Laboratorio svizzero esegue test sulle mascherine di 20 pendolari. Shockante il risultato

di M.Cristina Bassi

Mascherina mascherina… sarai forse la rovina? Filastrocca gomblottista? Non proprio stando alle notizie che leggiamo sulla rivista mainstream svizzero-tedesca “Blick” del 17 settembre 2020, che ci informa che la  rivista per i consumatori “K-Tipp” ha fatto eseguire un test in laboratorio sulle mascherine di  20 pendolari

Il risultato è stato devastante.

“Da settimane [in Svizzera] le mascherine sono obbligatorie sui trasporti pubblici. Centinaia di migliaia di pendolari indossano mascherine al mattino e alla sera. Spesso le stesse per diversi giorni. La rivista per i consumatori “K-Tipp” ha ora fatto delle indagini per vedere quanto queste mascherine (usate in tali condizioni) siano ancora igieniche”

Il risultato da ragione a chi in questi mesi di “compulsione-obbligo da mascherina” ha espresso perplessità e scetticismo sulla loro reale utilità salutistica e validità scientifica, dando spazio a vari pensieri sul perché venga imposta…

Le mascherine sono piene di batteri e muffe. Il motivo: agiscono come filtri, l’aria che respiriamo scorre attraverso le fibre del tessuto. Questo ha delle conseguenze: batteri e funghi rimangono intrappolati. Si moltiplicano rapidamente nell’ambiente caldo e umido della mascherina”.

Sembra poi che stropicciare con le dita la mascherina peggiori la situazione:

“Il nocciolo della questione: chi stropiccia con le dita la mascherina, si porta più batteri sul tessuto. Compresi i virus con le goccioline che li circondano, i quali a differenza dei  batteri, non si moltiplicano sulla mascherina. Non toccare la mascherina con le dita senza averla lavata prima o dopo”.

In effetti… non sono notizie né risultati confortanti:
“I test K-Tip dimostrano che la maggior parte dei pendolari indossano le loro mascherine per diversi giorni o addirittura settimane. Molti affermano di non voler produrre rifiuti inutili. Un atteggiamento fatale. Perché 11 delle 20 mascherine testate contenevano più di 100.000 colonie batteriche. Tre di loro sono anche più di un milione”.

Ma c’è di peggio: i microbiologi hanno trovato anche gli stafilococchi e su “14 delle 20 mascherine, batteri che possono causare polmonite e infiammazioni cerebrali. Su 15 delle 20 maschere testate, il “K-tip” ha trovato anche muffe e funghi del lievito. Secondo il BAG [abbreviazione tedesca per Ufficio Federale Sanità Pubblica], questi possono causare irritazioni alle vie respiratorie e agli occhi”.

In consiglio finale: “sostituire le mascherine non appena si inumidiscono”.

Fonte: https://www.blick.ch/news/wirtschaft/gebrauchte-exemplare-getestet-so-gruusig-ist-ihre-corona-maske-wirklich-id16096358.html

Traduzione: M.Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

Fonte: https://www.thelivingspirits.net/laboratorio-svizzero-esegue-test-sulle-mascherine-di-20-pendolari-shockante-il-risultato/

TACHIPIRINA, PARACETAMOLO E ALTRI FARMACI PER ABBASSARE LA FEBBRE: Sì O NO? —
di Stefano Montanari, Antonietta Gatti

Tachipirina, Paracetamolo e altri Farmaci per Abbassare la Febbre: Sì o No? —

di Stefano Montanari, Antonietta Gatti

Scopri gli effetti dannosi di uno dei farmaci più usati e come usarlo più consapevolmente.

Perché acquistare questo libro

  • Per scoprire benefici e controindicazioni del paracetamolo
  • Per capire quando è bene prendere la tachipirina, e quando invece è meglio evitare
  • Per non dare le medicine per scontate, ma usarle in maniera corretta e consapevole

Dalla quarta di copertina

Che cosa sono la tachipirina® e gli altri farmaci contro la febbre a base di paracetamolo? Cosa contengono? Hanno delle controindicazioni? Come usarli correttamente?

Gli scienziati Stefano Montanari e Antonietta Gatti rispondono a queste a tante altre domande facendo chiarezza su questi farmaci diventati di larghissimo consumo e non sempre utilizzati a proposito. Gli autori ci illustrano la loro azione chimica e gli effetti che essi inducono nel nostro corpo, tenendo conto dell’unicità biologica dell'essere umano e quindi degli effetti diversificati su ognuno di noi.

L’utilizzo di queste medicine, spesso, rappresentano un ostacolo al superamento della malattia per cui viene assunto. La febbre, infatti, svolge un ruolo naturale di antagonismo delle infezioni.

L’opera presenta preziose informazioni per:

  • valutare se e quando somministrare i farmaci a base di paracetamolo, tenendo conto dell'età del paziente, del peso, della presenza di eventuali altre azioni farmacologiche già in atto (ad esempio vaccinazioni);
  • ridurre al minimo la possibilità degli effetti collaterali del farmaco o per evitare di nascondere sintomatologie indicative di processi patologici in atto che, mimetizzate dall'azione febbrifuga del paracetamolo, sfuggirebbero all'osservazione con grave pregiudizio per il paziente;
  • sapere quali sono gli eccipienti e gli effetti dannosi del farmaco; conoscere i rimedi naturali per abbassare la febbre.

In più una sezione speciale sull'analisi al microscopio elettronico delle compresse di paracetamolo e ritrovati metallici in nanoparticelle in esso rinvenuti.

...

I commenti sono chiusi.