Ron Paul: “L’incredibile contrazione dell’influenza americana”

di Ron Paul

Appena due settimane dopo che il Presidente Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano, il suo Segretario di Stato, Mike Pompeo, ha rivolto all’Iran 12 richieste che non potrebbero mai essere soddisfatte. Pompeo sapeva che le sue richieste sarebbero state impossibili da soddisfare. Sono stati progettati in questo modo. Proprio come l’ultimatum dell’Austria-Ungheria alla Serbia nel luglio 1914, che portò all’inizio della prima guerra mondiale. E proprio come le richieste impossibili fatte da Milosevic nel 1999 e a Saddam Hussein nel 1991 e nel 2003, e tante altre volte in cui Washington voleva la guerra. Queste richieste impossibili sono strumenti di guerra piuttosto che passi verso la pace.

US Navy / MCS 2nd Class Sean M. Castellano / Reuters

Il segretario Pompeo è furioso con  l’Iran. I media di notizie mainstream sono furiosi con l’Iran. Trump anche lui lancia anatemi contro l’Iran. Ma poi è successa una cosa strana: il nulla.
Gli iraniani hanno annunciato che rimarranno impegnati nella diplomazia e continueranno a sostenere il loro fine con l’accordo nucleare se gli europei e gli altri partner fossero disposti a fare lo stesso. Funzionari iraniani ed europei hanno quindi cercato contatti in difesa dell’accordo a Washington nella speranza di preservare le relazioni commerciali emergenti reciprocamente vantaggiose.

Washington ha risposto allo sgarbo europeo minacciando le sanzioni secondarie per le società europee che hanno continuato a fare affari con l’Iran che è stato ripetutamente provato essere in conformità con il patto. Qualsiasi relazione europea indipendente con l’Iran verrebbe punita, ha minacciato Washington . Ma poi, in realtà, non è successo granchè.

Piuttosto che saltare sul carro di Washington, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha fatto due viaggi in Russia a maggio, cercando di legarsi più strettamente con una via per l’accordo con l’Iran.

Russia e Cina sono stati nominati i nostri principali nemici nell’ultima strategia di sicurezza nazionale per gli Stati Uniti, ma entrambi i paesi trarranno beneficio dal ritiro unilaterale degli Stati Uniti dall’accordo con l’Iran. Quando la compagnia petrolifera francese Total è stata spaventata dalle minacce di Washington si è ritirata dall’Iran, un’impresa cinese ne ha preso il posto.

Sembra che il mondo si sia stancato delle minacce neocon di Washington. Ironia della sorte, i cinesi “comunisti” sembrano capire meglio degli Stati Uniti che nel capitalismo non si minacciano i propri clienti. Mentre gli Stati Uniti stanno minacciando e sanzionando e proibendo le relazioni economiche, i suoi avversari all’estero sono impegnati a cogliere i benefici del vero isolazionismo americano.

Se la riunione annullata dal presidente Trump con Kim Jong-Un della Corea del Nord rimane cancellata, la Corea del Nord e del Sud hanno dimostrato che continueranno con i loro sforzi di pacificazione. Come se Washington non fosse più rilevante.

Ho parlato spesso delle conseguenze non intenzionali della nostra aggressiva politica estera. Ad esempio, l’invasione dell’Iraq da parte del presidente Bush ha aiutato solo l’Iran – il nostro “nemico” – a diventare più dominante in Medio Oriente. Ma sembra che nuove conseguenze stiano emergendo, e per i neocon devono essere molto mancanti di intenzione: per tutta la loro bellicosità, minacce, richieste, sanzioni e persino bombe, il resto del mondo sta sempre più semplicemente ignorando le richieste di Washington e andando avanti con la proprie attività.

Mentre sono leggermente sorpreso da questo sviluppo, come libertario e non interventista accolgo con favore la crescente irrilevanza degli interventisti di Washington. Abbiamo una filosofia molto migliore e dobbiamo lavorare sodo per promuoverla in modo che possa essere finalmente provato dopo che il fallimento neocon è divenuto palese per tutti. Questa è la nostra grande opportunità!

Articolo di Ron Paul  (ronpaulinstitute)

Fonte: https://sadefenza.blogspot.com/2018/05/ron-paul-lincredibile-influenza.html

IV REICH
Sono più potenti che mai e condizionano le vite di tutto il pianeta. Inchiesta sull'Internazionale Nera
di Franco Fracassi

IV Reich

Sono più potenti che mai e condizionano le vite di tutto il pianeta. Inchiesta sull'Internazionale Nera

di Franco Fracassi

Il nazismo non è morto con la morte di Hitler e la fine della seconda guerra mondiale. Neppure il fascismo con la morte di Mussolini. Le idee, quelle idee, sono sopravvissute al cambio di secolo. Soprattutto sono sopravvissute le persone e l’organizzazione.

Settantacinque anni dopo, “Odessa” è ricca e potente più che mai. E in tutto questo tempo ha influenzato pesantemente la vita di decine di Paesi e di popolazioni sparsi per il globo, attraverso golpe, stragi, assassinii e squadroni della morte. Gli uomini dell’organizzazione sono ovunque, ai vertici delle multinazionali e delle società finanziarie, nei governi, nelle forze armate, nelle polizie e nei servizi segreti, nella burocrazia.

Un mondo fondato su una forte e radicata base ideologica.

Ecco come il nazifascismo che perse la guerra è risorto più potente di prima e prospera tra noi ancora oggi.

Perché leggere questo libro

Il 2020 è stato un anno orribile per molti versi. Ma la storia ci ha insegnato che non c’è mai un’azione senza una reazione. E il disastro sanitario, economico, sociale e democratico causato dal Covid ha portato consapevolezza in tanti e ha fatto ravvedere tanti che avevano sposato la causa del neoliberismo.

Per questo e per altri motivi vi dico che bisogna aver fiducia in un mondo migliore. Fiducia che deve necessariamente passare attraverso la conoscenza, la comprensione di ciò che sta sotto la superficie ma che determina la conformazione della superficie.

IV Reich” non è altro che un ulteriore tassello in questa direzione. Dopo che lo avrete letto avrete uno strumento in più per comprendere la realtà passata e anche quella odierna.

L’internazionale nera non ha nulla a che fare col Covid, ovviamente, ma ha molto a che fare col mondo rapace che si sta accanendo sui resti della nostra società sbrindellata dalla pandemia. L’internazionale nera ha molto a che fare con le vite dei nostri nonni, dei nostri padri, con le nostre vite quotidiane, con la nostra libertà e con la difficoltà di raggiungere l’obiettivo di vivere in una società giusta.

IV Reich” è un libro che parla anche del passato ma è rivolto a chi vive nel presente.

...

I commenti sono chiusi.