La funzione spirituale della Bellezza

Si dice che sia bello ciò che piace, ma non è così.

La Bellezza, se è realmente tale, non è affatto ciò che incontra i nostri gusti soggettivi; essa è al contrario la manifestazione fisica e percepibile della verità. Platone affermava non a caso che “la Bellezza è lo splendore del Vero“. La Bellezza è l’espressione delle strutture oggettive del cosmo e delle sue leggi eterne.

Tutto ciò che è “bello”, lo è in quanto incarna un certo aspetto del Verbo, ossia dell’energia creatrice originaria: ciò che i testi sacri definiscono semplicemente lo “Spirito del Dio Vivente”. Nell’armonia delle forme che possiamo osservare quando ammiriamo un paesaggio, un albero, la maestosità di un animale selvaggio o un’autentica opera d’arte, si manifesta un Archetipo: un codice energetico primario da cui ha origine un certo aspetto del mondo fisico. Questo codice energetico, è la frequenza spirituale, da cui trae origine una forma del mondo materiale.
La Bellezza, è un ponte tra Spirito e Materia. Cogliere la Bellezza nelle cose che ci circondano, significa cogliere la Presenza del Divino nel mondo, la forma incarnata dello Spirito, l’unità di Cielo e Terra.

Non mi interessa qui profondermi in una complicata, quanto sterile, descrizione filosofica e concettuale di cosa sia un Archetipo. Nell’esperienza, esso è quel qualcosa che riconosciamo intuitivamente e che sentiamo provvisto di un valore profondo, universale, in grado di farci provare un senso di commozione che ci riporta a noi stessi e alla profondità della nostra Anima.

Quando guardiamo la luna piena risplendere nel mezzo dell’oscurità di un cielo notturno, vediamo la Bellezza. Ma lo spettacolo della luna piena nel cuore della notte ha una nota di fondo -una vibrazione-, che è presente anche nella Sonata al Chiaro di Luna di Beethoven; si tratta di una sensazione struggente che ha il sapore dell’eternità, e di una quieta e solenne nostalgia: essa è  certamente presente anche nei versi di Leopardi. Questo qualcosa, è un Archetipo. Come vogliamo chiamarlo? Divina Nostalgia? Ciò che conta è che l’Archetipo è tale in quanto è un codice primario (ciò che Platone chiamava “Idea”) che esprime la frequenza di fondo comune a tutti gli aspetti della realtà che risuonano con il medesimo Archetipo. Così la malinconia di un paesaggio, di una musica, di una poesia, e la stessa emozione di malinconia che proviamo talvolta nella nostra vita, sono espressioni del medesimo Archetipo. Lo stesso vale per quella Forza di cui sono espressione il simbolo del dio Marte, la tigre che si slancia sulla preda, un pugile all’apice del combattimento e i primi verso dell’Iliade che descrivono “l’ira di Achille”.

Tutto ciò che esprime un Archetipo, ossia un codice primario della creazione, è Bello in senso oggettivo. Anche un ballerino che esegue con grazia le sue figure, o un matematico che svolge con precisione le proprie equazioni, manifestano l’armonia e la giustizia delle leggi invariabili del cosmo. È qualcosa che sentiamo: quando ci emozioniamo di fronte alla Bellezza, stiamo entrando in risonanza con la frequenza di un Archetipo, di un’Idea universale. Non è invece “bello” in senso oggettivo ciò che è la semplice espressione di un vissuto personale. Se mi limito a lamentarmi perché ho perso il lavoro, o se compongo una musica violenta e caotica che esprima la mia rabbia, sto parlando solo della mia storia personale; se trasformo quel vissuto in un discorso, una musica o un quadro in grado di esprimere il senso universale del fallimento e della disfatta, allora sto parlando del cosmo, e sto producendo Bellezza oggettiva.

Non è solo un fatto emotivo o psicologico, è un fatto energetico. Contemplare la Bellezza della Natura o delle Opere dell’uomo (quando sono portatrici di autentica Bellezza) può e deve essere una vera e propria meditazione, una terapia vibrazionale, che ci porta a contatto con il Regno dello Spirito, da cui le Frequenze degli Archetipi irradiano e discendono nel mondo fisico. Contemplare la Bellezza è simile alla preghiera: è un’esperienza che attiva i Chakra superiori e genera un collegamento tra Anima e personalità, tra il Regno dello Spirito e il Regno della Materia. Così come in ogni momento possiamo pregare per metterci in contatto con il Divino, in ogni momento possiamo scegliere di esporci alla Bellezza e lasciarci aiutare dalla sua vibrazione risanatrice a rientrare in contatto con la nostra essenza. La nostra stessa Anima infatti è una scintilla divina, un Verbo in miniatura, in grado di ricevere ed emettere le frequenze degli Archetipi dello Spirito. La Bellezza è dunque il linguaggio dell’Anima e dedicare tempo alla Bellezza, è una pratica di riconnessione, di ricordo di Sé.

Di seguito, alcuni spunti pratici:

-ricordiamoci di noi stessi, nel momento in cui la vista di qualcosa di bello ci colpisce

-ogni volta che possiamo, optiamo per luoghi e situazioni che ci espongano alla Bellezza oggettiva; quando abbiamo tempo rechiamoci in un museo, ascoltiamo musica di alta qualità, passeggiamo in mezzo alla natura

-impariamo a distinguere tra bellezza soggettiva e Bellezza
oggettiva. Esempio: la differenza tra una canzonetta che passa alla radio per
un’estate perché ha un ritmo gradevole e un testo accattivante, e una sinfonia
di Mozart che attraversa i secoli

-chiediamoci quale Archetipo esprima la Bellezza di un paesaggio o di un’opera d’arte e cerchiamo di definirlo con una parola

-cerchiamo di sentire la qualità energetica di un paesaggio o un’opera d’arte e proviamo poi a tradurla in una poesia, un breve scritto, un disegno o un movimento del nostro corpo che siano ispirati dalla medesima vibrazione

Fonte: https://alessandrobaccaglini.com/la-funzione-spirituale-della-bellezza/

IL LIBRO DEFINITIVO DELLO HUMAN DESIGN SYSTEM®
La Scienza della Differenzazione
di Lynda Bunnell, Ra Uru Hu

Il Libro Definitivo dello Human Design System®

La Scienza della Differenzazione

di Lynda Bunnell, Ra Uru Hu

Sei pronto per il viaggio più straordinario della tua vita?

"Il Libro Definitivo dello Human Design System" è per tutti coloro che stanno cercando una descrizione comprensiva ed autorevole del Sistema del Disegno Umano® e le sue Formule. In questo volume Lynda Bunnell pone passo dopo passo il lavoro dalle fondamenta alle più raffinate sfumature di chi siamo, e di come possiamo incontrare le nostre vite per quello che siamo realmente.

È un nuovo strumento rivoluzionario per il nostro tempo!

Un catalizzatore unico per la trasformazione della persona che ti permetterà di:

  • compredere chi sei e chi non sei,
  • prendere le decisioni correttamente come te stesso,
  • navigare con successo attraverso un mondo in continuo mutamento,
  • permettere al tuo proposito unico di schiudersi naturalmente,
  • scoprire le reali dinamiche delle tue relazioni,
  • creare un ambiente potenziante per i tuoi bambini.

Immagina per un momento quanto sarebbe stata differente la tua vita e quella dei tuoi genitori se una Guida per gli utilizzatori avesse accompagnato la tua nascita. Immagina come sarebbe potuto essere per un bambino venire incoraggiato a connettersi con la parte interiore e profonda di sé, che sempre sa cosa sia corretto e cosa non lo sia; un luogo in cui ti fidi di dire "sì" o "no" a qualunque cosa incontri nella vita.

Immagina per un momento quanto sarebbe stato fantastico se avessi conosciuto la tua incredibile Unicità, per la quale sei nato. Sei come nessun'altra persona vivente e puoi celebrare questa unicità amando te stesso senza paragone. E immagina quanto magnifico potrebbe essere oggi avere la tua unicità celebrata e incoraggiata dalla tua famiglia e dagli amici. Questa è la possibilità che il Sistema del Disegno Umano® serba per te e le future generazioni.

"Rifletti sul fatto che il Disegno Umano non era qui per la maggior parte di noi al momento della nascita: può toccare e trasformare una vita in qualsiasi età. La mia esperienza personale con questo notevole sistema iniziò quando ero all'inizio dei miei 40 anni. Da affermata donna business nel Sud California durante gli anni '90, pensavo di essere arrivata ad avere tutto quello che necessitavo per essere felice - ora so che non lo ero. C'era una disconnessione tra quello che la mia mente pensava e la mia Vera Autorità Interiore. L'insieme di tutte le esplorazioni attraverso altri sistemi di auto-scoperta non ha avuto successo nell'attuare quella connessione o riempire il vuoto che sentivo dentro.

Un nuovo capitolo del mio viaggio iniziò durante le mie vacanze nel sud della Spagna. La mia compagna di viaggio, una ricercatrice spirituale come me, portò delle audio cassette con lei in cui veniva descritto un nuovo sistema per la trasformazione personale. Ascoltavamo mentre girovagavamo per le colline nella nostra macchina. Non sospettavo minimamente che l'incontro con quest'incredibile uomo su di una piccola Isola del Mediterraneo - a poche miglia da noi in quel momento - avrebbe cambiato da cima a fondo la mia vita. Il nome dell'uomo era Ra Uru Hu ed il sistema era il Disegno Umano."
Lynda Bunnell

"La lettura del Disegno Umano mi ha benedetto con profonda visione a riguardo delle mie inclinazioni per tutta la vita. Mi ha portato innumerevoli doni, specialmente una consapevolezza dell'ottimo approccio nel processo decisionale ponendo un grafico della mia direzione. Invito chiunque dedito al personale risveglio ad aprirsi ai potenti doni del Disegno Umano."
Dr. Roger Teel, Senior Minister, Mile Hi Church, Lakewood, CO, USA

"Mentre stavo lavorando a questo progetto fui nuovamente colpita dalla bellezza, dallo scopo e dalla magnitudine del Sistema del Disegno Umano®. Tuttavia, è un metodo semplice, pratico ed effettivo per rivendicare se stessi, squisitamente su misura per ciascun individuo, che ha terminato la mia ricerca e mi ha riportata a casa."
Donna Garlinghouse, Alexandria, MN, USA

"Il Disegno Umano è stato per me un viaggio personale ed intimo per più di una decade. Comprendendo e vivendo la mia Unicità, ha portato accettazione e grazia nella mia vita. Non solo vivo la mia vita attraverso me stessa, ma, inoltre, accetto la mia famiglia, amici ed il prossimo come loro stessi. Che grande Dono."
Cathy Kinnard, Vancouver, WA, USA

...

I commenti sono chiusi.