di richiamo stanno funzionando a pieno regime ovunque2.

“Qualcuno, da qualche parte, sa cosa accadrà. L’erosione immunitaria peggiorerà più rapidamente e in misura maggiore dopo questo “richiamo” non testato? Il governo del Regno Unito ha già detto che la quarta iniezione avverrà solo tre mesi dopo la terza. È una follia assoluta. Eppure il controllo ermetico dei media è tale che non emerge molto nella coscienza pubblica”.

Fonte originale: https://americasfrontlinedoctors.org/news/post/vaccine-acquired-immune-deficiency-syndrome-vaids-we-should-anticipate-seeing-this-immune-erosion-more-widely/

Fonte: https://www.globalresearch.ca/vaccine-acquired-immune-deficiency-syndrome-vaids-we-should-anticipate-seeing-immune-erosion-more-widely/5764177

LA DIETA PER LA VITA
Come mangiare e quando digiunare per favorire il benessere e la longevità
di Debora Rasio

La Dieta per la Vita

Come mangiare e quando digiunare per favorire il benessere e la longevità

di Debora Rasio

Secondo gli ultimi studi le famiglie italiane di oggi sono sempre più disorientate da vite stressanti, calendari zeppi di impegni e bisogni differenziati.

Debora Rasio, medico oncologo e nutrizionista, lo sa bene e per questo offre ai suoi lettori una bussola capace di guidarli lungo i principali sentieri che conducono alla piena salute: la cura dell’alimentazione, del sonno, del movimento fisico e dell’ambiente in cui viviamo.

La dieta per la vita suggerisce tante buone pratiche di semplice attuazione elaborate sulla base delle più recenti scoperte scientifiche, consigli concreti, proposte di menu e ricette, indicazioni rivolte sia agli adulti che ai bambini, dal concepimento fino all’adolescenza. Perché con il giusto approccio organizzativo, e una guida autorevole, si può davvero fare la differenza e migliorare la qualità della vita della nostra famiglia.

Un manuale prezioso da consultare in ogni momento, per scoprire che far stare bene i nostri figli e compagni non è complicato e, soprattutto, non è un compito al di là della nostra portata.

Siamo ciò che mangiamo e ciò che viviamo: dall’alimentazione, agli stili di vita, all’attenzione verso gli ambienti in cui abitiamo, un libro dall’approccio olistico, pensato per famiglie con bambini e poco tempo.

Dalla quarta di copertina

Quali sono le fondamenta di una vita lunga e in salute? Debora Rasio, oncologa e nutrizionista che ha dedicato la propria vita professionale allo studio dell’alimentazione come strumento fondamentale per la prevenzione delle malattie, non ha dubbi:

  • mangiare in modo naturale e bilanciato: facendo buon uso anche di vecchie perle di saggezza popolare (come cenare presto e poco e osservare la corretta preparazione degli alimenti) possiamo offrire alle nostre cellule e ai batteri “buoni” che vivono in noi i nutrienti necessari e le giuste pause per svolgere i loro compiti al meglio;
  • vivere secondo i ritmi naturali: rispettandoli ogni giorno quanto più possibile, ci assicuriamo energia e vigore;
  • praticare in modo accorto il digiuno: è una potente e sottovalutata via di ringiovanimento cellulare.

La dieta per la vita, aggiornata alle più recenti scoperte della scienza della nutrizione, fornisce con straordinaria chiarezza divulgativa gli strumenti pratici per ritrovare il benessere e riattivare la capacità innata del nostro corpo di autoripararsi e rigenerarsi attraverso il giusto equilibrio tra il mangiare e il digiunare.

Dopo il grande successo del best seller La dieta non dieta, Debora Rasio ci indica un nuovo originalissimo percorso in tre fasi, denso di informazioni e consigli pratici e arricchito di scrupolosi piani alimentari, che porterà tutti noi, passo dopo passo, a ritrovare salute, energia e vitalità.

Con la sua guida autorevole impareremo come curare e ringiovanire il nostro corpo senza fatica. E scopriremo che sentirsi bene e in armonia è non solo possibile, ma persino semplice.

...

I commenti sono chiusi.