I droni dotati di riconoscimento facciale stanno arrivando

I droni dotati di riconoscimento facciale stanno arrivando, che il mondo sia pronto per loro o no.

I DRONI CON RICONOSCIMENTO FACCIALE SONO PRONTI PER VOLARE, MA IL MONDO NON È ANCORA PRONTO

Alcuni dei primi droni con capacità avanzate di riconoscimento facciale sono stati sviluppati da società di sorveglianza israeliane, poiché la polizia americana valuta se aggiungeranno presto la controversa tecnologia alle loro macchine volanti senza pilota.

Come segno dell’imminente arrivo dell’identificazione biometrica dall’aria, una startup israeliana, precedentemente finanziata da Microsoft, ha brevettato tecnologie per il riconoscimento facciale basato sui droni. Una domanda di brevetto, pubblicata all’inizio di questo mese, è stata presentata da AnyVision con sede a Tel Aviv nell’agosto 2019 negli Stati Uniti, descrivendo in dettaglio la tecnologia per aiutare un drone a trovare le migliori angolazioni per uno scatto di riconoscimento facciale, prima di provare a trovare una corrispondenza per l’obiettivo. facendo riferimento ai volti memorizzati in un database. Era intitolato “Posizionamento adattivo dei droni per un migliore riconoscimento facciale” e presentato da dipendenti attuali ed ex di AnyVision, di cui tre da Belfast, Regno Unito

Il brevetto mira a appianare alcune delle complessità dell’identificazione dei volti da una macchina volante. Quando si cerca di riconoscere qualcuno da un drone sorgono vari problemi evidenti: l’acquisizione di un’angolazione in cui un volto può essere adeguatamente catturato e la possibilità di ottenere immagini di buona qualità mentre si muove o si libra. Entrambi sono considerevolmente più difficili che ottenere una corrispondenza da filmati statici.

Il brevetto AnyVision descrive in dettaglio come funzionerebbe il riconoscimento facciale da un drone. Screenshot dell’Ufficio brevetti degli Stati Uniti

Le agenzie militari statunitensi hanno cercato di trovare soluzioni, tra cui il progetto Advanced Tactical Facial Recognition at a Distance Technology presso lo US Special Operations Command (SOCOM) e l’Intelligence Advanced Research Projects Activity (IARPA) iniziativa Biometric Recognition and Identification at Altitude and Range .

Ma l’industria privata potrebbe arrivarci prima. Questo dicembre, è stato rivelato che i dirigenti di AnyVision avevano collaborato con il fornitore della difesa israeliano Rafael per una nuova joint venture chiamata SightX. Nelle demo fornite ai media israeliani alla fine del 2020, i piccoli droni di SightX non avevano alcuna capacità di riconoscimento facciale, anche se i dirigenti hanno affermato che la funzione sarebbe stata presto disponibile. Non è chiaro se la tecnologia sia solo per i militari o se verrà venduta alle agenzie di polizia. Né SightX né Rafael hanno risposto alle richieste di commento.

Ciò che è chiaro è che la tecnologia è pronta per il lancio. Il CEO di AnyVision Avi Golan ha detto a Forbes che, sebbene AnyVision non avesse alcun drone in produzione con riconoscimento facciale, sarebbe presto diventato una realtà.

“In realtà sono molto contento di avere un brevetto su questo”, ha detto, suggerendo che funzionerebbe bene nelle città intelligenti, dove i droni potrebbero fornire funzioni oltre la sorveglianza. Ha indicato che i droni per le consegne potrebbero richiedere il riconoscimento facciale per determinare se hanno raggiunto l’acquirente corretto. Amazon ha già brevettato una tecnologia simile, indicando i suoi potenziali piani per la sua flotta sperimentale di consegna di droni.

Ma, ha aggiunto Golan, sebbene la tecnologia esista, AnyVision sta aspettando una più ampia accettazione sia dei droni che del riconoscimento facciale prima che qualsiasi prodotto venga rilasciato. “Penso che sia una tecnologia più futuristica, ma voglio averla in tasca una volta che sarà più accettata dall’umanità.” Ha notato che la società attualmente non lavora con le forze dell’ordine statunitensi, scegliendo invece di lavorare con società private come casinò e rivenditori.

AnyVision ha già dovuto respingere le domande sull’uso della sua tecnologia. Microsoft ha acquistato una partecipazione nella startup durante un round di $ 74 milioni nel 2019, ma l’anno scorso si è ritirata dopo che i rapporti secondo cui lo strumento di AnyVision era stato utilizzato ai valichi di frontiera tra Israele e Cisgiordania.

Golan ha affermato che il motivo principale per cui Microsoft è uscita è stata la sua incapacità di esercitare il controllo su AnyVision. Microsoft ha detto più o meno la stessa cosa dopo che un audit condotto dall’ex procuratore generale degli Stati Uniti Eric Holder ha scoperto che era utilizzato al confine, ma ha scontato le affermazioni secondo cui il software AnyVision era stato utilizzato per sorvegliare i palestinesi in tutta la Cisgiordania.

Per quanto riguarda quando gli americani possono aspettarsi i droni della polizia con riconoscimento facciale, anche se le agenzie di polizia non stanno pianificando immediatamente di mandarli nei cieli, c’è l’aspettativa che arriveranno in una forma o nell’altra. “Penso che ad un certo punto in futuro, probabilmente lo vedremo”, ha detto Mike Hutchins, tenente e capo dei droni al dipartimento di polizia di Sacramento. “Stiamo cercando di bilanciare la tecnologia con il diritto alla privacy delle persone.

E ovviamente, se entri in un negozio di alimentari, in un negozio al dettaglio, in una banca, ti stanno catturando il viso mentre entri. Praticamente ovunque tu vada in pubblico, ora il tuo viso viene catturato da telecamere chiaramente capaci di eseguire il software di riconoscimento facciale. Ma non abbiamo alcun piano per unire quei due in qualsiasi momento in futuro. Per non dire che a un certo punto potrebbe non accadere “.

Fonte: https://www.forbes.com/

Fonte: https://terrarealtime.blogspot.com/2021/03/i-droni-dotati-di-riconoscimento.html

LA NUOVA DIETA DEL DOTTOR MOZZI
Gruppi sanguigni e combinazioni alimentari
di Piero Mozzi

La Nuova Dieta del Dottor Mozzi

Gruppi sanguigni e combinazioni alimentari

di Piero Mozzi

Più di 300 pagine con nuovi contenuti, spunti e interpretazioni. Prevenire, curare e guarire è semplice, facile e quasi a costo zero!

Preserva la tua salute attraverso un'alimentazione che si adatti in tutto e per tutto al tuo patrimonio genetico!

Secondo il dottor Mozzi c’è una correlazione tra l’appartenenza al proprio gruppo sanguigno e gli alimenti che mangiamo.

Il gruppo sanguigno è dato da un'impronta genetica precisa che distingue ogni individuo dagli altri, lo caratterizza e permette di capire come è fatto e come si comporta il nostro sistema immunitario.

È possibile utilizzare i quattro gruppi sanguigni 0, A, B, AB come una guida attendibile per scegliere un'alimentazione idonea a ognuno, che può consentire un miglioramento del proprio stato fisico e una riduzione del rischio di ammalarsi. Inoltre può aiutare a risolvere eventuali stati patologici.

In base alle caratteristiche genetiche di ogni singolo individuo, il dott. Mozzi ha individuato dei regimi alimentari ben precisi che promuovono il consumo di determinati cibi a discapito di altri, in base alla loro funzionalità, alla digeribilità e ai benefici che possono apportare all’organismo.

Oggi la dieta del dottor Mozzi compie 10 anni (2012-2022)! Per l'occasione il suo libro esce in una nuova edizione, con nuovi contenuti e nuove informazioni.

Le novità più importanti di questa edizione:

  • la dicitura “alimenti neutri” è stata modificata in “alimenti da testare” per rafforzare il concetto che questi alimenti hanno effetti diversi a seconda delle caratteristiche individuali; 
  • indicazioni sulle modalità di consumo di ogni categoria di alimenti: quando consumarli, quante volte alla settimana e quando evitarli; 
  • note riguardanti le patologie più comuni derivanti dall’abuso di alcuni cibi;
  • suggerimenti pratici per limitare i danni derivanti dagli “sgarri” a tavola; 
  • aggiornamento delle liste degli alimenti con i cibi nuovi che oggi si trovano più frequentemente in commercio;
  • cenni di nutrizione per rendere più semplice la scelta degli alimenti e la composizione dei pasti; 
  • per ogni stagione dell’anno, uno schema alimentare con 5 giornate tipo; 
  • la suddivisione degli alimenti in benefici, da testare e sconsigliati è stata aggiornata in base alle osservazioni fatte negli ultimi dieci anni e ai cambiamenti avvenuti nell’industria alimentare spesso a discapito della qualità degli alimenti.
...

I commenti sono chiusi.