Libri di testo “razzisti e sessisti”, bambini costretti a riscriverli. Salvini: “Lavaggio del cervello” – Il Populista

In una scuola romana ai bimbi viene imposto un esercizio di “autocorrezione dei testi scolastici”, ultima frontiera del politicamente corretto in salsa boldriniana. Il cruccio di certe femministe: “Nei problemi di aritmetica solo la mamma va a fare la spesa, mai il papà”

Siamo circondati. Razzismo e sessismo ovunque. Anche nei libri di testo, quindi occorre modificarli. Anzi a farlo devono essere i bambini, a cui viene di fatto imposto un esercizio di “autocorrezione dei testi scolastici”. Fantascienza, realtà futuribile nei sogni di certi pasdaran “boldriniani”? No, pratica effettivamente vigente nelle scuole italiane del 2017 e raccontata sul Fatto Quotidiano.

Del resto, come avevamo fatto a non pensarci prima: “I libri di testo, strumento didattico fondamentale nelle scuole di ogni ordine, veicolano, in modo più o meno esplicito, contenuti sessisti o razzisti“, spiega Giusy Cicciò, socia di Dalia, acronimo di Donne Autodeterminate e Libere in Azione, l’associazione che ha portato il progetto “a che genere giochiamo” in una scuola elementare di 250 bambini.

L’obiettivo è eradicare pregiudizi e stereotipi razzisti e sessisti o presunti tali, a costo appunto di riscrivere i libri di testo, pratica storicamente nefasta, secondo i dettami insindacabili del politicamente corretto. “Molto spesso nei problemi di aritmetica solo la mamma va a fare la spesa, mai il papà“, è il fondamentale cruccio che muove un’altra fautrice dell’iniziativa.

Gli immigrati, pur rappresentando l’8 della popolazione, sono responsabili del 40% delle violenze sessuali? “La violenza sulle donne non è imputabile a fattori sociali o di nazionalità ma è un problema culturale Per prevenirla – spiega ancora l’educatrice – è fondamentale un intervento precoce, andando a parlare direttamente dai bambini della scuola primaria”. Costringendoli a “interrogarsi sul perché, nelle illustrazioni, sono quasi sempre presenti uomini mentre le femmine sono relegate in trafiletti laterali”. Lapidario il commento di Matteo Salvini su Facebook: “Lavaggio del cervello su bimbi di 6 anni. Che pena”.

Fonte: http://www.ilpopulista.it/news/20-Novembre-2017/20629/libri-di-testo-razzisti-e-sessisti-bambini-costretti-a-riscriverli-salvini-lavaggio-del-cervello.html

L'ORTO SENZA FATICA —
di Ruth Stout

L'Orto senza Fatica —

di Ruth Stout

Questo libro non è solo un manuale di orticoltura, genere inviso alla Stout. È molto, molto di più.

Le domande più comuni di chi inizia a coltivare in maniera naturale trovano qui una risposta: la terra va lavorata e concimata ogni tanto? Quanto si deve irrigare? Che fare se arrivano le lumache? Si possono coltivare grandi appezzamenti con il "Metodo Stout"? Quali materiali si possono usare per una buona pacciamatura? La copertura di materiale vegetale non consuma l'azoto nel terreno? Quando e come va ripristinata la pacciamatura? Come si procede con le semine e le piantagioni in presenza di pacciamatura? Quanto materiale vegetale consuma ogni anno un orto pacciamato?

L'elenco dei quesiti che gli appassionati (e i critici) rivolgono alla Stout trova puntualmente risposte ineccepibili. E talvolta anche irridenti se gli interlocutori si mostrano arroganti.

"Le difficoltà derivano dal cercare di seguire le indicazioni di qualcun altro, obbedendo a delle regole invece di usare il proprio buon senso", chiosa la Stout.

Ruth è una persona simpatica e diventa subito familiare, questo rende più che piacevole lo scorrere delle pagine. È facile vedere in lei la vera precorritrice delle moderne metodologie di coltivazione biologica.

Ma un'altra ragione che mi ha motivato a diffondere in Italia questa pubblicazione è che essa può essere definita indispensabile per coloro che intendano intraprendere con le sole proprie forze il percorso verso una coltivazione veramente secondo Natura, magari per approdare alla Coltivazione Elementare.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *