Mahabharata: la storia di una antica battaglia per la Terra

Il Mahabharata è un antico poema epico indiano che include il Bhagavad Gita. Alcune persone leggono questo monumento letterario come un interessante, antico mito che ci racconta di una grande e terribile battaglia nel Kurukshetra, tra i Kaurava e i Pandava.

Di cosa parla davvero il Mahabharata?

Ma di cosa parla davvero il Mahabharata? A parte il sesto capitolo del Bhishmaparva del Mahabharata, che racconta il mondo attorno e lo stato delle cose prima che la battaglia avesse inizio, parla di:

Isola di Sudarshan: rotonda, selvggi, per metà Smokovnitsa, l’altra descritta come la Grande Lepre. Vi sono grandi montagne come Khimavan, Nishudha, Nila, Shveta e Shringavan; tra loro sorge il Monte Meru. Il sole, il vento e il fiume latteo scorrono da ovest a est, da sinistra a destra. Si ritiene che raggiunga i 100 mila yojan in altezza (yojan è una misura vedica della distanza usata nell’antica India, pari a circa 12-15 km, ndr);

Bharata: uno dei sette paesi che si trovano sulla terraferma di Jambudvipa. La lunghezza totale di questo continente è di 18.600 yojan. Ci sono 7 montagne: Malaya (Mercurio), Jaladhara (Venere), Raivataka (Marte), Shyama (Giove), Durgashaila (Saturno), Caesar (Nettuno). La distanza tra loro in yojan è doppia rispetto a quella precedente.

mahabarata battaglia

Il Mahabharata descrive il nostro universo

La Luna, con un diametro di 11 mila, si trova ad una distanza di 365.900 yojan. Il sole, con un diametro di 10 mila yojan, ad una distanza di 305.800 yojan. È questo il mondo di Sanjay descritto dal re Dhrtarastra, ma ad alcuni pare che il Mahabharata descriva la struttura dell’universo e del nostro sistema solare.

Quindi Bharata è il pianeta Terra, e non un qualche paese indiano: l’isola di Sudarshan è l’universo, onniveggente, il Monte Meru è la stella polare, circondata da sinistra a destra dalla Via Lattea. Il diametro della stella polare è 100 mila e il sole 10 mila yojan. Le altre montagne descritte da Sajaia sono grandi costellazioni stellari.

La storia descritta nel RigVeda sulla liberazione della mandria di mucche Indra diventa più chiara. Non si trattava di mucche, ma di ammassi stellari. Ed egli ha liberato la Via Lattea e non il fiume Gange. Sorprendono l’accuratezza dei dati sull’universo e le dimensioni dei corpi celesti e le distanze tra loro: il sole misura 10.000 yojan che sono 1.392 milioni di chilometri. Il diametro del nostro sistema è 18.600 * 139,2 = 2,59 miliardi di km.

Mahabarata stella bruna

Una gemella oscura del sole

Un’altra conclusione sorprendente può essere tratta analizzando questo testo. Il sole ha una “luna” e insieme costituiscono una stella doppia: il continente di JashvaDvipa, come Sajai chiama il nostro sistema solare, si traduce come stella doppia. Questa “luna” è una nana oscura e invisibile di 1.000 yojan (10%) più grande del Sole.

La simmetria e le proporzioni sono scioccanti. Il diametro della Terra e del Sole è da 1 a 109. Il prodotto dei diametri della Luna (il nostro satellite) e della Terra è uguale al diametro del Sole. La Luna, che è un satellite della Terra, è esattamente 140 volte più piccola della “luna” che è una stella doppia, gemella invisibile del Sole.

Ora, prestiamo attenzione alla distanza tra i pianeti: questa distanza è circa 2 volte superiore rispetto alla precedente. Questa regola non funziona solo tra Giove e Marte, ma a questo punto la leggenda che un pianeta è stato distrutto, dove si trova attualmente la fascia degli asteroidi, diventa molto realistica. In precedenza, questo pianeta si trovava nel nostro sistema solare: Marte, Venere e Giove potrebbero essere stati bruciati in una guerra interstellare?

mahabarata eserciti

Non siamo gli originali abitanti della Terra?

Se tutto questo è vero, il Mahabharata racconta la lotta tra i Kaurava e i Pandava per l’intero pianeta Terra: uno scontro tra due civiltà altamente sviluppate, che eseguivano voli interstellari e possedevano armi terribili. La battaglia ebbe luogo nello spazio e non sulla superficie di un pianeta.

Ma dopo aver usato armi nucleari o anche più terribili, la nostra Terra è stata effettivamente distrutta, l’inverno nucleare è calato e solo pochi sono sopravvissuti. Tutte le conoscenze e le abilità della precedente civiltà furono perse. In altre parole, non saremmo gli abitanti originali di questo pianeta. Spaventoso, non è vero?

Fonte: http://www.fanwave.it/articoli/683-mahabharata-antica-battaglia-per-la-terra.html

ALIENI O DEMONI
Versione nuova
di Corrado Malanga

Alieni o Demoni

Versione nuova

di Corrado Malanga

Il dottor Corrado Malanga è ricercatore e docente di Chimica Organica presso l'Università di Pisa. Si interessa di UFO e Alieni da quasi quarant'anni. Attualmente i suoi interessi sono rivolti alle problematiche legate ai Rapimenti Alieni (Abduction), che studia mediante tecniche di Ipnosi Regressiva e Programmazione Neuro Linguistica.

In questo libro trovi tutti gli strumenti necessari ad affrontare le conseguenze del proprio rapimento alieno, per non farlo ripetere mai più; la vera storia degli abusi che gli alieni perpetrano sull'umana progenie; la psicosomatica dei fenomeni di Abduction; la risoluzione di casi specifici e le tecniche di PNL e Ipnosi Regressiva applicate al problema.

Tratto dalla prefazione dell'Autore:

Tutto cominciò tanti anni fa. Mi interessavo di UFO a livello amatoriale, quando decisi di entrare a far parte di un'organizzazione nazionale che studiava l'argomento. Divenni membro del Consiglio direttivo e lavorai con questa organizzazione per svariati decenni. Un giorno mi affidarono l'incarico di seguire un caso di presunto rapimento, da parte di alieni, di un ragazzo di Genova: Valerio.

Dopo quattro anni d'inchiesta, per volere dello stesso direttivo del centro per cui lavoravo, trasformai il mio rapporto in un libro. Si scatenò l'inferno! ... Questo trattato spiega, per filo e per segno, in cosa consiste il problema delle interferenze aliene, descrive le principali razze che praticano le interferenze, analizza i vari livelli d'interferenza interna ed esterna all'addotto, chiarisce le interrelazioni tra alieni e alieni e tra alieni e gruppi di Governo Mondiale (NWO, New World Order). Sono descritte le tecniche di sottomissione che gli alieni e i militari con essi collusi utilizzano per i propri scopi.

Si indicano i motivi per i quali tutto ciò accade e si descrivono, per filo e per segno, le tecniche utilizzate per comprendere il fenomeno. ... Parla, però, anche della vera natura dell'Uomo e dell'universo, distingue Anima, Corpo, Mente, Spirito, realtà reale e realtà virtuale e fornisce la chiave di lettura per poter finalmente divenire.

Mi sono infatti reso conto che, nello studiare gli alieni, avevo commesso un grave errore metodologico: non si possono studiare gli alieni senza prima sapere come noi stessi siamo fatti. Ben presto avevo capito che gli alieni cercavano in noi qualcosa che non avevano, qualcosa che noi non sapevamo di possedere, qualcosa che rende molti uomini parte integrante di Dio.

Lo scopo del presente trattato è fare chiarezza ...

 

...

I commenti sono chiusi.