Glifosato: confermati danni in gravidanza. E sarebbe presente nel 90% delle donne incinte

di Germana Carillo

Un nuovo studio conferma la correlazione tra glifosato e parti prematuri ma anche come tracce dell’erbicida più usato in tutto il mondo sarebbero presenti nel 90% delle donne incinte.

L’esposizione al glifosato durante una gravidanza può provocare parto precoce. Secondo un nuovo studio, infatti, la presenza di alti livelli nelle urine del principio attivo di Roundup, l’erbicida più usato in tutto il mondo, è da correlarsi significativamente a tempi di gestazione ridotti.

È quanto emerge da una ricerca che l’Indiana University Fairbanks School of Public Health di Indianapolis ha condotto insieme alla University of California di San Francisco, secondo cui il 90% delle donne in gravidanza ha presentato alti livelli di GLY. Si tratta del primo studio statunitense progettato specificamente per misurare l’esposizione prenatale al diserbante nelle donne in gravidanza e per determinare la sua associazione con il rischio di uno sviluppo fetale sfavorevole.

Gli studiosi sono partiti da un dato: residui di glifosato si trovano nell’ambiente, nelle colture principali e negli alimenti che gli esseri umani, comprese le donne incinte, consumano quotidianamente. Per cui, poiché l’esposizione a questo tipo di erbicida in gravidanza può anche aumentare lo stesso rischio per il feto, gli scienziati americani hanno progettato uno studio di coorte (che consente di studiare un’ampia gamma di associazioni tra una determinata esposizione e una malattia), proprio per determinare la frequenza, i potenziali percorsi attraverso cui ci si potrebbe esporre e le associazioni degli indicatori di crescita fetale con la durata della gestazione.

Già nel 2017, delle analisi condotte dal Salvagente presero in esame i valori di donne incinte che vivono lontano da aree agricole. Da qui venne fuori che anche chi non vive vicino ai campi ha tutte le probabilità di ingerire questo erbicida sospettato di essere cancerogeno e genotissico tramite gli alimenti che si portano in tavola.

Ora, da questa nuova indagine a stelle e strisce emerge qualcosa di più sconcertante: il glifosato incide sulla durata della gestazione e la causa non è necessariamente da ricercarsi nell’acqua potabile.

“Sebbene la nostra coorte di studio fosse piccola e regionale e avesse una limitata diversità razziale / etnica, fornisce prove dirette dell’esposizione materna al GLY e una correlazione significativa con una gravidanza ridotta. Ulteriori indagini in una coorte più geograficamente e razzialmente diversa sarebbero necessarie prima che questi risultati potessero essere generalizzati”, si legge su Environmental Health.

Lo studio

glifosato

Il glifosato si trova a livelli quantificabili in oltre il 90% delle gravidanze nella coorte presa in esame nello stato dell’Indiana. Nessun campione di acqua potabile aveva livelli GLY quantificabili, ma gli studiosi guidati da Shahid Parvez hanno riscontrato livelli più elevati di glifosato nelle urine nelle donne con un maggiore apporto di caffeina o che vivevano in aree rurali.

Livelli di glifosato più alti erano significativamente associati a gestazioni più brevi.

Per lo studio tra il 2015 e il 2016 i ricercatori hanno reclutato 71 donne incinte e hanno esaminato il loro consumo di cibo e bevande, lo stile di vita, eventuale stress e il luogo di dimora. Nel contempo, le donne hanno fornito due campioni di urina e due campioni di acqua potabile dalle loro case. Sulla base dei livelli di glifosato in questi campioni, i ricercatori hanno diviso le donne in quattro gruppi. In totale, il 93% di coloro che avevano l’erbicida nelle urine in gravidanza e coloro che si trovavano nelle zone rurali avevano livelli più elevati rispetto alle donne che vivevano nelle aree urbane. Inoltre, le donne che bevevano più di 700 millilitri di bevande a base di caffè al giorno avevano concentrazioni di glifosato più significative, anche se nessuno dei campioni di acqua potabile conteneva tracce di glifosato. Tutte le gravidanze, tranne due, si sarebbero concluse prima del termine. Infine, il glifosato non sarebbe stato associato ad altri indicatori di crescita fetale, come peso e circonferenza cranica.

“Una cosa che non possiamo negare è che l’esposizione al glifosato nelle donne in gravidanza è reale – spiega Parvez. La buona notizia è che l’approvvigionamento pubblico di acqua potabile potrebbe non essere la fonte primaria di esposizione al glifosato, come inizialmente avevamo previsto: nessuno dei campioni di acqua potabile testati mostrava residui di glifosato ed è probabile che il glifosato sia eliminato nel processo di trattamento delle acque. La cattiva notizia è che l’assunzione dietetica di alimenti geneticamente modificati e bevande contenenti caffeina è sospettata di essere la principale fonte di assunzione di glifosato”.

Per ora, i ricercatori si riservano ulteriori indagini sull’entità dell’esposizione al glifosato nelle donne in gravidanza e le correlazioni con una gestazione più breve, ma c’è da giurare che questa sia già un’ulteriore prova della pervasività dei pesticidi e della loro pericolosità.

Articolo di Germana Carillo

Fonte: https://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/glifosato-gravidanza-parto-precoce/

WABI SABI: LA BELLEZZA DELLA VITA IMPERFETTA —
La via giapponese per essere felici
di Selene Calloni Williams

Wabi Sabi: la Bellezza della Vita Imperfetta —

La via giapponese per essere felici

di Selene Calloni Williams

Wabi Sabi è un concetto giapponese che permette di essere a proprio agio in qualsiasi situazione, anche di fronte all'incertezza e al cambiamento. 

Infatti invita ad abbracciare le proprie imperfezioni, in quanto segnale di autenticità e spontaneità: in questo modo potrai superare i pensieri negativi che offuscano la tua visione (non ho, non sono, non posso), sabotando il tuo successo e la tua felicità! Apprezzerai la tua vita per quello che è, nella sua bellezza originale e non artificiale. 

Il coinvolgente e originale racconto di un modo di vivere e di pensare, un percorso di rituali e di pratiche affascinanti per trasformare la nostra vita in un’esistenza all’insegna della ricerca della bellezza e della felicità.

Selene Calloni Williams porta la sua voce a tutti in un modo straordinariamente semplice, accessibile da chiunque, eppure capace di rendere il messaggio originario con inalterata profondità.

Le parole dell'autrice

Le pratiche rituali che ci aiutano a trasformarci in «guerrieri wabi sabi», capaci di attingere alle proprie imperfezioni e diversità e renderle doti straordinarie.

Le pratiche che apprendiamo in questo libro hanno matrice iniziatica e psicologica allo stesso tempo, quindi risultano di facile assimilazione e di pronto utilizzo per gli occidentali, sebbene veicolino intatto il messaggio del buddismo esoterico – senza alterazioni, né edulcorazioni, né semplificazioni – il cui sviluppo è fortemente intrecciato al sentimento wabi sabi e costituisce una «psicologia estetica» che può persino rivoluzionare l’opera dei terapeuti e degli educatori.

La spiritualità è un cammino empirico, Wabi Sabi è un seminario pratico e allo stesso visionario e poetico.

Wabi sabi esprime lo stile di vita degli sciamani yamabushi e delle miko, le sciamane scintoiste, è quel carattere comune che troviamo nelle varie tradizioni misteriosofiche del Giappone, la maggior parte delle quali, ancora oggi, sono tramandate in via esclusivamente orale.

Questo libro ti dona la forza di reazione e la capacità di resilienza.

I grandi maestri di arti marziali ci hanno insegnato che per vincere bisogna non dimenticare mai di essere fragili e imperfetti.

Wabi sabi è uno stile di vita che ti aiuta ad affrontare qualsiasi sfida con un particolare atteggiamento che si può definire “la condizione di chi è imperfetto come un uomo e sereno come un dio”.

Accettare l’imperfezione previene la paura e cura l’insicurezza. Decisamente ti permette di conquistare un atteggiamento vincente, vissuto nella piena umiltà e nel non attaccamento.

Conoscere l’imperfezione equivale a sapere di non sapere. Questo ci permette di non dare per scontate le teorie della mente, ma di affidarci all’intuizione che nasce nel momento presente.

Molte persone, praticando lo stile di vita wabi sabi, hanno potuto migliorare la relazione con i loro figli o i loro allievi. Molti terapeuti hanno saputo arricchire e rendere più efficaci le loro sessioni di ascolto e di aiuto attraverso l’acquisizione di uno stile di vita, di lavoro e di un metodo di pensiero wabi sabi.

Accettare le nostre imperfezioni significa perdonarci, questo ci porta a sciogliere la rabbia e a migliorare la capacità di ascolto.

Le pratiche che guidano a instaurare un metodo di pensiero wabi sabi possono persino rivoluzionare il metodo di fare educazione e terapia.

Wabi sabi, in quanto percorso di familiarizzazione con le imperfezioni e le incertezze ci permette anche di comprendere meglio e guarire il rapporto con i nostri avi e di vivere al meglio la relazione con i nostri organi e con il corpo.

Wabi sabi è una prospettiva di osservazione del mondo concepita nel grembo dei cammini esoterici del buddhismo, dello sciamanismo shugendo, dell’animismo shinto. Il termine “esoterico” ha il significato di “riservato agli iniziati”.

Le iniziazioni contenute in questo libro alimentano il tuo fuoco psichico, la tua capacità di aspirare e di riuscire. Qualsiasi sia il campo nel quale sei impegnato, potranno essere il seme delle tue vittorie quotidiane, anche di quelle che riguardano le piccole cose, che, poi, sono il preludio delle grandi imprese.

Wabi sabi è attenzione per le piccole cose. Vincere è una esperienza nella quale bisogna esercitarsi quotidianamente, anche durante lo svolgimento delle attività più umili.

L’arte di essere imbattibile è l’arte di accettare di essere fragili e imperfetti e, stando nella propria debolezza, non arrendersi mai. Il ramoscello che è così delicato e fragile da piegarsi fino a terra può resistere nel vento meglio del possente albero che, non piegandosi, si oppone alla forza del vento e rischia di essere spezzato.

Non arrenderti mai, neppure quando di te non è rimasto più nulla, se non l’impeccabile volontà di non arrenderti.

...

I commenti sono chiusi.