Individuata la fonte della coscienza umana

Secondo uno studio, Il campo elettromagnetico prodotto dai neuroni del cervello è la fonte della coscienza umana

Negli ultimi anni sono state svolle diverse ricerche per individuare la fonte della coscienza umana, e secondo uno studio pubblicato sulla rivista Neuroscience of Consciousness, intitolata “Integrating information in the brain’s EM field: the cemi field theory of consciousness”. la fonte della coscienza umana dipende dal campo energetico del cervello che proviene dai segnali elettrici dei neuroni.

Che cosa è e dove si trova la nostra coscienza

Il termine coscienza indica quel momento della presenza alla mente della realtà oggettiva sulla quale interviene la “consapevolezza” che le dà senso e significato, raggiungendo quello stato di “conosciuta unità” di ciò che è nell’intelletto

Secondo diversi ricercatori, l’uomo possiede un’anima immortale dove al suo suo interno si troverebbe la nostra coscienza, un dualismo corpo-spirito, che è sempre stata una delle domande più antiche della filosofia. Ma per la scienza, la nostra coscienza potrebbe avere una fonte alternativa.

Dopo numerosi studi, condottati dal Team del professor Johnjoe McFadden ,si è arrivati ad ipotizzare che il campo elettromagnetico prodotto dai neuroni del nostro cervello è la ragione della nostra unicità”.

Questa energia, che può essere rilevata dall’elettroencefalografia , potrebbe essere il nucleo della coscienza, dove si trovano i nostri pensieri e processi mentali, una specie di tesoretto nascosto che rende speciale l’essere umano.

Il campo di informazione elettromagnetica cosciente (cemi)

Nella sua ipotesi, descritta come la teoria del campo di informazione elettromagnetica cosciente (cemi), McFadden suggerisce che la coscienza sia un’informazione causalmente attiva, fisicamente integrata e codificata nel campo elettromagnetico del nostro cervello.
Mc Fadden in una dichiarazione afferma :

“Credo che questo mistero sia stato risolto e che la coscienza sia l’esperienza dei nervi che si connettono al campo elettromagnetico auto-generato del cervello per guidare ciò che chiamiamo ‘libero arbitrio’ e le nostre azioni volontarie”

A differenza dell’elaborazione neurale e computazionale, che avviene principalmente nel tempo, la teoria cemi suggerisce che la coscienza è radicata in una struttura interamente fisica, misurabile e suscettibile di modifiche artificiali e test sperimentali.

Quindi, questo paradigma pone un dualismo scientifico basato su una distinzione tra materia ed energia, piuttosto che tra materia e spirito.
Secondo lo scienziato, questo campo magnetico potrebbe essere la risposta a uno degli enigmi più significativi della scienza. “Questo campo dipende dagli stessi messaggi che costituiscono una persona, ogni pensiero, movimento e processo

Fonte: https://www.universo7p.it/individuata-la-fonte-della-coscienza-umana/scienza/

LA PORTA DEL MAGO
La magia come via di liberazione - Nuova edizione
di Salvatore Brizzi

La Porta del Mago

La magia come via di liberazione - Nuova edizione

di Salvatore Brizzi

Continua l'opera di divulgazione della conoscenza ermetica portata avanti da Salvatore Brizzi, da anni impegnato nello studio e nella sperimentazione personale in campo esoterico. In questo libro ci spiega, in maniera chiara e alla portata di tutti come è nel suo stile, attraverso quali metodi possiamo risvegliare la nostra coscienza a un nuovo stato dell'essere.

La Magia diventa quindi un mezzo per 'costruire' la propria anima e raggiungere la serenità interiore.

Nell'opera "La porta del Mago" Salvatore Brizzi spiega come la sofferenza che proviamo sia illusoria, e che ciascuno di noi potrebbe attuare un vero cambiamento interiore, vivendo nell'amore e nella gioia.

Ecco allora come gli argomenti trattati siano i più vari: l'osservazione, il ricordo di sé, il non-giudizio, l'imminente salto vibrazionale della Terra, gli episodi di follia che occupano le nostre cronache, come agiscono le forze diaboliche, la magia nera, il corretto uso dell'energia sessuale per scopi evolutivi.

La figura del Mago è quindi intesa come essere umano che decide di attuare un processo di mutamento introspettivo, modificando radicalmente la propria coscienza. Conosce L'Universo e le sue leggi, ed è in grado di comandare su forze occulte maggiori, che si riflettono nei suoi demoni psichici.

Secondo l'autentica Ars Regia il mago non è mai coinvolto in basse emozioni e non si lascia mai andare a comportamenti violenti, alla rabbia e all'odio; si distingue pertanto dall'antica figura del cerimonialista.

Il primo passo per raggiungere la serenità interiore è quindi il risveglio, a cui segue la consapevolezza indicata come Non-giudizio.

 

...

I commenti sono chiusi.