Possiamo iniziare a dire la verità sulle guerre degli USA?

di Carla Binion

La maggior parte delle guerre sono combattute per interessi ed a scopo di lucro, anche se la maggioranza dei propagandisti di guerra afferma che queste vengono combattute per “ragioni umanitarie”. Le guerre condotte dagli Stati Uniti traggono enorme profitto per l’apparato industriale/militare, e forniscono alle ricche corporations USA il controllo di più territorio e denaro, ma causano dolore indescrivibile alle popolazioni civili innocenti.

La realtà della guerra è diversa dalla versione di fantasia che i leader politici degli USA e dei loro alleati sono soliti vendere al pubblico, ed è passato molto tempo da quando, sia i politici che il pubblico in generale, potevano parlare sinceramente della guerra.

I leader occidentali respingono l’accusa circa le sofferenze inutili delle vittime causate dalle guerre dell’Occidente, definendo questi “danni collaterali” inevitabili per le vittime civili e dicendo che tutta la guerra è un inferno, come se nessuno fosse responsabile per istigare il danno e l’inferno in primo luogo. Dobbiamo parlare di guerra con la voce attiva, usando descrizioni concrete. Tale verità e chiarezza mancavano nelle recenti dichiarazioni del governo e dei mass media atlantisti sull’uso di armi chimiche da parte di Assad in Siria.

Gli Stati Uniti hanno affermato che i recenti attacchi aerei in Siria erano motivati ​​dalla convinzione che la Siria avesse usato armi chimiche contro la propria popolazione (tutto non dimostrato). Tuttavia, gli Stati Uniti hanno ripetutamente usato armi simili su persone civili in tutto il mondo.
Le forze militari USA utilizzarono abbondantemente il napalm in Vietnam. Nel suo libro del 2001 intitolato On War, il defunto autore e storico Howard Zinn cita un rapporto di quattro medici americani: “Il napalm è una gelatina altamente appiccicosa che si attacca a tutto ciò che tocca e brucia con tale calore che tutto l’ossigeno nella zona è esaurito entro pochi istanti La morte arriva mediante le ustioni o il soffocamento. Le ferite del napalm sono spesso fatali. . . Le vittime sono spesso bambini. ”

Secondo un articolo dell’Independent , “gli Stati Uniti ammettono di aver usato bombe al napalm in Iraq”, le Nazioni Unite hanno vietato l’uso del napalm, ma gli Stati Uniti non hanno firmato il trattato e hanno continuato a usare l’arma durante la guerra in Iraq. Gli Stati Uniti usarono una nuova versione dell’arma, ma era ancora il napalm.

Un articolo pubblicato su Salon , White Phosphorus: il nuovo napalm ?, riferisce ” Il New York Times ha documentato che, nell’ottobre 2011, gli Stati Uniti e altre forze internazionali in Afghanistan stavano usando il fosforo bianco. L’articolo dice anche: “Le munizioni al fosforo bianco provocano lesioni particolarmente gravi, tra cui ustioni chimiche fino all’osso”.

Effetti del fosforo bianco su popolazione civile

Un articolo del New York Times del 2017, le forze statunitensi hanno detto di aver usato il fosforo bianco in Siria , nota che l’arma è stata usata di recente. Un articolo di Human Rights Watch del 2017, Riporta in ritardo: Affrontare le armi incendiarie nel contesto contemporaneo , afferma: “Negli ultimi anni, le munizioni al fosforo bianco sono diventate una caratteristica regolare dei conflitti armati. . . A differenza del napalm, le munizioni al fosforo bianco non rientrano nella definizione del Protocollo III di armi incendiarie poiché non sono “progettate principalmente” per scopi incendiari. I loro effetti crudeli, tuttavia, devono essere affrontati perché mettono in pericolo i civili, a prescindere dallo scopo previsto dall’arma “.

Articolo di Human Rights Watch del giugno 2017, ” Iraq / Siria: pericolo del fosforo bianco americano, dice:” L’uso del fosforo bianco fornito dall’artiglieria da parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti che combatte le forze dello Stato islamico (noto anche come ISIS) in Siria e L’Iraq solleva serie domande sulla protezione dei civili. . . Indipendentemente da come viene usato il fosforo bianco, esso rappresenta un rischio elevato di danni orribili e duraturi in città affollate come Raqqa e Mosul. . . Le forze Usa stanno usando il fosforo bianco sia a Mosul, in Iraq, sia nella roccaforte dell’ISIS di Raqqa, in Siria. ”

Civili siriani fuggono dai bombardamenti

Un articolo del 30 marzo 2018 sull’alternet , ” Trump sta cercando di andare in guerra “, menziona il segretario alla Difesa James Mattis usando il fosforo bianco nel bombardamento di Falluja. Dice: “Durante quegli assedi, le forze americane hanno sigillato la città irachena perché nessuno potesse andarsene, attaccato le ambulanze e gli operatori umanitari, ucciso donne, bambini e un autista di ambulanze, ucciso quasi 6.000 civili, spostato altri 200.000 e distrutto 75% della città con bombe e altre munizioni. Il tributo di vittime civili era enormemente sproporzionato rispetto a qualsiasi possibile obiettivo militare, a sua volta corrisponde alla definizione di un crimine di guerra “.

Quando i funzionari governativi e i loro portavoce dei media del sistema dicono al pubblico che gli Stati Uniti sono l’arbitro morale del mondo e stanno sganciando bombe per “motivi umanitari”, stanno ingannando la loro stessa gente – mentendo al pubblico sulle loro motivazioni e scopi. La nazione e il mondo dovrebbero esaminare il modo in cui gli USA hanno parlato e condotto la guerra nel corso della loro storia. È pragmatico per noi cittadini considerare che sia possibile creare un modo di vivere nel mondo moderno senza utilizzare la guerra per gli scopi di lucro.

Carla Binion è una scrittrice collaboratrice di Intrepid Report

Fonte: Intrepid Report

Traduzione: Luciano Lago

Fonte: https://www.controinformazione.info/possiamo-iniziare-a-dire-la-verita-sulle-guerre-degli-usa/

IL CLUB DELLE 5 DEL MATTINO
Inizia presto la giornata. Dai una svolta alla tua vita
di Robin Sharma

Il Club delle 5 del Mattino

Inizia presto la giornata. Dai una svolta alla tua vita

di Robin Sharma

"Il Club delle 5 del Mattino" è un libro che ti fa svoltare la vita. Come? Iniziando presto la tua giornata!

L'autore è Robin Sharma, uno dei massimi esperti di leadership del mondo e autore del bestseller internazionale "Il Monaco che vendette la sua Ferrari", che ha venduto oltre 3 milioni di copie, di cui oltre 100.000 in Italia.

Attraverso la storia di due insoliti personaggi, una giovane imprenditrice e un eccentrico pittore, e del loro incontro con uno stravagante e simpatico miliardario che li guiderà in un percorso di crescita individuale, Robin Sharma, propone un programma basato su alcune abitudini mattutine da seguire ogni giorno.

"È un buon inizio determina il successo. Le prime ore del giorno hanno forgiato i grandi eroi. Riprenditi il mattino e diventa padrone della tua vita".

Attraverso un programma basato su semplici abitudini Robin Sharma ti spiega:

  • Come ispirarci ai grandi mattinieri che hanno fatto la Storia - da Aristotele a George Washington, da Nelson Mandela a Michelle Obama - per gestire, esercitare e migliorare i propri talenti personali.
  • Come abituarci ad alzarci presto per svolgere attività sane e positive, come l'esercizio fisico, la lettura e la meditazione.
  • Come godersi le ore in cui tutti dormono per pensare, pianificare ed esprimere la propria creatività.
  • Come proteggere talenti, sogni e aspirazioni dalle "distrazioni digitali", spegnendo smartphone e tablet.

"I libri di Robin Sharma aiutano le persone di tutto il mondo a vivere esistenze straordinarie" - Paulo Coelho

Ci sono buone abitudini che, una volta acquisite, aiutano a vivere meglio.

Quella di svegliarsi presto al mattino per seguire una morning routine fatta di azioni e di gesti salutari è senza dubbio una delle più importanti.

Perché permette non solo di affrontare la nuova giornata con vitalità e ottimismo, ma anche di pianificare, nella tranquillità mattutina, azioni da compiere e obiettivi da realizzare.

Attraverso la storia di due insoliti personaggi, una giovane imprenditrice e un eccentrico pittore, e del loro incontro con uno stravagante e simpatico miliardario che li guiderà in un percorso di crescita individuale, Robin Sharma, propone un programma basato su alcune abitudini mattutine da seguire ogni giorno.

Segui il programma per migliorare produttività e rendimento, e in generale la qualità della tua vita.

I "grandi" mattinieri della Storia sono molti. Come loro, anche noi, possiamo aspirare a qualcosa di significativo e soddisfacente. E Robin Sharma ci indica la strada giusta per arrivarci... mattino dopo mattino.

Quali sono le 5 regole del perfetto mattiniero?

  1. Alzati alle 5 del mattino.
  2. Svolgi una moderata attività fisica per i primi 20 minuti.
  3. Concentrati sui tuoi programmi, obiettivi e desideri, nei successivi 20 minuti.
  4. Dedica altri 20 minuti a imparare qualcosa di nuovo.
  5. Ripeti questa formula (20+20+20) per 66 giorni e condividi i tuoi progressi.

"Anche se Sharma rifiuta il titolo di guru, è difficile non pensare a lui in questo modo." - Publisher Weekly

"Il numero dei suoi seguaci può competere con quello del Dalai Lama." - The Times of India

...

I commenti sono chiusi.