Siamo agli Sgoccioli

di Alex Tattoli

È lampante ormai che la questione abbia perso la sua connotazione sanitaria. “Novax” è semplicemente ciò che si contrappone al governo e ciò che esso rappresenta.

Persone, oggetti, idee, fatti: tutto ciò che presenta un disallineamento è “novax”. La persecuzione e la propaganda procedono tranquillamente, protetti dalla sempre più debole giustificazione scientifica, ma forte della cieca pulsione securitaria della massa.

Ogni fenomeno della società si configura solo più a partire dal filtro della paura, dell’ubbidienza e della contraffazione della realtà in termini di minaccia e ricatto. Ci hanno preso gusto, non si fermeranno.

La finestra di Overton sta spostando il suo indicatore sempre più in là. Tra non molto farà accettare alla massa cose con le quali gli individui non avrebbero mai pensato di essere d’accordo.

E pur non sapendosi spiegare come sia potuto accadere che non gli suonino più inaccettabili, le accetteranno ugualmente, anzi le invocheranno perché non toccano loro, convinti di trarre un beneficio di qualche genere dalla loro affiliazione, trasformando di fatto il patto sociale in un enorme rito di magia nera con tanto di vittima sacrificale.

È un attacco dell’Uomo all’Uomo, al suo soffio intrinseco, alle letterature, alle arti, alla pace, alla natura, alla poesia, all’epistemologia, al sapere e dell’esistere stesso, insomma al Sacro.

Il nuovo mondo che stanno cercando di imporre assomiglia a una sorta cimitero/luna park, in cui la morte, travestita da vita, ornata di luci, ingioiellata di certezze, ubriaca di consenso, incede fiera sulla lapide dell’ Indicibile.

Ecco perché questa forma di resistenza non è più soltanto di carattere giuridico e sociale, ma è di ordine psicologico, antropologico, spirituale, esistenziale e, se chi la incarna è pressoché schiacciato e sarà forse costretto a rifugiarsi nei boschi, chi non vi prende parte è destinato a schiumare in un tepore marcescente e disciogliere il proprio sacro Sé in una enorme piscina impersonale di euforico nulla.

Articolo di Alex Tattoli

Fonte: https://sfero.me/article/siamo-sgoccioli

CALENDARIO DELLE STREGHE - 2024 — CALENDARIO
di Llewellyn (libri)

Calendario delle Streghe - 2024 — Calendario

di Llewellyn (libri)

Essere strega vuole dire essere in sintonia con la natura e il cuore del mondo. Questo calendario è un sentiero che ti conduce verso la conoscenza dei giorni propizi, giusti incantesimi e un pizzico di magia tutto l'anno.

Rallegra l’anno nuovo con il Calendario delle Streghe 2024 di Llewellyn!

Ogni mese trai beneficio dalla saggezza delle streghe, dagli incantesimi e dalle corrispondenze!

Punto di riferimento per le streghe dal 1998, questo famoso calendario include informazioni riguardanti i segni lunari e le fasi della Luna, le corrispondenze cromatiche giornaliere, le eclissi solari e lunari, i consigli di giardinaggio lunare e i mesi arborei celtici.

Presenta i movimenti planetari, compresi i retrogradi, e tabelle con le corrispondenze per praticare la magia con successo.

  • Gennaio: Divinazione per l’anno nuovo di Kate Freuler
  • Febbraio: I primi fiori di Elizabeth Barrette
  • Marzo: Incantesimo per il bagno psichico di Mat Auryn
  • Aprile: Spontaneità con la carta del Matto di Raechel Henderson
  • Maggio: Protezione della Croce di Sorbo di Mhara Starling
  • Giugno: Magia liminare ed energia del solstizio di H. Byron Ballard
  • Luglio: Magia dei gessetti di Diana Rajchel
  • Agosto: Saluto al Sole di raven Digitalis
  • Settembre: Incantesimo d’amore di Jason Mankey
  • Ottobre: Dare un taglio netto di Melissa Tipton
  • Novembre: Riconoscimento della terra di Blake Octavian Blair
  • Dicembre: Benedizioni semplici di Barbara Moore

Impreziosito dall'arte dello scratchboard di Jennifer Hewitson e dagli incantesimi stagionali di noti praticanti, il Calendario delle Streghe 2023 di Llewellyn arricchirà la tua arte magica durante tutto l'anno.

Infondi magia alle tue giornate e celebra il cambio delle stagioni con questo suggestivo calendario pagano.

...

I commenti sono chiusi.