Osteopatia: quando e perché rivolgersi all’osteopata

Pur avendo moltissimi riscontri positivi, qualcuno ancora non sa cos’è l’osteopatia (così come l’omeopatia e altre discipline della medicina olistica) e molti la considerano ancora una terapia medica alternativa “pseudoscientifica”.

Insomma saranno veri i benefici che molte persone dicono di ricevere grazie all’osteopatia?
In questo articolo vediamo cos’è l’osteopatia e in quali casi rivolgersi all’osteopata.

Cos’è l’osteopatia

L’osteopatia è una medicina riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nella quale l’essere umano viene considerato come l’insieme di corpo, mente e spirito (come tutte le discipline appartenenti alla medicina olistica).

In osteopatia tutti i disagi fisici e psicologici hanno una risonanza in tutto il corpo: una postura scorretta, traumi e incidenti, ma anche lo stress o i pensieri negativi possono creare un disequilibrio non solo sul piano fisico, ma su tutto l’organismo.

Così come in ogni altro approccio alla cui base c’è una visione olistica della salute, anche secondo l’osteopatia per trattare qualsiasi problematica occorre ripristinare l’armonia, sia del sistema muscolo-scheletrico, che in tutti gli altri sistemi.

L’osteopatia nasce grazie negli Stai Uniti nel 1874 grazie al medico Andrew Taylor Still, chiamato anche il dottore “aggiusta ossa”.
Usando un approccio alternativo a farmaci e chirurgia, Still studiò e creò un metodo, basato sul principio di auto-guarigione del corpo, usando tecniche manipolative per migliorare le funzioni fisiologiche dell’organismo.
Se vuoi approfondire la storia dell’osteopatia puoi leggi questo articolo.

I principi dell’osteopatia

I più importanti principi dell’osteopatia, condivisi all’interno della comunità osteopatica sono:

  1. Il corpo è una unità (corpo-mente-spirito).
  2. La struttura e la funzione sono reciprocamente inter-correlate.
  3. Il corpo possiede dei meccanismi di autoregolazione e autoguarigione (omeostasi).
  4. Quando l’omeostasi è interrotta (incapacità del corpo di ripararsi da sé) può insorgere la malattia.
  5. Il movimento dei fluidi corporei è essenziale al mantenimento della salute.
  6. Il sistema nervoso autonomo gioca una parte cruciale nel controllare i fluidi del corpo.
  7. Ci sono componenti somatiche della malattia che non sono solo manifestazioni della malattia, ma anche fattori che contribuiscono al mantenimento della malattia stessa.

Che cos’è l’omeostasi

L’omeostasi è la naturale attitudine degli esseri viventi a mantenere in uno stato di equilibrio le proprie caratteristiche (tenendo ad un livello prefissato il valore di alcuni parametri interni), anche al variare delle condizioni esterne.

L’omeostasi è l’insieme dei processi che mantengono costanti le condizioni ottimali dell’organismo intervenendo con meccanismi di auto-regolazione ogni volta che si ha un allontanamento dalla situazione di equilibrio.

Questo processo è fondamentale ed è alla base della nostra salute. Quando questo meccanismo di auto-regolazione non funziona, si crea uno squilibrio nei sistemi interni che permette il manifestarsi della malattia.

Un esempio è il ph del sangue: siccome il valore di acidità del sangue (ph) non può scendere sotto un determinato valore per il corretto funzionamento dell’organismo, quando si verifica una situazione di acidosi (cioè quando il ph si abbassa troppo), il processo omeostatico permette di alcalinizzare il sangue riportandolo nella situazione ottimale.

Si potrebbe parlare molto di questo argomento, ma lo faremo in un altro articolo di approfondimento.

Come l’osteopatia può favorire l’omeostasi?

L’osteopatia può favorire e mantenere il processo di omeostasi grazie all’intervento sulla struttura corporea con manipolazioni che riportano la simmetria tra le varie aree del corpo, andando così a rimuovere gli impedimenti al naturale processo di auto-guarigione dell’organismo.

L’osteopatia sostiene l’omeostasi mettendo il corpo nelle migliori condizioni per attuare gli scambi dei fluidi (assicurando una più efficiente irrorazione arteriosa, un miglioramento del drenaggio venoso e linfatico) e ripristinando la corretta posizione delle vertebre con conseguente miglioramento della funzione del nervi spinali e degli organi correlati.

Per cosa è utile l’osteopatia

A vedere le ricerche online su questo argomento si direbbe che l’osteopatia è molto ricercata (e in effetti è anche molto utilizzata) in moltissimi casi.
A parte alcune ricerche generiche (come sempre accade nel campo della medicina non convenzionale) come ad esempio: “l’osteopatia funziona?”, oppure “l’osteopatia fa male?” – queste elencate di seguito sono le ricerche che vengono fatte online ogni giorno su questo argomento.

Ecco cosa cercano su Google gli utenti:
Osteopatia per…

  • bambini
  • neonati
  • animali
  • cani
  • cavalli
  • donne in gravidanza
  • anziani
  • cervicale
  • gastrite
  • dimagrire
  • scoliosi
  • vertigini
  • ernia iatale
  • emicrania
  • lombosciatalgia
  • intestino
  • ernia cervicale
  • reflusso
  • coliche
  • ginocchio
  • mal di testa
  • il bacino
  • acufeni
  • le anche
  • l’ansia
  • lo stress
  • l’alluce valgo
  • il raffreddore

…e molte altre.

Ma a prescindere da ciò che cercano gli utenti su Google riguardo l’osteopatia, questa viene effettivamente utilizzata con successo nei seguenti campi di applicazione:

  • abbassamento delle difese immunitarie
  • acufeni
  • artosi
  • cefalee
  • disturbi di stomaco e intestino
  • dolori articolari e muscolari
  • dolori causati da traumi (es. incidente stradale)
  • otite
  • problemi cervicali
  • problemi ginecologici o urinari
  • reumatismi
  • sciatalgie, lombalgie o nevralgie
  • sinusite
  • stanchezza cronica
  • tendiniti, blocchi articolari, contratture
  • tunnel carpale
  • vertigini

Inoltre, a livello psicologico l’osteopatia può essere utilizzata per contrastare ansia e depressione.

Nei bambini e neonati è usata per le coliche tipiche dei primi mesi di vita, per le difficoltà di suzione che impediscono una corretta alimentazione, per i disturbi del sonno, il reflusso gastroesofageo, problemi posturali, irritabilità e sovra eccitamento, otite, stitichezza, disturbi urinari, problemi respiratori (allergie comprese) e per i ritardi nello sviluppo.

Cosa fa l’osteopata

Attraverso una valutazione della postura e un’analisi manuale, l’osteopata individua eventuali disturbi su cui intervenire attraverso tecniche manuali in grado di correggere i disequilibri e ripristinare le condizioni ottimali per la salute.

Con tecniche manuali, l’osteopata tratta le lesioni funzionali del corpo su tutte le strutture del sistema locomotore (legamenti, muscoli, fasce, ossa ecc?), viscerale e cranio-sacrale.

L’osteopatia in Italia

In Italia dal 2017 l’osteopatia è ufficialmente riconosciuta dallo Stato Italiano (approfondisci).

Ci sono circa 7000 osteopati e più di 10 milioni di persone ricorrono all’osteopatia ogni anno.

Per la formazione in osteopatia esistono molte accademie e centri specializzati in Italia e all’estero che prevedono una formazione pluriennale per conseguire la qualifica di osteopata (maggiori informazioni)

Link di riferimento

Fonte: https://www.visioneolistica.it/osteopatia/

GRAZIE DOTTOR HAMER - VOL. 1 + SEZIONE PANDEMIA COMPRESA —
Nuova edizione aggiornata, pandemia compresa
di Claudio Trupiano

Grazie Dottor Hamer - Vol. 1 + sezione pandemia compresa —

Nuova edizione aggiornata, pandemia compresa

di Claudio Trupiano

Un libro che presenta l'inevitabile il capovolgimento della metodologia utilizzata dalla scienza medica sinora.

Sono trascorsi diversi anni dalla prima edizione di questo libro, era il 2007

E’ passata abbastanza acqua sotto i ponti per provare a fare un primo consuntivo e continuare a credere nell’obiettivo che mi sono proposto. Sono alla settima edizione, aggiornata e corretta, di un lavoro che amo e che ha occupato molta parte della mia vita. E’ stato un percorso entusiasmante in continua evoluzione.

La condivisione dello studio delle Leggi Biologiche insieme ad altri compagni di viaggio (medici, psicologi e specialisti in vari settori della cura della persona) ha contribuito, da una parte a verificare continuamente la scientificità delle scoperte del dr. Hamer, dall’altra a integrare con continui approfondimenti la connessione mente-corpo. Per questo ringrazio di cuore tutti coloro che hanno contribuito a questa crescita e un grazie particolare ad alcuni di loro che hanno voluto scrivere una loro testimonianza. Ho inserito il loro contribuito al termine del libro.

Non è la ricerca di un’apologia del libro, ma la gioia di testimoniare la verifica e la conferma da parte di professionisti autorevoli.

Sono sempre stato convinto che solo i medici, nella loro autorevolezza e competenza, possono consentire il riconoscimento ufficiale della connessione mente-corpo e quindi poter applicare questo capovolgimento diagnostico. Nella rivisitazione dei contenuti del testo nuove argomentazioni sono state aggiunte in merito all’infarto del miocardio, alla psoriasi, ma soprattutto al grande capitolo dei virus (pandemia Covid compresa) e ad altre patologie. Il lavoro non è finito e sicuramente si potranno apportare altri approfondimenti, ma lo schema strutturale dell’impianto diagnostico resta invariato, anzi risulta ancora più supportato e riconosciuto scientificamente. Le Leggi Biologiche non sono assolutamente una medicina alternativa e non viene prescritta alcuna terapia sostitutiva e soprattutto non sono in contrasto con la Medicina Ufficiale, anzi!

Le Leggi Biologiche sono un capovolgimento diagnostico e hanno bisogno del progresso scientifico medico per essere applicate, e la Medicina Ufficiale ha bisogno delle Leggi Biologiche per essere completa. Ora è sufficiente e necessario che aumenti il numero della massa critica per recepire e allargare il campo di azione e di riconoscimento del “nuovo”. E’ una questione di tempo. Ai medici l’autorevolezza e il coraggio di continuare un percorso straordinario di divulgazione di una rivoluzione epocale nella scienza medica, contestualmente alla nascita di un nuovo “essere umano” consapevole del senso biologico del proprio corpo. 

...

I commenti sono chiusi.