La “protezione” del popolo tedesco – Retrospettiva dal 2020 al 1933

Articolo di Francesco Carraro

In Germania è in fase avanzata l’iter di approvazione di una legge dal titolo incoraggiante: “Terzo atto per la protezione della popolazione in caso di situazione epidemica di portata nazionale”. il Ministro federale della sanità, Jens Spahn, l’ha difesa come uno strumento imprescindibile per la salvaguardia della salute: “è necessaria una medicina amara sotto forma di restrizioni alle libertà civili”.

E, in effetti, le norme ivi contemplate prevedono la compressione, a fisarmonica – in base alle circostanze e date le contingenze del giorno per giorno – di tutta una serie di diritti ormai derubricati al rango di “inessenziali”, cioè negoziabili, e quindi, se del caso, cancellabili: inviolabilità del domicilio, libertà di circolazione, di associazione, di riunione, di manifestazione del pensiero eccetera eccetera.

Il tutto, nel solco di quell’autentico demoniaco capovolgimento della regola aurea delle nostre affaticate democrazie: non è più concesso tutto ciò che non è esplicitamente vietato dalla legge, ma è vietato tutto ciò che la legge non consente espressamente. A ben vedere, non si tratta di norme molto diverse dai “temporanei” e “provvidenziali” Dpcm da cui siamo letteralmente sommersi in Italia. Solo che in Germania sono più organizzati e si sono portati avanti col lavoro.

Conoscono meglio di noi l’uso intelligente della gerarchia delle fonti e sanno che una legge ha più forza cogente, ed è meno facilmente contestabile ed emendabile, di un regolamento “amministrativo”. Ma ci arriveremo anche noi, tranquilli. E magari arriveremo anche al sovvertimento d’emblée dei primi 54 articoli della Costituzione. Perché no? Domandatevelo. Perché non dovrebbe essere possibile in un mondo in cui è stato finalmente trovato il grimaldello per scardinare l’impianto “liberale” degli ordinamenti sovrani?

Dopotutto, è stato unanimemente e “spintaneamente” deciso (dalla matrice mass-mediatica dominante) che la salute viene prima di (e sopra a) ogni altra questione e ogni altro valore. Non c’è più nulla che non sia sacrificabile sull’altare di questa nuova divinità: nemmeno la libertà, nemmeno la vita. Da questo punto di vista, del Covid-19 non è importante capire se è stato sintetizzato in provetta, e quindi è un progetto criminale (e non uno sfortunato accidente della natura).

È piuttosto decisivo comprendere come il virus sia impiegato alla stregua di un enzima per capovolgere i cardini delle nostre esistenze private e collettive. Giustificando l’instaurazione di qualsiasi (ripeto: qualsiasi) misura di controllo, disciplina, irreggimentazione. Così da ricondurre finalmente all’ordine un mondo troppo popolato, troppo “assembrato”, troppo caotico. Chiediamoci, allora: se i vari comitati tecnico-scientifici dovessero un domani – per effetto della recrudescenza di questo virus, o per effetto dell’arrivo di un nuovo agente patogeno – stabilire che ne vale la pena, che è “scientifico” (e quindi, per definizione, “necessario”) introdurre ulteriori “restringimenti”, la massa si ribellerebbe?

Se venissero proposte, solo a titolo di esempio: la violazione del focolare domestico per spegnere un focolaio di contagio, oppure la reclusione dei renitenti in spazi limitati, o ancora il rastrellamento dei diffusori di fake news e la loro rieducazione coatta? Le “riforme” passerebbero? Eccome se passerebbero, e sarebbero salutate come una “medicina amara” dai ministri della salute di mezzo mondo.

La nuova legge tedesca, in effetti, ha un nome sinistramente simile al decreto nazista (del 1933) del Presidente del Reich per la “protezione del Popolo” e dello Stato, successivo all’incendio del Reichstag. Stiano attenti tutti quelli che hanno urlato, e continuano a urlare, contro il pericolo di un ritorno dei fantasmi neri e bruni del secolo breve. Potrebbero essere accontentati. Ma dalla parte che non si aspettano.

Articolo di Francesco Carraro, sito web: www.francescocarraro.com

Fonte: https://www.francescocarraro.com/la-protezione-del-popolo-tedesco-retrospettiva-dal-2020-al-1933/

I ROTHSCHILD IN ITALIA
di Pietro Ratto

I Rothschild in Italia

di Pietro Ratto

Con quali mezzi e in quale misura Casa Rothschild tenne in scacco i singoli Stati che, dal 1861, sarebbero confluiti nel Regno d’Italia? Quali rapporti si instaurarono tra i vari governanti della penisola italica e questa potente famiglia di banchieri? Come e perché l’Inghilterra coprì e finanziò la Spedizione dei Mille? Quali interessi economici avevano alcuni uomini al seguito di Garibaldi, in relazione all’annessione del Sud da parte del Regno sabaudo?

E soprattutto: com’è possibile continuare a insegnare e a studiare la Storia senza considerare l’enorme peso che le logiche finanziarie e la sete di profitto di grandi istituti bancari come quello in questione, hanno sempre esercitato sul corso degli eventi?

Ne I Rothschild in Italia, Pietro Ratto con le sue profonde capacità di ricerca, analisi e sintesi, ci rivela i fatti che hanno portato alla formazione del nostro Paese mostrandoci quello che viene normalmente ignorato dalla narrazione ufficiale della Storia e dai libri di scuola, ma che è fondamentale per comprendere non solo quegli anni, bensì anche la nostra storia presente.

Oltre alla storia italiana nel periodo fra il 1821 e il 1861, riviviamo anche gli eventi che hanno attraversato in quegli anni gli altri Paesi europei, come la Francia, la Spagna, l'Inghilterra e l'impero asburgico.

«C’è  un  fatto  però,  che  anche  da  solo  basta  per  far  capire quanto una famiglia come quella dei Rothschild abbia saputo influire sulla storia europea tramite la sua attività di credito.

Un fatto che dimostra quanto sia difficile comprendere gli eventi storici senza tener conto di  queste  dinamiche  finanziarie  che,  come  abbiamo  visto nelle pagine precedenti, per esempio spiegano le reali leve della liberazione del re di Spagna Ferdinando VII, in quel caso da individuare nella citata tangente pagata da Nathan alle Cortes.

Si tratta di un prestito che l’Austria, di nuovo in crisi economica, dovette nuovamente richiedere a Salomon Rothschild nel maggio del 1831. Come abbiamo visto, i nostri banchieri avevano tutto l’interesse a far sì che l’impero asburgico non si cacciasse in una nuova guerra, prevedibilmente nociva  per  le  loro  stesse  finanze. 

Di  conseguenza,  Salomon  Rothschild  concesse  il  prestito  richiesto,  a  condizioni  sorprendentemente  vantaggiose.  Ma  con  una clausola: tali condizioni sarebbero venute meno qualora l’Austria fosse entrata in un nuovo conflitto.

Ebbene: se si va a cercare nei libri di Storia dell’Arte ci si imbatte nella descrizione della cosiddetta fase del Biedermeier,  che  si  estende  ufficialmente  dalla  fine  del Congresso di Vienna al 1848.

Un periodo caratterizzato da un clima culturale e artistico, e da uno tipico stile nella realizzazione di mobili e arredamenti, che si sviluppa nei Paesi germanici e in Austria approfittando di un insolito e lungo intervallo di pace.

Risulta impossibile, però, spiegar le vere cause storiche di questa lunga fase di pace, senza connetterla a quell’astuto prestito tramite cui i Rothschild riuscirono così a disinnescar gli intenti bellicosi di Klemens von Metternich, salvaguardando il loro patrimonio».

...

I commenti sono chiusi.