Hannah Buschbeck in transcomunicazione strumentale

Comunicazioni radiofoniche e televisive con persone già trapassate – Di seguto la storia della scienziata Hannah Buschbeck (in foto) che nacque nel 1906 a Marierburg, Prussia occidentale. Nel 1953 – 1964 si stabilì negli Stati Uniti, in California, dove incontrò persone legate alla parapsicologia sperimentale. Il ritorno in Germania, dopo aver perso diversi membri della sua famiglia fu un evento che ampliò i suoi interessi nello studio dei fenomeni “paranormali”.

La lettura del 1968 del libro di Jurgenson, Radiophonic Communication with the Dead, (Comunicazione radiofonica con la morte) fece una profonda impressione su di lei, così decide immediatamente di iniziare i suoi esperimenti.
Da quel momento, fino alla sua morte, ha dedicato tutto il suo tempo libero, tutta la sua forza di volontà e l’energia, studiando il fenomeno EVP (Electronic Voice Phenomena).
Dopo aver incontrato Friedrich Jurgenson, ha iniziato ad essere dal 1972, un punto di incontro regolare, sia regionale che internazionale, quindi in relazione con tutti i ricercatori del suo tempo. Dagli anni ’70 ha stabilito contatti con George Meek, che sarebbe diventato famoso in tutto il mondo insieme al suo team grazie al successo di Spiricom. Nel 1982.
Hanna Buschbeck ha avuto una grande influenza sulle ricerche di voci paranormali su nastri magnetici. È stata la fondatrice dell’Associazione per la ricerca di voci su nastro magnetico, collaborando con tutte le sue conoscenze e i suoi contatti internazionali con Jurgenson e Raudive. Ha aperto la strada alla ricerca sulla transcomunicazione.
Il 14 aprile 1984, all’età di 78 anni, Hanna Buschbeck si trasferì in un altro mondo, della cui esistenza, a causa delle sue esperienze, era fermamente convinta. E’, il 1 gennaio 1987, a Lussemburgo, Hanna Buschbeck comunica (NdE, 1) dopo la sua morte fisica, attraverso il sistema Vidicon (NdE, 2).

Lei apparendo sullo schermo della televisione, costruendo un sorriso e muovendo le labbra. Chiaramente visibile, è stata identificata da amici e conoscenti, mostrandosi molto più giovane. Successivamente, specialisti nella comunicazione con persone sorde, analizzarono il nastro in una sequenza al rallentatore di cinquanta centesimi di secondo, realizzando che lei pronunciava con le labbra la parola LIBER, che in tedesco significa Amore.

Note:

1 –

Il 1° gennaio 1987, Hannah Buschbeck appare su uno schermo televisivo attraverso sistemi “Vidicon” tre anni dopo la sua morte avvenuta il 14 aprile 1984.

Approfondimenti:

INSTRUMENTAL TRANSCOMMUNICATION by Ernst Senkowski

Esami dei fenomeni paranormali durante il processo di riflessione con una telecamera Vidicon. J. del PS Inst. … SCHAEFER, Hildegard: In Memoriam Hanna Buschbeck (Examinations of paranormal phenomena during thoughtographic process with a vidicon TV camera. J. of the PS Inst. … SCHAEFER, Hildegard: In Memoriam Hanna Buschbeck. http://www.worlditc.org/c_07_senki_g_41.htm

La voce dei defunti, registrazioni di Marcello Bacci

Transcomunicazione strumentale di Marcello Bacci

Histoire de la Transcommunication Instrumentale

VTF, The German Association For Transcommunication

2 – Vidicon system:

Vidicon è un tubo per raccolta di immagini sviluppato da RCA intorno al 1950 (inglese: tubo per videocamera, da non confondere con il tubo di immagine per la riproduzione di un'immagine (televisiva)). Ancora oggi, i tubi elettronici del tipo vidicon sono utilizzati per compiti speciali in ambienti radianti. http://it.worterbuchdeutsch.com/de/vidikon

Vidicon è un tubo per raccolta di immagini sviluppato da RCA intorno al 1950 (inglese: tubo per videocamera, da non confondere con il tubo di immagine per la riproduzione di un’immagine (televisiva)). Ancora oggi, i tubi elettronici del tipo vidicon sono utilizzati per compiti speciali in ambienti radianti. http://it.worterbuchdeutsch.com/de/vidikon

Set Panasonic National WV-3300E vidicon tube colour TV camera 1976.

Set Panasonic National WV-3300E vidicon tube colour TV camera 1976.

Fonte: http://www.cieliparalleli.com/Scienza-e-Tecnologia/hannah-buschbeck-in-transcomunicazione-strumentale.html

MEDITARE CON LA VITA
Tutto quello che c'è da sapere sulla mindfulness
di Antonella Montano, Valentina Iadeluca

Meditare con la Vita

Tutto quello che c'è da sapere sulla mindfulness

di Antonella Montano, Valentina Iadeluca

"Respira..

Lascia che i tuoi occhi gentilmente sorridano,

Che la tua bocca gentilmente sorrida,

Che il tuo cuore gentilmente sorrida,

Accogli con amorevole tenerezza la vita"

Il volume propone un percorso di avvicinamento alla mindfulness a tutti coloro che stanno valutando o abbiano deciso di dedicarsi ad apprendere quell’arte del vivere che la meditazione di consapevolezza rappresenta per chi la pratica assiduamente.

La meditazione di consapevolezza (mindfulness) consiste semplicemente nel fermarsi e osservare in modo non giudicante la realtà per come essa ci si presenta qui e ora. Ci insegna a dimorare nell’istante di adesso e ad assaporarne pienamente il succo.

È un processo di conoscenza serrata di noi stessi che ci allena a rispondere con pacatezza alle tante sfide dell’esistere.

Conduce con il tempo ad abbandonare quelle modalità di reagire che non ci corrispondono più o che ci procurano disagio, a vantaggio di un modo più autentico di essere noi stessi.

Meditare con la vita, dopo aver spiegato cos’è la mindfulness e perché funziona, accompagna il lettore a familiarizzare con la meditazione nelle sue varie forme.

Propone numerosi esercizi di consapevolezza da eseguire in ogni momento della giornata e dedica un’attenzione particolare al tema di come sia possibile trasferire la qualità della presenza che si sperimenta durante le sessioni di pratica nella vita di tutti i giorni: dalle incombenze quotidiane, alle relazioni, alla professione.

Conclude il volume una rassegna di modelli di intervento psicoterapeutico, sia di stampo cognitivo che psicocorporeo, basati sulla mindfulness.

Spesso acquistati insieme

...

I commenti sono chiusi.