Grande Piramide, i fisici scoprono il segreto della sua energia: Diventa il modello per le celle solari del futuro.

Grande Piramide, i fisici scoprono il segreto della sua energia: Diventa il modello per le celle solari del futuro.

Le celle solari del futuro si ispirano alla Piramide di Cheope: al di là delle leggende, la piramide di Giza è stata studiata con i metodi della fisica ed è emerso che riesce a concentrare l’energia elettromagnetica, e precisamente le onde radio, sia nelle camere interne sia nella base. Si potrebbero così progettare nanoparticelle ispirate alla struttura di questo edificio che siano in grado di riprodurre un effetto analogo nel campo dell’ottica, da utilizzare per ottenere celle solari più efficienti. Lo indica la ricerca pubblicata sul Journal of Applied Physics e condotta dai fisici della Itmo University a San Pietroburgo e del tedesco Laser Zentrum di Hannover.

Per Tullio Scopigno, fisico dell’Università Sapienza di Roma, l’applicazione prospettata dai ricercatori è interessante “ma questo studio va preso con cautela, in quanto basato su modelli matematici non ancora supportati da evidenze sperimentali“. I ricercatori hanno condotto lo studio perché interessati alla struttura della della tomba del faraone Cheope dal punto di vista fisico. In particolare hanno voluto vedere come le onde radio si distribuiscono nella sua complessa struttura.

Per farlo hanno ipotizzato che non ci siano cavità sconosciute e che il materiale calcareo da costruzione sia uniformemente distribuito. Sulla base di queste ipotesi è stata messa a punto una simulazione matematica e si è visto che la Grande Piramide può concentrare le onde radio nelle sue camere interne e sotto la base, un po’ come una parabola.

Questo avviene, rileva Scopigno, perché “la lunghezza d’onda delle onde radio, compresa 200 e 600 metri, è in un certo rapporto rispetto alle dimensioni della piramide”. Questo significa che per avere lo stesso effetto con altri tipi di radiazioni che hanno lunghezze d’onda diverse, come la luce, sono necessarie strutture di dimensioni diverse, precisamente occorrono dispositivi in miniatura. Ecco perché i ricercatori prevedono di progettare nanoparticelle, ossia delle dimensioni di qualche milionesimo di millimetro, e a forma di piramide,  in grado di riprodurre effetti simili nel campo ottico, da usare nelle celle solari.

Fonte: http://oloscience.blogspot.com/2018/08/grande-piramide-i-fisici-scoprono-il.html

SCIENZA E CONOSCENZA N. 77 - LUGLIO-SETTEMBRE 2021 — RIVISTA
Nuove scienze, Medicina Integrata

Scienza e Conoscenza n. 77 - Luglio-Settembre 2021 — Rivista

Nuove scienze, Medicina Integrata

Siamo esseri di luce

Forse a qualche lettore questo titolo può sembrare bizzarro eppure dice una grande verità. Infatti tutti noi, esseri viventi, siamo esseri fatti prima di tutto di luce. Una luce da cui - solo dopo - nasce una forma: quella materiale, visibile all’occhio umano.

Abbiamo deciso di dedicare questo numero alla LUCE proprio per questo motivo, perché volevamo dimostrare, attraverso le ricerche e le scoperte di tanti studiosi internazionali, che tutti gli esseri viventi sono prima di tutto energia.

Siamo energia informata, che vibra in modo coerente con tutto il resto dell’Universo di cui facciamo parte, un Universo fatto di cose infinitamente grandi e cose infinitamente piccole come le nostre cellule che emettono luce e fotoni, si sincronizzano e dialogano all’interno di campi d’informazione, detti campi morfogenetici.

A causa di questa natura “elettrica” i nostri corpi possono entrare in risonanza con tutti gli altri esseri viventi così come con il magnetismo terrestre o con l’elettromagnetismo artificiale che può provocare danni alla nostra salute.

La buona notizia è che i nuovi studi sulla bioenergetica ci dicono che, grazie alle onde elettromagnetiche, è possibile anche fare diagnosi precoce e curarci, persino dal cancro.

L’energia emessa dal nostro corpo (biofotoni) è facilmente dimostrabile e vi sorprenderà scoprire quanti scienziati, medici e ricercatori l’hanno già misurata, ponendo le basi di una nuova medicina e cercando di far cadere alcuni obsoleti paradigmi della scienza ortodossa.

Anche questo numero di Scienza e Conoscenza vi apre la strada verso un mare di nuove possibilità che stanno aspettando di essere esplorate, buona lettura!

...

I commenti sono chiusi.