Quelle situazioni che si ripetono

Già migliaia di anni fa, gli antichi Egizi, conoscevano perfettamente la famosa legge di causa-effetto. La loro tradizione ermetica ha influenzato molte scuole esoteriche occidentali. Tra queste quella alchemica dove, ad esempio, la legge di causa ed effetto è rappresentata allegoricamente nella carta numero 8 dei tarocchi: la Giustizia.

Al di là di questa curiosità storica, tutti sappiamo che il nostro presente è direttamente influenzato dalle nostre azioni del passato. E non necessariamente solo del passato remoto.

Ad esempio, può capitare che ci si ammali a causa di un lavoro che non ci piace. Perdere energia di una relazione che vorremmo troncare ma non ne abbiamo il coraggio. Oppure sentirci sopraffatti dalle troppe aspettative degli altri. A volte si può arrivare addirittura a cercare inconsciamente un incidente: per fermarsi a riflettere, attirare l’attenzione o l’amore delle persone a noi vicine.

Per quanto riguarda il passato meno recente invece, questo influenza di più quelle che possiamo definire “situazioni cicliche”. Ovvero esperienze che si ripetono per tutto l’arco della nostra vita seguendo un “ritmo” ben preciso. Eventi che puntualmente mandano a monte progetti lavorativi o sentimentali, uomini e donne dal carattere incredibilmente simile che si introducono nella nostra sfera personale e non sempre per portare benessere…

Gli echi del passato

Tutti questi accadimenti possono essere l’eco di azioni e ricordi lontanissimi, anche di vite passate.

E a questo punto c’è da dire una cosa molto importante. A produrre questi effetti nel presente non sono i ricordi in sè, bensì il contenuto emotivo che abbiamo attribuito a questi ricordi e alle azioni che li hanno impressi nel nostro karma.

È infatti scientificamente provato che, quando si scollega il contenuto emotivo da un ricordo, cessa immediatamente l’influsso che questo ricordo ha nel presente.

I ricordi non si possono cancellare ma è possibile scollegare le emozioni negative ad essi associate. E questo è sufficiente per neutralizzarli. A volte si tratta di ricordi e azioni di poco conto i cui nodi possono essere sciolti rapidamente. In altri casi si ha a che fare con ricordi e azioni più importanti ed influenti, la cui soluzione richiede un lungo lavoro su se stessi.

Ma alla fine la buona notizia è che il destino di ciascuno può essere compreso e modulato in una nuova direzione.

Fonte: https://www.spazioazzurro.net/20191019/ipnosi-regressiva/quelle-situazioni-che-si-ripetono

L'APPRENDISTA MACROBIOTICO 4D
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina macrobiotica e vegana
di Dealma Franceschetti

L'Apprendista Macrobiotico 4D

Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina macrobiotica e vegana

di Dealma Franceschetti

La via della macrobiotica descritta in maniera semplice e chiara sia per chi comincia da zero sia per chi è già avviato.

Apprendi l’arte del mangiare macrobiotico, basata sull’equilibrio tra le forze antagoniste e complementari che governano l’Universo.

Puoi migliorare la tua alimentazione e il tuo stile di vita secondo i principi della filosofia macrobiotica: in questo percorso, l’esperta di cucina e foodblogger di riferimento per la macrobiotica, Dealma Franceschetti, illustra come mangiare in  maniera naturale  rispettando, non solo gli elementi che compongono il cibo, ma anche la salute.

Tanti i contenuti aggiunti rispetto alla versione precedente e altrettanti nuovi consigli pratici, anche per “gestire” al meglio una dieta macrobiotica fuori casa.

Un approccio semplice ma approfondito a una cucina salutare che rispetta la natura e le sue dinamiche, preservandone gli effetti positivi sull’organismo.

Questo è un libro 4D! Leggi, guarda ascolta, vivi!

Che cos'è?

  • È un libro che va oltre la carta.
  • Contiene una serie di contenuti multimediali extra

A cosa serve?

  • Per immergersi nella realtà del libro
  • Per approfondire la conoscenza
  • Per vivere appieno i contenuti Macro

“La macrobiotica è uno strumento straordinario, soprattutto perché ci stimola ad assumerci la responsabilità della nostra salute e a capire da soli qual è il cibo adatto a noi, risvegliando il più alto grado di giudizio, regalandoci la libertà.” (L’Autrice)

...

I commenti sono chiusi.