Lettera dal fronte: repressione dei non vaccinati in Lituania


Notice: Undefined index: host in /web/htdocs/www.saremoliberi.it/home/wp-content/plugins/__prodotto/__prodotto.php on line 582

La brutale repressione dei non vaccinati  attuata dal governo lituano.

Scrivo per sensibilizzare sulla situazione politica e sociale profondamente inquietante in questo momento in Lituania, e credo fermamente che il 50 per cento dei cittadini lituani che hanno rifiutato la vaccinazione contro la Covid-19, e anche un gran numero di coloro che sono stati vaccinati , mi sostiene in questo invito all’attenzione rivolto alla comunità internazionale. Non è stato pubblicato nulla sui principali media al di fuori del nostro paese.

Oggi, 10 agosto, il governo lituano inserirà i seguenti emendamenti alle legislazioni statali che negano alle persone non vaccinate, compresi i bambini in età scolare, l’accesso a: – trasporto pubblico; – istituti medici di cure primarie e secondarie; – qualsiasi commercio e servizio in cui il contatto umano è  di una durata superiore ai 15 minuti; – biblioteche, musei, concerti, teatri; – scuole e università; – negozi con superficie superiore a 1.500 mq.

Il congedo per malattia sarà revocato per coloro che non assumono il vaccino.

I principali funzionari e il personale del parlamento lituano che non sono vaccinati o si oppongono alle suddette modifiche hanno avuto la loro carta d’identità di ingresso in parlamento disattivata venerdì (6 agosto), quindi non saranno autorizzati a partecipare alla discussione.

Un eurodeputato lituano sta apertamente incitando all’odio contro le persone non vaccinate, consigliando al pubblico di interrompere tutti i contatti con coloro che non sono stati vaccinati, compresi i familiari. L’espressione “zavorra non necessaria per la società” è utilizzata dal direttore dell’Istituzione del servizio per l’impiego.

La segregazione di persone, amici e persino famiglie è iniziata in un paese di soli tre milioni di abitanti.

Le forze militari della Lituania dovrebbero ricevere maggiori poteri, compresa l’acquisizione della proprietà delle imprese e dei singoli. Ci sono piani per una protesta oggi al parlamento lituano. Migliaia di cittadini lituani, compresi quelli che hanno accettato il vaccino, stanno organizzando viaggi in autobus per unirsi ed esprimere la loro opposizione alla violazione dei diritti umani, del diritto del lavoro, degli standard commerciali, dei diritti dei bambini, della risoluzione 2361 (2021) dell’Assemblea parlamentare dell’UE, del codice di Norimberga e della  Costituzione lituana.

Il 13 gennaio 1991, migliaia di lituani disarmati si schierarono contro i carri armati sovietici dopo la dichiarazione di indipendenza del paese, proteggendo il loro Parlamento e la torre della televisione, che non smise di trasmettere le notizie al mondo. Quattordici persone sono morte e centinaia sono rimaste ferite perché i lituani si sono rifiutati di ritirarsi sotto gli attacchi e gli spari sporadici sono continuati per almeno 90 minuti. Poco prima che la stazione radio venisse chiusa, un annunciatore ha detto: “Ci rivolgiamo a tutti coloro che ci ascoltano. È possibile che [l’esercito] possa spezzarci con la forza o chiuderci la bocca, ma nessuno ci farà rinunciare alla libertà e all’indipendenza”. I sovietici fecero marcia indietro.

Ora la nostra coraggiosa nazione che una volta ha piegato l’URSS è soggetta a una dittatura fatta in casa.

Non si tratta della vaccinazione, ma della libertà di fare una scelta e farla rispettare senza perdere dignità e diritti.

Emilia Mituziene  – 10 agosto 2021

Fonte originale: www.conservativewoman.co.uk

Fonte: https://sfero.me

I commenti sono chiusi.