Grande Piramide, i fisici scoprono il segreto della sua energia: Diventa il modello per le celle solari del futuro.

Grande Piramide, i fisici scoprono il segreto della sua energia: Diventa il modello per le celle solari del futuro.

Le celle solari del futuro si ispirano alla Piramide di Cheope: al di là delle leggende, la piramide di Giza è stata studiata con i metodi della fisica ed è emerso che riesce a concentrare l’energia elettromagnetica, e precisamente le onde radio, sia nelle camere interne sia nella base. Si potrebbero così progettare nanoparticelle ispirate alla struttura di questo edificio che siano in grado di riprodurre un effetto analogo nel campo dell’ottica, da utilizzare per ottenere celle solari più efficienti. Lo indica la ricerca pubblicata sul Journal of Applied Physics e condotta dai fisici della Itmo University a San Pietroburgo e del tedesco Laser Zentrum di Hannover.

Per Tullio Scopigno, fisico dell’Università Sapienza di Roma, l’applicazione prospettata dai ricercatori è interessante “ma questo studio va preso con cautela, in quanto basato su modelli matematici non ancora supportati da evidenze sperimentali“. I ricercatori hanno condotto lo studio perché interessati alla struttura della della tomba del faraone Cheope dal punto di vista fisico. In particolare hanno voluto vedere come le onde radio si distribuiscono nella sua complessa struttura.

Per farlo hanno ipotizzato che non ci siano cavità sconosciute e che il materiale calcareo da costruzione sia uniformemente distribuito. Sulla base di queste ipotesi è stata messa a punto una simulazione matematica e si è visto che la Grande Piramide può concentrare le onde radio nelle sue camere interne e sotto la base, un po’ come una parabola.

Questo avviene, rileva Scopigno, perché “la lunghezza d’onda delle onde radio, compresa 200 e 600 metri, è in un certo rapporto rispetto alle dimensioni della piramide”. Questo significa che per avere lo stesso effetto con altri tipi di radiazioni che hanno lunghezze d’onda diverse, come la luce, sono necessarie strutture di dimensioni diverse, precisamente occorrono dispositivi in miniatura. Ecco perché i ricercatori prevedono di progettare nanoparticelle, ossia delle dimensioni di qualche milionesimo di millimetro, e a forma di piramide,  in grado di riprodurre effetti simili nel campo ottico, da usare nelle celle solari.

Fonte: http://oloscience.blogspot.com/2018/08/grande-piramide-i-fisici-scoprono-il.html

BRAIN CODE MUSIC
Musiche e Toni Binaurali per il Potenziamento Mentale e una Nuova Qualità di Vita - Libro + CD
di Riccardo Tristano Tuis

Brain Code Music

Musiche e Toni Binaurali per il Potenziamento Mentale e una Nuova Qualità di Vita - Libro + CD

di Riccardo Tristano Tuis

Riccardo Tristano Tuis, scrittore, compositore e ricercatore indipendente, autore del primo saggio al mondo dedicato all’intonazione a 432 hertz e all’interazione tra frequenze acustiche, cervello e biologia, ci regala la prima opera di musica binaurale ove coniughiamo i toni binaurali a della musica rilassante.

La musica binaurale potrà essere una nostra compagna di giornata, i ritmi e le armonie sono state composte per portare rilassamento al nostro sistema nervoso, al fine di invertire l’emissione di neurotrasmettitori legati allo stress a favore di quelli benefici come l’ossitocina o la dopamina, entrambi prodotti dal nostro corpo se correttamente stimolati.

In questo periodo storico il nostro stato psicofisico è ancor di più sovraeccitato a causa del sovraccarico sensoriale, specie ora in cui i mezzi di comunicazione di massa aumentano in modo esponenziale il fattore di stress, e questo non solo danneggia il nostro sistema nervoso ma anche il nostro cervello.

Prendiamoci del tempo per rilassarci, meditare e ascoltare la musica binaurale perché questo è a tutti gli effetti terapeutico per il nostro corpo e, di riflesso, aumenta la nostra longevità e qualità della vita oltre ad essere un balsamo per la nostra anima.

In quest’opera sono inoltre presentate due tecniche della Neurosonic Programming, la Walk in the dark (Camminata nel buio) e Il corridore tibetano.

La Neurosonic Programming è una moderna neuro-tecnologia basata sui principi ermetico/pitagorici che impiega una distinta matematica, la cosiddetta matematica dell’8, con cui intonare e accordare le onde acustiche. Tali onde, per effetto di risonanza, stimoleranno specifici stati neurali a più alta coerenza, proprio perché l’8 e i suoi multipli sono numeri presenti in alcuni processi metabolici tra cui la sincronizzazione biemisferica e la duplicazione cellulare.

La programmazione neurosonica vuole essere dunque un mezzo per aiutarci ad aumentare questa risonanza o sincronizzazione biemisferica e così potenziare la nostra attenzione e volontà nel raggiungimento dei nostri obiettivi.

Alcuni specifici suoni possono influenzarci nel cambiare lo stato di coscienza proprio perché il nostro cervello vibra anche sulla banda di frequenza sonica. I suoni possono essere visti come codici informatici numerici che entrano in risonanza con il nostro “computer portatile” che chiamiamo cervello influenzando così i processi computazionali, emozionali e metabolici.

Già Pitagora e la sua scuola e poi gli ermetici alessandrini si resero conto che toni e armoniche corrispondono a numeri fissi e che le proporzioni delle scale sono proporzioni basate sul numero.

La medicina si è accorta che uno dei più grandi problemi cui siamo afflitti ai giorni nostri sono le grosse quantità di stress che subiamo giornalmente e questo è deleterio per il nostro DNA e per il nostro benessere psicofisico.

Brain Code Music è una speciale musica composta proprio per aiutarci a mitigare i sintomi dello stress, queste frequenze acustiche che seguono uno specifico ritmo biologico vanno a ridurre l'ormone dello stress, il cortisolo, aumentando i suoi antagonisti come la benefica serotonina - e melatonina, se ascoltiamo la musica a occhi chiusi o al buio - entrambe indispensabili alla buona funzionalità cerebrale.

Spesso acquistati insieme

...

I commenti sono chiusi.