Maxi focolaio Covid in una Rsa di Fabriano dopo il vaccino antinfluenzale

di Valentina Bennati (comedonchisciotte.org)

Il virus è dilagato all’interno della residenza protetta di Santa Caterina.

Fonti interne alla struttura riferiscono che, nonostante siano state sempre messe in atto le procedure ed i protocolli sanitari per evitare il contagio da Covid-19, circa 15-20 giorni fa, dopo la somministrazione dei vaccini antinfluenzali, gli ospiti della casa di riposo hanno cominciato a non stare bene: una leggera febbre inizialmente, accompagnata da diarrea.

La sintomatologia in un primo momento è stata ricollegata alla vaccinazione ma, poiché con il passare dei giorni quelle avvisaglie non cessavano, la direzione ha deciso di effettuare il tampone rapido al primo caso registrato, un ottantenne in sedia a rotelle, che nel frattempo si era aggravato presentando difficoltà respiratorie e temperatura molto alta.

L’anziano è risultato positivo e la positività è stata successivamente confermata anche da un  tampone molecolare naso faringeo effettuato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Fabriano presso cui l’uomo è stato portato.

Di lì a due giorni anche un’altra signora si è sentita male manifestando tremori, febbre e una certa confusione mentale. Chiamato il 118, è stata anche lei riscontrata positiva al tampone e ricoverata.

A questo punto sono scattate le procedure sanitarie,  l’Azienda di Servizi alla Persona Vittorio Emanuele II ha allertato l’Azienda Sanitaria Unica Regionale che a sua volta si è attivata per l’effettuazione di uno screaning completo a ospiti ed operatori.

Ecco che il 90% degli ospiti e del personale è risultato positivo al Covid-19.

Su 60 anziani, infatti, 52 sono positivi. Tutti, pur non presentando sintomi di particolare gravità, sono stati messi in isolamento precauzionale all’interno delle proprie camere a causa dell’età e delle patologie pregresse. Dei 40 dipendenti – tra cui infermieri e operatori socio sanitari – sono risultati positivi invece ben 30.

“Supponiamo con un buon margine di sicurezza che un ospite o un operatore asintomatico sia stato inconsapevolmente il veicolo di contagio” ha scritto in un comunicato datato 27 ottobre 2020, il Comitato Covid dell’ASP “Vittorio Emanuele II” .

Nessuno, invece, ha ipotizzato una possibile correlazione con il vaccino antinfluenzale dal momento che in questi mesi è stato più volte ribadito dalle autorità sanitarie che non esiste alcuna evidenza scientifica che il virus Covid-19 possa essere trasmesso attraverso l’inoculazione del vaccino antinfluenzale né, tantomeno, che la stessa vaccinazione favorisca l’infezione da Covid-19.

Proprio a questo riguardo di recente l’Azienda Sanitaria di Trieste ha pubblicato una secca smentita in merito a quanto riportato in una  registrazione vocale che girava nei giorni scorsi sui social, registrazione che imputerebbe alla recente vaccinazione antinfluenzale la causa del contagio da virus Sars-Covid-19 dei casi riportati presso la casa di riposo casa Moschion di Trieste.

Dunque è impossibile che il vaccino antinfluenzale possa provocare il Covid. Le conoscenze scientifiche attuali non hanno evidenziato questa correlazione né sarebbe corretto scrivere diversamente.

Dobbiamo chiederci, però, se è possibile che il vaccino antinfluenzale renda una persona fragile più suscettibile al Covid.

Questa domanda è legittima e non sarebbe un’ipotesi da scartare a priori. Infatti, come ben spiegato da un interessante libretto pubblicato da Giovanni Fioriti Editore a firma di alcuni prestigiosi medici già noti per la loro indipendenza ed onestà intellettuale (Paolo Bellavite, Alberto Donzelli, Eugeniuo Serravalle, Daniele Agostini, Adriano Cattaneo, Piergiorgio Duca), non si può escludere che la vaccinazione antinfluenzale possa dare interferenza virale ed in particolare aumentare la suscettibilità ad altre infezioni virali.

Scrivono gli autori a pagina 45 e seguenti:

Nei vaccinati contro l’influenza può esserci un rischio di eccesso di altre malattie virali. Sul tema risulta disponibile un solo RCT, in 115 bambini (Cowling et al. 2012), randomizzati a una vaccinazione antinfluenzale o a un placebo. Nei successivi 9 mesi (dunque con follow-up molto più lungo di quello dei correnti RCT sull’immunogenicità dei vaccini, che spesso si limitano a poche settimane di follow-up dopo la somministrazione), i bambini sono risultati più protetti rispetto all’influenza (30 influenze stagionali in meno rispetto al placebo), ma hanno avuto un eccesso significativo di altre infezioni virali confermate virologicamente (+302 altre infezioni da virus non influenzali).

Anche nello studio di coorte MoSAIC (Rikin et al. 2018) si è osservato lo stesso fenomeno su quasi 700 bambini: dopo la vaccinazione antinfluenzale c’è stato un aumento di malattie respiratorie acute causate da patogeni non influenzali rispetto ai soggetti non vaccinati, statisticamente significativo nel triennio considerato.

Inoltre l’interferenza virale è stata rilevata anche in adulti militari USA (Wolff 2020). I vaccinati con antinfluenzale hanno mostrato meno influenze, e significativamente meno parainfluenze e infezioni da virus respiratorio sinciziale, ma un aumento significativo di infezioni da coronavirus (+36%, anche se non circolava ancora il SARS-CoV-2), da metapneumovirus (+56%) e dall’insieme dei virus non-influenzali (+15%), oltre a un aumento quantitativamente ancor maggiore di malattie respiratorie in cui non si è potuto identificare il patogeno (+59%). L’eccesso netto di patologie respiratorie nei vaccinati è risultato importante. Il fatto che nei vaccinati siano aumentate, tra l’altro, infezioni da coronavirus, dovrebbe indurre alla prudenza.

Indagini di associazione mostrano in Spagna una relazione diretta tra vaccinazioni antinfluenzali nei diversi territori e decessi da COVID-19 (Machado 2020). L’autrice propone una diversa spiegazione: gli individui salvati dalla vaccinazione antinfluenzale, in genere anziani in cattive condizioni di salute, resterebbero in vita, e pertanto potrebbero essere uccisi dalla COVID-19. Tuttavia la relazione riscontrata andrebbe verificata/resa pubblica anche per l’Italia (quesiti in tal senso, disponibili a richiesta, sono stati formulati all’ISS il 22/3/2020 e il 20/4/2020), e dovrebbe indurre a grandissima prudenza.

 

La tematica è troppo importante per non approfondirla.

Serve che se ne parli di più.

Servono ulteriori studi ben condotti e ricercatori indipendenti e intellettualmente onesti (come gli autori dell’esauriente lavoro che ho citato) che portino ancora altri dati certi in modo che la scelta del vaccino antinfluenzale, oltre che essere sempre libera, possa avvenire a fronte di un consenso veramente informato.

Soprattutto è necessario che le autorità sanitarie e i rappresentanti politici assicurino un ambiente antidogmatico favorevole a un dibattito scientifico libero, trasparente, esente da conflitti d’interessi, che metta un impegno razionale nel tutelare veramente la salute dei cittadini.

Articolo di (comedonchisciotte.org)

Fonte: https://comedonchisciotte.org/maxi-focolaio-covid-in-una-rsa-di-fabriano-dopo-il-vaccino-antinfluenzale/

VENTUNO GIORNI PER RINASCERE
Il percorso che ringiovanisce corpo e mente
di Franco Berrino, Daniel Lumera, David Mariani

Ventuno Giorni per Rinascere

Il percorso che ringiovanisce corpo e mente

di Franco Berrino, Daniel Lumera, David Mariani

Il libro "Ventuno Giorni per Rinascere" è frutto di uno studio approfondito, condotto da tre illustri professionisti: Franco Berrino, Daniel Lumera, David Mariani.

I tre esperti hanno lavorato a stretto contatto per realizzare un vero e proprio manuale, nel quale vi sono suggerimenti di ogni genere che promuovono un comportamento mirato verso scelte consapevoli, col fine ultimo di condurre una vita di benessere, per giungere alla terza età in piena salute.

Spesso le credenze popolari ci portano a pensare che invecchiare "bene" è solo una questione di fortuna ma, in realtà, assumere sin da giovani buone abitudini, oltre a permettere di condurre una vigorosa gioventù, ci spiana la strada verso una vecchiaia serena e vitale.

I consigli più importanti degli autori sono:

  • nutrirsi in maniera corretta, preferendo alimenti biologici,
  • fare esercizio fisico,
  • coltivare la spiritualità, poiché essa è in grado di influenzare il nostro quotidiano, ma anche il nostro DNA.

In soli 21 giorni, con l'appoggio degli esperti, è possibile acquisire la giusta consapevolezza che ci spinge ad assumere comportamenti responsabili e a cambiare, qualora fosse necessario, alcune cattive abitudini che a lungo andare provocano problemi alla nostra salute (fisica e psichica).

In questo nuovo libro il dottor Franco Berrino, infatti, propone un vero e proprio percorso pratico per calare nella nostra vita quotidiana i principi della Grande Via: alimentazione, movimento e meditazione. Un programma di tre settimane da cui uscire rinnovati nel corpo e nello spirito. A questo scopo sarà affiancato da due esperti di primo piano nelle rispettive discipline:

Daniel Lumera, considerato un riferimento internazionale nella pratica della meditazione; e David Mariani, allenatore con 40 anni di esperienza nel campo del fitness.

Il percorso pratico in 21 giorni per conquistare una longevità in salute.

Esiste un cammino di tre settimane capace di renderci più giovani, più sani, più longevi, più gioiosi. Lo ha studiato Franco Berrino, noto medico ed esperto di alimentazione, assieme a Daniel Lumera, riferimento internazionale nella pratica della meditazione, e a David Mariani, allenatore specializzato nella riattivazione dei sedentari. È un percorso pratico e quotidiano fatto di ricette, esercizi fisici e spirituali. Ma anche di conoscenza, illuminazione, consapevolezza.

Se ne esce rinnovati nel corpo e nello spirito. E tre settimane, secondo studi scientifici e antiche sapienze, sono il tempo necessario per prendere un'abitudine, cambiare stile di vita. E garantirci una longevità in salute. "Arrivare in età avanzata in piena salute non è, per lo più, una fortuna dettata dal caso, ma una possibilità alla portata di tutti, che si costruisce sulle scelte quotidiane e sull'esperienza di vita dettata dalla consapevolezza. Mantenerci in salute è una scelta di giustizia: non abbiamo il diritto di far pesare le nostre malattie sugli altri, di togliere anni di vita e di felicità ai nostri figli costringendoli a occuparsi della nostra invalidità o demenza senile.

In questo libro troveremo le indicazioni per consentire al nostro organismo di sviluppare la massima capacità di autocura, e impareremo a ristabilire, quando necessario, il perduto equilibrio. Favoriremo il recupero della vitalità, intraprenderemo un viaggio di riequilibrio e armonia fisiologico e mentale che può apportare cambiamenti grandiosi nella vita di ogni giorno."

Dall'esperienza de "La Grande Via", un percorso pratico con ricette ed esercizi fisici e spirituali per ringiovanire il corpo e lo spirito e garantirci una longevità in salute.

Ventuno giorni per cambiare stile di vita e ritrovare l'equilibrio, la salute, la vitalità e la gioia.

Dalla prefazione:

"Circa la salute non c'è nulla da imparare. Serve ricordare."
FRANCO BERRINO

"Siamo condannati alla felicità. Stiamo solo resistendo."
DANIEL LUMERA

"Tratta bene il tuo organismo: è lui che ti accompagnerà per tutta la vita."
DAVID MARIANI

L'idea di questo libro nasce in un luogo unico al mondo, la Sardegna, dove archetipi millenari e una natura originaria guidano l'essere umano nel riscoprire la sua identità perduta.

Nel giugno 2017, Enrica Bortolazzi, cofondatrice dell'associazione "La Grande Via" insieme a Franco Berrino, e Daniel Lumera, uno degli autori del presente volume, si incontrarono in Ogliastra, nella magica Sardegna, per effettuare un sopralluogo in vista di un successivo seminario estivo dell'associazione sulla prevenzione e la longevità attraverso lo stile di vita.

Chi conosce la potente terra sarda sa che qui il paesaggio di una storia arcaica si fa luogo dell'anima. I monumenti sacri dell'antica civiltà nuragica guidano i visitatori a un ritmo di vita più salutare, a una dimensione più sobria di essere umano. I pozzi e le tombe dei giganti evocano una ritualità che si perde nel tempo, i cui principi sono ancora attivi dentro di noi quali chiavi di accesso a frammenti di identità dimenticati."

Attraverso l'indice (che troverai qui sotto) è possibile notare quanto sia necessario che il cammino verso la consapevolezza debba avvenire con un approccio graduale. Infatti, nella fase iniziale vi è un avvicinamento soft al cambiamento, nel quale bisogna chiarirsi bene le idee sugli obiettivi da raggiungere e su quali siano i mezzi migliori da utilizzare. Ciò non richiede sacrifici enormi o sforzi di volontà, ma semplicemente costanza e, prima di ogni altra cosa, conoscenza.

Sapere quali sono i benefici riscontrabili nel breve e nel lungo periodo, permette di cominciare il percorso di "rinascita" con più convinzione ed energia.

  1. Il primo passo da compiere è la purificazione del corpo, della mente e dello spirito.
  2. In seguito, è importante comprendere quanto il cibo faccia la differenza nella salute delle persone.
    Esso nutre il corpo. Quindi grazie al cibo, a seconda di ciò che decidiamo di mangiare, possiamo apportare all'organismo benefici o problemi.
    Per questo è importante scegliere solo alimenti sani, biologici e di stagione, come quelli tipici della cucina macrobiotica, prediligendo il consumo di vegetali e senza eccedere con le proteine. Anche i metodi di cottura devono essere volti a preservare le sostanze nutritive dei cibi, senza comprometterne i sapori.
  3. Evitare distrazioni durante i pasti è una buona abitudine da assumere, poiché aiuta ad assaporare di più il cibo; mangiare lentamente è importante per favorire la digestione e per sentirsi sazi ingerendo anche minori quantità di alimenti; imparare a mangiare prevalentemente di giorno e di meno la sera favorisce il riposo notturno del corpo e della mente e la conseguente rigenerazione delle cellule.
  4. È buona abitudine digiunare di tanto in tanto per un breve periodo, per depurare il corpo.
  5. Dormire bene e a sufficienza è una delle cose fondamentali per rinvigorirsi.
  6. L'attività fisica e il risveglio muscolare fanno sì che il corpo non si atrofizzi e non invecchi prima del tempo, assumendo così forza e freschezza.
  7. L'essere umano è fatto anche di spirito, per questo non bisogna mai tralasciare l'importanza della meditazione.
  8. Persino il respiro deve essere compiuto come un atto consapevole per rigenerare il proprio corpo, nutrendosi di aria nuova.

Queste ed altre abitudini conducono al raggiungimento del perfetto equilibrio psicofisico e a preservarsi dall'invecchiamento e dalle malattie.

...

I commenti sono chiusi.