Robotizzazione dell’essere umano in corso …

“Sotto la superficie di questa civiltà globale, si sta combattendo una grande e segreta guerra. I due avversari hanno differenti concezioni della Realtà. Da un lato, quelli che sostengono che gli umani operino puramente sulla base di stimoli e risposte, come le macchine; dall’altra parte, quelli che credono che ci sia una cosa gigantesca chiamata libertà. La prima fase della guerra è già finita. Quelli dello stimolo-risposta hanno vinto. Nella fase due, le persone si stanno risvegliando dalle conseguenze devastanti e di vasta portata di questo programma Pavloviano.”

“Dal momento in cui il primo leader del primo clan nella storia umana ha preso il comando, si è occupato di questa domanda: ‘Cosa posso dire e fare per far reagire il mio popolo nel modo in cui voglio?’ Era il primo Pavlov. Fu il primo psicologo, il primo propagandista, il primo esecutivo del controllo mentale. Il suo fu il primo piccolo impero. Da allora, solo i mezzi ed i metodi sono cambiati.”

Quando la riduzione dell’umanità ad un sistema stimolo/risposta sarà completata a livello planetario, l’anima abbandonerà il pianeta, per lei divenuto terreno sterile e prevedibile e quindi sostanzialmente inutile. Questo è il rischio gravissimo che corriamo.

The Underground, Jon Rappoport

Fonte: http://offskies.blogspot.com/2018/03/robotizzazione-dellessere-umano-in-corso.html

LA CIVILTà DELL'ORTO —
La Coltivazione Elementare
di Gian Carlo Cappello

La Civiltà dell'Orto —

La Coltivazione Elementare

di Gian Carlo Cappello

L'idea di una “Civilta? dell’Orto” nasce per la sussistenza alimentare dei/delle partecipanti.

Ogni persona che contribuisce, sia con il lavoro sul campo sia con beni e/o servizi, può accedere al raccolto condiviso. Il Non-metodo di Coltivazione Elementare sviluppa il principio definito del «non fare».

Cosa non facciamo:

  • nessuna lavorazione del terreno, neppure superficiale e neppure all'inizio della coltivazione;
  • nessun uso di fertilizzanti, antiparassitari, ammendanti e diserbanti (ne? chimici ne? organici né omeopatici) né E.M.;
  • nessuna rotazione colturale, consociazione varietale, compostaggio, sovescio, progettazione, calendarizzazione;
  • riduciamo al minimo l'apporto di acqua irrigua;
  • nessun intervento contro le cosiddette “malattie” né contro l'erba spontanea poiché considerate parte dei processi naturali di ripristino dell'equilibrio non comprensibili alla mente razionale;
  • non scegliamo dogmaticamente sementi antiche

Cosa facciamo:

  • preserviamo il naturale equilibrio della terra e del contesto di coltivazione;
  • consideriamo la crescita delle coltivazioni come conseguenza dell’equilibrio della biosfera;
  • cerchiamo di rendere le piante coltivate quanto piu? «selvatiche» possibile;
  • promuoviamo il cambiamento e la crescita interiore, affiniamo l'intuito, il sentire, la saggezza innata e l'intrinseca capacità creativa di risoluzione dei problemi;
  • sosteniamo l'autosufficienza alimentare e il superamento dell'economia capitalista.
  • favoriamo l’inserimento di nuovi/e partecipanti che condividano questi principi.

Il CAMBIAMENTO e? POSSIBILE!

Perché leggere questo libro:

  • Per scoprire perché in agricoltura "non fare" è meglio di "fare".
  • Per sentire la voce di un esperto agrotecnico con oltre 30 anni di esperienza nel campo.
  • Perché non si tratta solo di un manuale di agricoltura, ma anche di un'inaspettata riflessione sulla società e sui comportamenti comunemente accettati, talvolta inspiegabili, dell'essere umano.

Dalla quarta di copertina

La Coltivazione Elementare è la realizzazione più avanzata della filosofia del «non fare», concepita ormai mezzo secolo fa dal contadino giapponese Masanobu Fukuoka. Essa rivisita con creatività ed estemporaneità nel contesto di per sé perfetto della Natura l'esperienza di una ruralità tramandata di generazione in generazione.

Se la tecnologia ci rende dipendenti dalla razionalità allontanandoci dalla nostra vera dimensione naturale, la Coltivazione Elementare ci può affrancare dai disastrosi tentativi dell'umanità di controllare la vita.

Nei processi naturali c'è già la ricchezza per ottenere con ottimi raccolti l'autosufficienza alimentare delle comunità. La nostra esistenza si può allineare alla perfezione imperscrutabile che è dentro di noi.

Ciò che ho scritto non è e non vuole essere soltanto un manuale, ma ripercorre i miei cinquant'anni di esperienza sul campo ed è rivolto ai lettori e alle lettrici che già coltivano o coltiveranno e ai borderline desiderosi di liberarsi dal peso della città e della società capitalista.

...

I commenti sono chiusi.