La UE segue il “Pifferaio Magico”: 20 Paesi dell’UE possono espellere i diplomatici russi

di Luciano Lago

Il governo tedesco non ha commentato la pubblicazione del “The Times”, che afferma che circa 20 paesi dell’Unione europea, tra cui la Repubblica federale di Germania, possono seguire l’esempio della Gran Bretagna ed espellere i diplomatici russi, presumibilmente in risposta all’episodio dell’ avvelenamento di Skripal .

Il cancelliere tedesco Angela Merkel aveva già parlato su questo argomento il giorno prima. Secondo lei, oltre alle già concordate consultazioni di Mosca con l’ambasciatore dell’UE Marcus Ederer, “è necessaria una reazione aggiuntiva”. “Non ho nulla da aggiungere a questo”, ha detto il rappresentante del governo tedesco.

Secondo il Times, Francia, Germania, Polonia, Irlanda, Paesi Bassi, Estonia, Lettonia, Lituania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca e un certo numero di altri paesi si stanno preparando ad espellere i diplomatici russi “a causa della presunta rete di spionaggio di Mosca”.

Nel frattempo, l’ambasciatore della Russia nella Repubblica federale di Germania, Sergei Nechaev, ha sottolineato l’alta importanza delle relazioni russo-tedesche e il fatto che il loro deterioramento non sia di beneficio per nessuno. “Speriamo fortemente che i nostri partner tedeschi non giochino secondo le regole di altre persone, e anche a occhi chiusi.” Questo non è nell’interesse di tutti noi “, ha detto il diplomatico russo.

Fonte: Vesti

Regno Unito, l’UE e gli Stati Uniti tutti uniti contro la Russia

La recente campagna di propaganda occidentale contro la Russia rappresenta il culmine dell’escalation di una serie di attacchi diffamatori nei confronti della Russia e della presidenza di Putin, con l’ultima accusa lanciata dal regime britannico del primo ministro Theresa May .

Theresa May ad un banchetto di lusso

Gli inglesi hanno affermato che agenti segreti russi hanno cospirato per avvelenare un ex agente doppio russo e sua figlia, a Salibury, in Inghilterra, minacciando la sovranità e la sicurezza del popolo britannico. Nessuna prova è mai stata presentata. L’episodio è accaduto ad una settimana dalle elezioni presidenziali in Russia, mentre nella stessa zona si svolgeva una esercitazione di un attacco con gas nervino che ha impegnato circa 300 militari britannici. Per una “strana” combinazione nella stessa zona, alla periferia di Salisbury sorge Porton Down, il laboratorio militare delle armi chimico-batteriologico-nucleari, il più importante del Regno Unito. Vedi: Toxic storm for Royal Marines in major chemical exercise

Dopo aver additato Putin come diretto responsabile dell’episodio, il Regno Unito ha espulso i diplomatici russi e chiede sanzioni più severe, per aumentare la tensione con il grande paese slavo. Il Regno Unito, i suoi sostenitori statunitensi ed europei si stanno muovendo verso un’interruzione nelle relazioni diplomatiche e per un accrescimento di mezzi militari alle frontiere della Russia.

Sorge spontanea la domanda: quale è il ruolo del Governo Britannico in questo gioco al rialzo delle tensioni contro la Russia e a chi conviene impedire delle normali relazioni di cooperazione fra la Russia e l’Europa?
Nei prossimi articoli cercheremo di dare una risposta a questi interrogativi.

Articolo di Luciano Lago

Fonte: https://www.controinformazione.info/la-ue-segue-il-pifferaio-magico-20-paesi-dellue-possono-espellere-i-diplomatici-russi/

GLI SPECCHI ESSENI
Il codice per interpretare la mappa della tua vita
di Giovanna Garbuio

Gli Specchi Esseni

Il codice per interpretare la mappa della tua vita

di Giovanna Garbuio

Giovanna Garbuio ci offre quattordici potenti strumenti di conoscenza, conosciuti come gli "specchi esseni": un interessante schema di indagine che ci può venire in aiuto per interpretare la realtà, grazie a quello che riflettiamo negli altri, permettendoci di riscoprire chi siamo e perché accade ciò che accade.  

Secondo la teoria degli specchi esseni la realtà, che viviamo come qualcosa di altro da noi stessi, reagisce a come siamo. Il mondo che percepiamo all'esterno è solo una proiezione di come siamo al nostro interno e quello che osserviamo in un altro individuo è solo il riflesso di ciò che proviamo per primi nei confronti di noi stessi.

Dato che tutto ciò che ci accade nella vita è solo una proiezione della nostra interiorità, risulta molto efficace utilizzare ogni situazione, ogni accadimento esterno come un'indicazione per comprendere meglio noi stessi.

La realtà fuori di noi infatti serve semplicemente per indicarci quei lati del nostro carattere, quelle angolazioni della nostra personalità e quegli aspetti del nostro inconscio che ci ostiniamo a non voler vedere, continuando a non riconoscerli come nostri.

L'autrice dimostra che il mondo che percepiamo lì fuori è solo una proiezione di come siamo "dentro".

Quello che osserviamo in un altro individuo è il riflesso di ciò che proviamo per primi nei confronti di noi stessi. Pertanto l'incontro con l'altro, percepito come qualcosa di diverso da sé, rappresenta in realtà un incontro con se stessi, perché l'altro non è che il riflesso di ciò che di noi stessi a livello oggettivo non riusciamo a percepire.

In base a come siamo ed eventualmente a come cambiamo, la realtà è costretta ad adeguarsi.

Il problema è che finché non sappiamo chi siamo, quel che ci accade nella vita è completamente fuori controllo, al punto da far sembrare che il meccanismo alla base dell'evoluzione della realtà sia esattamente l'opposto di ciò che è.

"Non è necessario che tu cambi niente di te, non devi diventare qualcuno di diverso da quello che sei e soprattutto non è necessario che impari nulla di più di quello che già sai".

...

I commenti sono chiusi.