Serrande abbassate. L’inarrestabile emorragia delle botteghe, del piccolo commercio che serviva l’area circostante

Sono falcidiati i cosiddetti negozi di prossimità, mentre aprono come funghi quelli realizzati in grandi centri commerciali che sorgono ormai ovunque.

Mi hanno stufato, chiudo“: così c’era scritto nei manifesti attaccati alla vetrina di un piccolo negozio della provincia padana, annunciando la svendita per chiusura definitiva. Il proprietario ha spiegato alla stampa che così non riesce più ad andare avanti. E non parlava di concorrenza, in particolare da parte dell’on line.

Il suo atto di accusa andava in direzione del nuovo registratore di cassa da acquistare (600 euro); all’obbligo di dotarsi del dispositivo Pos per i pagamenti elettronici (300 euro), del complesso di corsi da affrontare – importanti quanto onerosi in termini di tempo e soldi – in materia di sicurezza sul lavoro (obbligatori). Fino alla goccia che ha fatto traboccare il vaso: la necessità di dotarsi di un patentino per montare condizionatori d’aria, attività che fa da 40 anni: 1.500 euro per il corso.

A questo punto, la serranda si è abbassata, così come sta accadendo a ritmi vertiginosi in ogni piccolo centro della nostra vasta Italia, in ogni periferia non frequentata dal turismo, in ogni quartiere in prossimità di un grande centro commerciale.

Inutile guardare il saldo tra negozi aperti e quelli che ogni anno chiudono. È la dinamica a essere interessante: sono falcidiati i cosiddetti negozi di prossimità; aprono come funghi quelli realizzati in grandi centri commerciali che sorgono ormai ovunque: nelle cinture urbane come nei centri cittadini; dentro gli stadi di calcio come negli aeroporti; in vere e proprie “città dello shopping” come – oramai preponderanti – sul web.

Chiudono insomma le botteghe, il piccolo commercio che serviva l’area circostante – il panificio, il macellaio, la merceria, l’edicola -; l’elemento vitale per considerare un abitato un posto vivibile e non un dormitorio. Quelle botteghe erano la differenza tra il commercio diffuso italiano e i grandi mall americani, a tutto vantaggio del panorama tricolore. Oggi, invece: America.

A pagare il conto sono i più deboli, chi ha meno reddito, soprattutto gli anziani che vedono i tre etti di pane e la confezione di latte spostarsi a chilometri di distanza. E non tutti hanno la forza di salire in auto per fare la propria micro-spesa. Spesso, non hanno nemmeno l’auto.

Anche chi è più giovane e attivo vede cambiare un paesaggio urbano in modo importante. Per una passeggiata con sguardo sulle vetrine occorre ormai dirigersi verso questi stranianti centri commerciali, surrogati di centri cittadini oramai svuotati da incombenze, burocrazie, una selva di norme tutte giuste, tutte corrette, tutte necessarie, tutte però soffocanti (se messe insieme) per chi compie ogni giorno un atto di fede nell’alzare le serrande e aprire il negozio. Fino a quando non ce la fa più e sbotta: mi hanno stufato.

Fonte: https://www.difesapopolo.it/Media/OpenMagazine/Il-giornale-della-settimana/ARTICOLI-IN-ARRIVO/Serrande-abbassate.-L-inarrestabile-emorragia-delle-botteghe-del-piccolo-commercio-che-serviva-l-area-circostante

SAPONI E SHAMPOO SOLIDI NATURALI
Fatti in casa - Manuale teorico e pratico
di Liliana Paoletti

Saponi e Shampoo Solidi Naturali

Fatti in casa - Manuale teorico e pratico

di Liliana Paoletti

Autoproduci saponi e shampoo risparmiando!

Ti spieghiamo come in questo libro, che contiene tante ricette facili e veloci, illustrato a colori.

Dopo il successo di Saponi e detersivi naturali, Liliana Paoletti tratta in questo nuovo libro l’argomento saponi solidi per l’igiene personale (e non solo), includendo tra questi i saponi-shampoo comunemente chiamati shampoo solidi.

Il libro contiene diversi procedimenti e 39 ricette di saponi, alcune semplici, altre particolari, ma non si tratta di un ricettario vero e proprio. Ti insegnerà tutto sull’uso degli oli, dei colori, delle erbe, dei profumi, ti svelerà tutti i trucchi per ottenere saponi perfetti; imparerai a costruire saponi partendo dalle materie prime e soprattutto a realizzare i saponi che la tua fantasia ti suggerirà senza necessitare di aiuti esterni.

Questo libro diventerà la tua guida per formulare e realizzare autonomamente tutti i saponi che vorrai!

Dalla Quarta di Copertina

Ti piacerebbe realizzare saponi usando solo sostanze naturali? Vuoi imparare come detergere pelle e capelli con saponi naturali ed evitare fastidiosi pruriti, rossori, dermatiti, forfora, desquamazioni ed eruzioni cutanee, che sempre più spesso si manifestano in conseguenza all’uso quotidiano dei detergenti sintetici? Sei stanco di acquistare prodotti per l’igiene personale a base di derivati petrolchimici, conservanti chimici, coloranti e profumi artificiali?

L’esperta di autoproduzione di sapone naturale Liliana Paoletti ti guiderà nella realizzazione di saponi e shampoo solidi, naturali e biodegradabili.

Potrai imparare a formulare i saponi in base alle reali esigenze della tua pelle usando esclusivamente sostanze naturali di tua scelta. Imparerai a usare le erbe e a preparare infusi, decotti e oleoliti e soprattutto ad arricchire i tuoi saponi con oli essenziali, personalizzandoli a seconda dei diversi tipi di pelle e capelli da trattare.

Leggendo queste pagine puoi imparare a...

  • conoscere i principali metodi di produzione del sapone e scegliere il più appropriato al tipo di sapone da creare
  • formulare e realizzare saponi e shampoo partendo dalle materie prime
  • usare erbe, infusi, decotti e oleoliti nel sapone
  • colorare, profumare, tagliare e rifinire il sapone
  • produrre saponi particolari come quello di Aleppo
...

I commenti sono chiusi.