Migliaia di chilometri quadrati nelle acque del Mar Nero sono stati chiusi dai militari russi

Poche ore fa si è saputo che i militari russi hanno istituito “zone speciali” nelle acque del Mar Nero, di fatto, chiudendole al passaggio di qualunque nave. Stiamo parlando di un’area di diverse migliaia di chilometri quadrati, senza alcun chiarimento ufficiale, almeno fino ad ora, da parte del dicastero della Difesa russo.

Nella mappa schematica presentata dal canale Telegram “Linea Operativa” si possono vedere le zone chiuse al passaggio di navi e ai voli di mezzi aerei.
Qualcosa di simile era già stato osservato un paio di volte lo scorso anno in prossimità dei confini russi nel Mare del Nord, tuttavia, in anticipo venne riferito che nell’area sarebbero state condotte esercitazioni, mentre, al momento attuale, nessun dato a riguardo è stato riportato da parte dei militari russi.

Mappa della zona di interdizionenel Mar Nero

Gli esperti hanno collegato la chiusura di migliaia di chilometri quadrati di acque del Mar Nero con la comparsa di una nave da guerra della Marina americana, tuttavia, questa è ancora lontana e non è la prima volta che navi americane entrano nel Mar Nero, questo motivo appare quindi improbabile, il che solleva ancora più domande.

Che la situazione sul Mar Nero stia diventando sempre più tesa vista la frequenza con cui i mezzi navali e aerei della NATO stanno “testando” i confini russi appare evidente.

Obice semovente 2S35 Koalitsiya-SV

La Russia non rimane indifferente: come riportato su Izvestia nelle ultime ore, il 19 gennaio si è appreso che gli obici semoventi a lunghissimo raggio 2S35 “Koalitsiya-SV” sono entrati in servizio nel Distretto Militare Meridionale della Federazione Russa (Caucaso settentrionale e Crimea). Attualmente, sono in fase di completamento i test di un lotto sperimentale di questi obici, che possono sparare fino a 70 km di distanza proiettili più recenti ad alta precisione. In termini di capacità, superano due volte gli analoghi modelli sia russi che stranieri.

Fonti:

Traduzioni di Eliseo Bertolasi

Fonte: https://www.controinformazione.info/migliaia-di-chilometri-quadrati-nelle-acque-del-mar-nero-sono-stati-chiusi-dai-militari-russi/

KOJI ALCHEMY
La magia della fermentazione
di Rich Shih, Jeremy Umansky

Koji Alchemy

La magia della fermentazione

di Rich Shih, Jeremy Umansky

Koji Alchemy racconta i processi e le tecniche per fermentare il cibo con il koji – il microrganismo trasformativo dietro ai deliziosi sapori umami della cucina asiatica – salsa di soia, miso e molti altri ancora.

Gli autori e pluripremiati chef Rich Shih e Jeremy Umansky – riconosciuti unanimemente come i più grandi esperti di questo ingrediente unico e dal potere straordinario – ci aprono gli occhi sull’utilizzo moderno del koji nel mondo, ispirando moltissimi appassionati della fermentazione.

Utilizzato per la stagionatura rapida di salumi, formaggi e altri alimenti, gli autori portano la magia del koji fino a luoghi inaspettati, rivoluzionando la creazione dei cibi fermentati e dei loro profili aromatici sia per i professionisti sia per i cuochi amatoriali.

Prefazione di Sandor Katz, il guru modiale della fermentazione
Edizione italiana a cura di Martino Beria

Dall'aletta di copertina

Il koji è una muffa dagli eccezionali poteri trasformativi. Si tratta dell’Aspergillus oryzae, che quando si sviluppa su cereali o altri substrati, produce un vero e proprio tesoro di enzimi, consistenze e sapori.

Koji Alchemy racconta i processi e le tecniche per fermentare il cibo con il koji, quel microrganismo che da migliaia di anni viene utilizzato nella cucina asiatica per ottenere i tipici sapori umami, ormai conosciuti e ricercati in tutto il mondo.

Con il koji vengono prodotti salsa di soia, miso, amazake, sake, ma non solo. La magia del koji, come dimostra questo libro, può andare oltre, perché può essere utilizzato anche per ottenere stagionature rapide di salumi e formaggi, anche vegetali, e per la preparazione di tanti altri alimenti, rivoluzionando la creazione dei cibi fermentati e dei loro profili aromatici.

Gli autori e pluripremiati chef Rich Shih e Jeremy Umansky, riconosciuti come i più grandi esperti di questo ingrediente, ci guidano sull’utilizzo moderno del koji. Con il loro lavoro hanno ispirato moltissimi appassionati e professionisti della fermentazione.

Dicono del libro

Koji Alchemy mi ha già spinto a sperimentare cose che non avevo pensato fossero possibili. Ispira, dà potere e allo stesso tempo apre le porte a creatività e innovazione.
Sandor Ellix Katz

Koji Alchemy è un’opera conturbante. Già solo leggendolo inizierete a visualizzare tutte le sperimentazioni che potrete mettere in atto, vi stregherà con la descrizione di aromi avvolgenti e deliziosi e, cosa più importante, vi lascerà un bagaglio di conoscenze che potrete spendere direttamente nella pratica.
Martino Beria

...

I commenti sono chiusi.