Non Avere Paura Dell’Altro Perché Tu, Rispetto All’Altro, Sei L’Altro

“Non bisogna mai avere paura dell’altro perché tu, rispetto all’altro, sei l’altro.”
(Andrea Camilleri)

Quanto sarebbe meraviglioso se ognuno di noi riuscisse a capire fino in fondo il senso accorato e profondo di queste parole, espresse e assemblate magnificamente da Camilleri? Ieri come oggi, ci troviamo in un contesto storico e sociale nel quale abbiamo la necessita, ad ogni costo, di trovare un nemico da cui difenderci, un nemico da combattere. E spesso si tratta di persone, di “altre persone”, persone simili a noi ma che consideriamo altro. Ieri era il migrante. Oggi è chi abbiamo di fronte, o vicino a noi, colui che potrebbe essere un potenziale portare del coronavirus.

È bastato un virus per far nascere la logica sospetto nell’altro, una logica coltivata in massa da una società materialista, dove panico e paura serpeggiano come veleni sfusi, dove la diversità è spesso sinonimo di inimicizia e terrore. Siamo diventati diffidenti, convinti di essere noi quelli sani e tutti gli altri quelli malati. Così come noi eravamo i buoni e giusti e i migranti i cattivi e sbagliati. L’altro che non conosciamo, di cui non sappiamo niente, per una ragione di pandemia dichiarata diventa in automatico il nemico potenziale, colui che è capace di attentare alla nostra vita, di ucciderci con il suo respiro e quel maledetto virus.

Ovviamente è solo una fissazione dettata dal pregiudizio e dall’ignoranza. Perché va bene la mascherina, vanno bene i guanti, il gel disinfettante, il metro di distanza, tutte le precauzioni sono d’obbligo e sono giuste. Ma.. quegli sguardi diffidenti che si possono notare in questi giorni, dicono tutto. Insieme a piccoli atteggiamenti che tendono a scansare il prossimo. Trasmettono la paura, l’ansia, la diffidenza che si vive nei confronti dell’altro. E di questo passo manderemo a puttane quel briciolo di umanità che ci è rimasta dentro.

Il senso delle parole di Camilleri sta proprio nel mutare la prospettiva, cambiare il senso delle cose per scoprire che per l’altro il nemico siamo noi. Per molti non sarà una bella scoperta , ma è fortemente indicativa, sconvolgente, per capire quanto sia orrendo vestire i panni del nemico, sentirsi bersaglio di qualcuno, solo perché c’è una situazione che detta le regole della sopravvivenza.

La paura dell’altro è dovuta alla scarsa conoscenza del prossimo ed è strettamente collegata alla scarsa conoscenza che abbiamo di noi stessi. Le parole di Camilleri ci insegnano questo. Del resto sarebbe sciocco pensare di comprendere a pieno l’altro, se di se stessi non si sa nulla. In fondo, se noi siamo l’altro di qualcun altro, in un gioco di specchi, il nostro disagio, l’ansia, è probabilmente uguale a quella di chi ci sta di fronte . E non c’è mascherina che tenga.

Ricorda che nulla accade per caso, che ogni persona incontrata è uno specchio, ogni dolore un’opportunità di crescita, ogni crisi un punto di rottura da cui rinascere a nuova vita.
Cambia dentro, se vuoi cambiare fuori.
E poi esci a goderti i frutti del muovo mondo che hai contribuito a generare.”

Dal mio libro “Schiavi del Tempo“.

E allora rispettiamo l’altro, se vogliamo essere rispettati. L’altro non è un estraneo. Ma simile a te. A te familiare tanto quanto la tua stessa immagine riflessa nello specchio. È questo l’insegnamento che c’è nelle parole di Camilleri. E nella situazione in cui ci troviamo oggi, questa consapevolezza diventa polvere d’oro da spargere come coriandoli.

Tutti noi dobbiamo accostarci all’altro con la stessa magnanimità e delicatezza con cui vorremmo che tutti si accostassero a noi. Perché l’altro non è mai una figura da demonizzare. Così come non è una paura da scacciare. Per dirla con le parole dell’autore latino Publio Terenzio: “Homo sum, humani nihil a me alienum puto”. “Sono un essere umano, niente di ciò ch’è umano ritengo estraneo a me”.

E allora, signori miei, facciamo tesoro di questa esperienza difficile, annulliamo le polemiche inutili e i giudizi tagliati con l’accetta. Perché oggi più che mai anche noi siamo l’altro di qualcun altro. Ci tocca come non mai guardarci allo specchio, dentro e fuori, senza il filtro della socialità, per scoprire che, forse, per noi cialtroni, il riflesso non è poi un tale insuccesso.

Tragicomico.it

Fonte: https://www.tragicomico.it/non-avere-paura-dellaltro/

ONE SPIRIT MEDICINE - LA MEDICINA DEGLI SCIAMANI
di Alberto Villoldo

One Spirit Medicine - La Medicina degli Sciamani

di Alberto Villoldo

Il famoso insegnante sciamanico Alberto Villoldo ci presenta la ricetta del benessere per guarire davvero: Gli sciamani scoprirono di poter sviluppare un nuovo corpo che permetteva loro di vivere in uno straordinario stato di salute. Impararono a spegnere l'"orologio della morte" dentro ogni cellula e ad accendere l'interruttore dell'"immortalità" del nostro DNA.

Cancro, demenza e cardiopatie erano malattie rare. Gli sciamani del passato erano veri maestri della prevenzione.

Attingendo a più di 25 anni di esperienza come medico antropologo, oltre che al suo viaggio di ritorno dall'orlo del baratro della morte, l'autore ha ideato il metodo One Spirit Medicine che ci mostra:

  • come disintossicare il cervello e l'intestino con i super alimenti;
  • come usare tecniche di gestione dei nostri campi energetici luminosi per guarire il nostro corpo;
  • come seguire l'antico sentiero della ruota di medicina, per rilasciare le storie personali che tolgono potere all'individuo che le porta con sé dal passato e per preparare la strada della rinascita.

Servendoci dei principi e delle pratiche presentate in questo libro possiamo sentirci meglio in pochi giorni, iniziare a schiarirci la mente e a guarire il nostro cervello in una settimana, ed essere pronti nel giro di sei settimane ad avere un nuovo corpo che guarisce rapidamente, mantiene la propria vitalità giovanile e ci fa restare connessi allo Spirito, alla terra e a un rinnovato senso del nostro scopo di vita.

 

ONE SPIRIT MEDICINE spiegato dai più grandi esperti di medicina olistica

"One Spirit Medicine offre l'opportunità di superare la percezione erronea dei nostri limiti e di scrivere nuove storie potenzianti per la nostra vita. Con autorevolezza ed eloquenza, Alberto Villoldo presenta una sintesi rivoluzionaria di varie tradizioni di saggezza e scienza moderna, che consente al lettore di trasformarsi da vittima passiva in padrone del proprio destino. One Spirit Medicine è una potente e saggia ricetta di auto-guarigione e un'opportunità di rivendicare il proprio potere sulla salute e sul destino personali"
Bruce H. Lipton - autore di La Biologia delle Credenze

 

"One Spirit Medicine è una potente mescolanza di filosofia spirituale e di principi scientifici intessuti nella perfezione di una formula pratica di vita quotidiana! In un'opera di facile lettura e tuttavia traboccante di saggezza senza tempo, Alberto ci conduce in un viaggio di scoperta che distrugge i luoghi comuni sull'essere umano, sul nostro rapporto col corpo fisico e con il mondo. Così facendo ci ricorda che la chiave della nostra guarigione risiede nella nostra capacità di accogliere noi stessi e il mondo in quanto esseri viventi, consapevoli e connessi. Vorrete avere questo libro sempre a portata di mano".
Gregg Braden - autore di La Matrix Divina

 

"Alberto Villoldo compie un'eccellente e accurata opera di chiarimento di un sapere millenario, alla luce di conoscenze scientifiche di avanguardia. One Spirit Medicine rappresenta la grande risposta ai nostri problemi di salute nel XXI secolo. Questo libro vi cambierà la vita".
Joe Dispenza - autore di Evolvi il tuo Cervello

...

I commenti sono chiusi.