La ghiandola pineale e il suono

di Maurizio Padrin

Nell’introduzione ho raccontato la storia del mio viaggio a Palenque, in Messico, dove una stanza completamente buia si illuminò mentre intonavo armonici. Questa fu una delle esperienze più straordinarie della mia vita. Fu solo in seguito che cominciai ad analizzare l’episodio e a cercare di capire cosa era successo.

Spesso, dopo un evento eccezionale e inspiegabile che mi coinvolge, mi dedico alla meditazione. Al mio ritorno da Palenque cominciai a meditare su quello che mi era successo. Quello  che percepii durante la meditazione fu di estremo interesse. Attraverso l’uso degli armonici creati con la voce è possibile far risuonare e stimolare la ghiandola pineale.

La ghiandola pineale è una piccola ghiandola a forma di cono che si trova al centro della testa. Esotericamente, la ghiandola pineale è spesso associata al terzo occhio e Cartesio credeva che fosse la sede dell’Anima. Un tempo si pensava che fosse un organo vestigiale, ma ora lo si considera un orologio sensibile alla luce che agisce sul sonno e sulle ghiandole sessuali. Le ricerche di scienziati come Robert Beck suggeriscono che la pineale sia uno strumento organico puntato verso il nord magnetico per dare agli uomini e agli animali il senso della direzione.Altri scienziati credono che la pineale sia un organo bioluminescente in grado di creare luce.

La pineale è ricca di neuromelanina che,  secondo lo scienzato Frank Barr, è una molecola di temporizzazione delle fasi e di elaborazione delle informazioni, nonchè un fototrasduttore. Questa sostanza ha la capacità, tra le altre, di assorbire e convertire l’energia luminosa in suono. Ha inoltre la capacità di trasformare l’energia sonora in luce. Baar crede che la melanina e la sua controparte cerebrale, la neuromelanina, possano essere la chiave di collegamento tra mente e cervello.

Con la stimolazione della ghiandola pineale si produce neuromelanina. La neuromelanina, una sostanza sensibile alla luce, aziona il rilascio di un composto che contiene fosforo, una sostanza chimica che produce luce. Stimolando la ghiandola pineale con gli armonici vocali potrebbe essere possibile intensificare i campi di luce attorno al corpo. In altre parole, i campi aurici diventano più luminescenti. Io ipotizzo che attraverso questa luminescenza sia stato in grado di produrre luce nella stanza di Palenque.

Anche se il fenomeno non è ampliamente conosciuto, sembra che esistono alcuni riferimenti in certi testi. Dhyani Ywahoo, una donna di medicina nativa americana, scrive in Voices of Our Ancestors, che nelle antiche scuole Misteriche le iniziazioni erano tenute al buio. Io credo che questo accadesse grazie all’uso degli armonici vocali.

Lo scienziato spiritualista J.J. Hurtak scrive a proposito del fenomeno della creazione di luce attraverso la ghiandola pineale in The Keys of Enoch:

La “luce” che attiva la ghiandola pineale non è quella convenzionale del sole…il cervello produce il suo campo luminoso a livello molecolare…il nostro circuito neurale può produrre il suo campo di luce.

Ho parlato con il Dr. Tomatis della mia esperienza di produzione di luce attraverso il suono e gli ho suggerito la mia ipotesi sulla ghiandola pineale. Lui conosceva questo fenomeno di creazione della luce dal suono, ma credeva che questa luce non fosse generata dalla pineale (terzo occhio), ma dal cuore. È interessante notare che anche il cuore è un organo estremamente ricco di melanina.

Quali potevano essere i benefici curativi della creazione di luce? Le possibilità sembrano non avere limiti. Potremmo intensificare e aumentare l’energia dei campi attorno al nostro corpo, portare alla guarigione e bilanciare le zone di squilibrio o malattia. Questa possibilità di far risuonare la pineale grazie al suono sono un altro esempio del potenziale uso degli armonici per agire sul cervelo a scopo di guarigione.

Nota dell’autore: in qualità di operatore del suono posso confermare di avere percepito e notato l’intensificarsi della luce in occasione di diverse serate che ho condotto con il suono delle campane tibetane e l’utilizzo di suoni vocali (armonici), il fenomeno l’ho notato e percepito in maniera più marcata svolgendo l’attività nella grotta di sale.

Tratto dal libro “Il potere di guarigione dei suoni” di Jonathan Goldman

Articolo di Maurizio Padrin

Fonte: https://direzionebenessere.com/la-ghiandola-pineale-e-il-suono/

SUPERMETABOLISMO CON LA DIETA CHETOGENICA
Il metodo dimagrante potenziato con MCT, digiuno e chetoni esogeni
di Stefania Cazzavillan

Supermetabolismo con la Dieta Chetogenica

Il metodo dimagrante potenziato con MCT, digiuno e chetoni esogeni

di Stefania Cazzavillan

Il tuo corpo cambia, se cambia il tuo metabolismo. Scopri come perdere peso subito e per sempre!

Demonizzati a torto per anni, i grassi sono la nuova frontiera del benessere. Indispensabili per molte funzioni dell'organismo, possono diventare il carburante principale del nostro metabolismo, producendo una serie di infiniti benefici dal punto di vista del peso e della salute.

Con il metodo messo a punto da Stefania Cazzavillan, fin dai primi giorni si combatte l'infiammazione alla base del sovrappeso, ma anche di molti disturbi che svaniscono in breve tempo:

  • gonfiore
  • mal di testa
  • problemi gastrointestinali
  • ritenzione idrica
  • scarsa lucidità mentale

Con un programma in 5 passi e 4 settimane la dieta del supermetabolismo trasforma il corpo, bruciando i grassi in eccesso e ripristinando il corretto funzionamento dei principali processi di assorbimento e smaltimento delle sostanze nutritive.

Semplice da applicare, chiaro, completo di ricette e segreti pratici, un piano che fa perdere peso fin dalla prima settimana.

Perché leggere questo libro

  • La dieta che sta convincendo milioni di persone in tutto il mondo in una versione ancora più potente: dimagrimento assicurato, veloce e definitivo!
  • Come sfruttare i grassi per riattivare il metabolismo, perdere peso ed acquistare salute ed energia in poche settimane
  • Gli studi di Stefania Cazzavillan sono rigorosi ed attingono a biologia, genetica e nutrizione. In questo libro offre una visione innovativa di come affrontare e superare il sovrappeso e l'infiammazione.

Dalla quarta di copertina

Demonizzati a torto per anni, i grassi sono la nuova frontiera del benessere. Ecco perché la dieta chetogenica, anche grazie a moltissimi studi e ricerche, si sta diffondendo sia per debellare il grasso in eccesso sia per risolvere tutta una serie di disturbi.

Basata sull'aumento dei grassi nell'alimentazione (olio d'oliva, frutta secca, avocado) e sulla riduzione dei carboidrati, innesca un cambiamento profondo del metabolismo percepibile fin dai primi giorni: il grasso in eccesso viene utilizzato per produrre energia e quindi il dimagrimento è veloce e definitivo, senza compromettere i muscoli.

La dottoressa Cazzavillan, punto di riferimento per ricercatori, medici e pazienti, studia e applica da anni questo tipo di alimentazione ottenendo risultati straordinari anche in termini di salute e lucidità mentale. Le persone, infatti, non solo raggiungono il peso ideale senza soffrire la fame, grazie a questo «supermetabolismo», ma vedono ridursi gonfiore, problemi digestivi e intestinali, stanchezza, dolori articolari, ansia.

Il metodo messo a punto dall'autrice potenzia gli effetti della dieta chetogenica con i grassi MCT (presenti nel cocco per esempio) e il digiuno intermittente riducendo l'infiammazione che è alla base sia del sovrappeso sia di molte malattie croniche.

Cinque passi per entrare nella dieta chetogenica, un semplice programma di quattro settimane completo di menù e gustose ricette, tanti suggerimenti e consigli per recuperare forma fisica ed energia mentale, e riprendere finalmente in mano la propria vita.

Spesso acquistati insieme

...

I commenti sono chiusi.