Il DNA impara: intervista a Ernesto Di Mauro

di Romina Alessandri

I nostri comportamenti modificano l’espressione del nostro DNA e di quello dei nostri figli: quando potremmo tramandare la felicità per via genetica?

Pensiamo al DNA come al manuale delle istruzioni di funzionamento dell’essere umano. Frutto di milioni di anni di evoluzione, questo libretto di istruzioni è però una sorta di ipertesto che può essere letto in vari modi: possiamo iniziare la lettura dal secondo paragrafo, decidere di cliccare su un link piuttosto che su un altro, o di non cliccarne nessuno. E qui entra in gioco l’epigenetica che è il modo in cui il nostro DNA si esprime – attraverso specifici meccanismi come la metilazione, la fosforilazione, l’acetilazione ecc. – in risposta a determinati stimoli ambientali e comportamentali. La regolazione epigenetica è la “complessità e il controllo della complessità” – come scrive Ernesto Di Mauro, che è stato professore di Biologia Molecolare all’Università “La Sapienza” di Roma, ora vice-presidente della Accademia Europea Interdisciplinare delle Scienze, e autore del libro Epigenetica. Il DNA che impara: lo abbiamo sentito al telefono per capire fino a che punto possiamo agire consapevolmente sulla nostra biologia e quali le ripercussioni etiche delle possibili future scoperte in campo epigenetico. 

SC – Ho letto il suo libro dal titolo Epigenetica: il DNA che impara e una delle primissime frasi che mi ha molto colpito è quella in cui scrive che noi, esseri umani, “siamo informazione, siamo accumulo di energia, organizzazione che si contrappone all’entropia”. Ci vuole spiegare meglio questo passaggio? 

Ernesto Di Mauro – Qui i concetti da illustrare sono due. Il primo è che l’informazione, per definizione, è energia. La scienza dell’informazione è basata sul lavoro di Shannon – padre della teoria dell’informazione su cui si è sviluppato lo studio e la progettazione dei sistemi informatici – in cui si dimostra questo concetto. In modo esemplificativo, applicandolo alla genetica, si può dire che io sono l’informazione che viene da mio padre e da mia madre, la quale viene dall’informazione dei loro genitori e così via, fino all’origine del sistema vivente. Per cui, l’informazione è l’accumulo di tutta l’energia che è stata necessaria per sviluppare il DNA, che a mano a mano si è evoluto.

L’entropia è il concetto opposto, l’altra faccia della medaglia: è la dispersione di energia, è l’equilibrio finale in cui tutto è uguale, in cui non c’è più differenza, non c’è più informazione.

L’articolo che stai leggendo è apparso su…

Scienza e Conoscenza - N.71 - Genetica & Karma - Rivista

Scienza e Conoscenza – N.71 – Genetica & Karma – Rivista

Io, quindi, sono null’altro che l’informazione che è stata elaborata in precedenza e che ha richiesto energia – sempre usata per adattarsi all’ambiente -, per replicarsi, per riprodursi e, alla fine, c’è un essere vivente definito, che ha richiesto quell’energia.

Dal punto di vista formale, l’informazione è quindi energia, anche se a tal proposito occorre fare un chiarimento. L’informazione, di per sé, non è un’entità fisica, cioè non c’è un’unità di misura per l’informazione. I fisici tendono pertanto a sostenere che l’informazione stessa non sia, in sé, energia. Il problema però è che in effetti, per sviluppare qualcosa, serve l’energia del sistema. Non sono concetti ovvi e semplicissimi; per fare un esempio possiamo paragonare energia e informazione a hardware e software: per fare una macchina è necessaria energia per costruirne i componenti, ma il suo funzionamento seguita a richiedere energia. C’è l’energia per costruire una televisione, ma c’è anche l’energia per farla funzionare. C’è l’energia per fare un corpo, ma c’è anche l’energia per definire le informazioni che fanno funzionare quel corpo.

Nel caso dell’essere umano, l’informazione è il suo DNA, la sua genetica.

SC – Sempre nel sopra citato libro lei scrive che per tanto tempo si è voluto separare “il corpo dall’anima, la mente dal cervello, il genotipo dal fenotipo”. Allo stesso modo, attualmente, spesso si sente contrapporre la genetica all’epigenetica: si tratta di due ambiti di studio separati, in contrasto, o piuttosto due facce della stessa medaglia? Approdando all’epigenetica si rinnega la genetica? 

Ernesto Di Mauro – Genetica ed epigenetica sono sostanzialmente la stessa materia di studio. C’è un DNA che è l’informazione scritta sui componenti A, T, C e G, ma è tutto l’insieme delle modificazioni di questi componenti il nucleo del sistema. La genetica è l’informazione contenuta nel DNA e l’epigenetica è l’uso che se ne fa. I due concetti non sono separabili…

Continua la lettura

Scienza e Conoscenza - N.71 - Genetica & Karma - Rivista

Scienza e Conoscenza – N.71 – Genetica & Karma – Rivista

Romina Alessandri

Giornalista pubblicista, lavora per Gruppo Editoriale Macro da 18 anni, dove coordina la redazione della Rivista Scienza e Conoscenza. Questa… Leggi la biografia

Giornalista pubblicista, lavora per Gruppo Editoriale Macro da 18 anni, dove coordina la redazione della Rivista Scienza e Conoscenza. Questa lunga esperienza in campo editoriale l’ha portata a fondare l’agenzia editoriale RIVISTE&CO, che si occupa di servizi editoriali, comunicazione, copywriting e social marketing ed è specializzata… Leggi la biografia

Fonte: https://www.scienzaeconoscenza.it/blog/medicina-non_convenzionale/il-dna-impara-intervista-a-ernesto-di-mauro

SUPERMETABOLISMO CON LA DIETA CHETOGENICA
Il metodo dimagrante potenziato con MCT, digiuno e chetoni esogeni
di Stefania Cazzavillan

Supermetabolismo con la Dieta Chetogenica

Il metodo dimagrante potenziato con MCT, digiuno e chetoni esogeni

di Stefania Cazzavillan

Il tuo corpo cambia, se cambia il tuo metabolismo. Scopri come perdere peso subito e per sempre!

Demonizzati a torto per anni, i grassi sono la nuova frontiera del benessere. Indispensabili per molte funzioni dell'organismo, possono diventare il carburante principale del nostro metabolismo, producendo una serie di infiniti benefici dal punto di vista del peso e della salute.

Con il metodo messo a punto da Stefania Cazzavillan, fin dai primi giorni si combatte l'infiammazione alla base del sovrappeso, ma anche di molti disturbi che svaniscono in breve tempo:

  • gonfiore
  • mal di testa
  • problemi gastrointestinali
  • ritenzione idrica
  • scarsa lucidità mentale

Con un programma in 5 passi e 4 settimane la dieta del supermetabolismo trasforma il corpo, bruciando i grassi in eccesso e ripristinando il corretto funzionamento dei principali processi di assorbimento e smaltimento delle sostanze nutritive.

Semplice da applicare, chiaro, completo di ricette e segreti pratici, un piano che fa perdere peso fin dalla prima settimana.

Perché leggere questo libro

  • La dieta che sta convincendo milioni di persone in tutto il mondo in una versione ancora più potente: dimagrimento assicurato, veloce e definitivo!
  • Come sfruttare i grassi per riattivare il metabolismo, perdere peso ed acquistare salute ed energia in poche settimane
  • Gli studi di Stefania Cazzavillan sono rigorosi ed attingono a biologia, genetica e nutrizione. In questo libro offre una visione innovativa di come affrontare e superare il sovrappeso e l'infiammazione.

Dalla quarta di copertina

Demonizzati a torto per anni, i grassi sono la nuova frontiera del benessere. Ecco perché la dieta chetogenica, anche grazie a moltissimi studi e ricerche, si sta diffondendo sia per debellare il grasso in eccesso sia per risolvere tutta una serie di disturbi.

Basata sull'aumento dei grassi nell'alimentazione (olio d'oliva, frutta secca, avocado) e sulla riduzione dei carboidrati, innesca un cambiamento profondo del metabolismo percepibile fin dai primi giorni: il grasso in eccesso viene utilizzato per produrre energia e quindi il dimagrimento è veloce e definitivo, senza compromettere i muscoli.

La dottoressa Cazzavillan, punto di riferimento per ricercatori, medici e pazienti, studia e applica da anni questo tipo di alimentazione ottenendo risultati straordinari anche in termini di salute e lucidità mentale. Le persone, infatti, non solo raggiungono il peso ideale senza soffrire la fame, grazie a questo «supermetabolismo», ma vedono ridursi gonfiore, problemi digestivi e intestinali, stanchezza, dolori articolari, ansia.

Il metodo messo a punto dall'autrice potenzia gli effetti della dieta chetogenica con i grassi MCT (presenti nel cocco per esempio) e il digiuno intermittente riducendo l'infiammazione che è alla base sia del sovrappeso sia di molte malattie croniche.

Cinque passi per entrare nella dieta chetogenica, un semplice programma di quattro settimane completo di menù e gustose ricette, tanti suggerimenti e consigli per recuperare forma fisica ed energia mentale, e riprendere finalmente in mano la propria vita.

Spesso acquistati insieme

...

I commenti sono chiusi.