Frontex: “90% dell’immigrazione clandestina verso l’Italia è in mano alle mafie”

di Cesare Sacchetti

Secondo i dati pubblicati recentemente da Frontex, l’agenzia comunitaria specializzata nella sorveglianza delle frontiere dei paesi UE, sono le mafie le indiscusse padrone dei traffici di immigrati clandestini verso l’Europa.

Il rapporto in questione rileva come attualmente le tre rotte privilegiate del Mediterraneo Occidentale, Centrale ed Orientale scelte dai trafficanti per far sbarcare gli immigrati irregolari verso l’Europa, siano pressoché dominate dall’influenza delle organizzazioni criminali.

In particolare i dati indicano come le mafie abbiano gestito il 75% degli sbarchi nel Mediterraneo Occidentale, la parte di mare che tocca la Spagna principalmente; il 90% nel Mediterraneo Centrale, il tratto marittimo che riguarda l’Italia e infine il 92% in quello Orientale dove è la Grecia il paese ad essere più toccato dagli sbarchi.

L’indagine contribuisce sicuramente a sfatare alcuni luoghi comuni piuttosto in voga nel dibattito politico italiano, tra questi su tutti quello che i migranti fuggirebbero dai paesi africani perchè vittime di persecuzioni politiche.

Infatti le statistiche rivelano che su un campione complessivo di 3525 migranti intervistati dall’agenzia comunitaria, solamente il 16% dichiari di aver deciso di ricorrere all’immigrazione per ragioni ci carattere politico.

La ragione principale dell’immigrazione risiede piuttosto nelle motivazioni di carattere economico, un elemento confermato dal 45% dei migranti.

Il fenomeno dell’immigrazione irregolare minaccia di raggiungere presto un nuovo allarme a causa delle crescenti pressioni migratorie che si registrano nei paesi dell’Africa Sub-Sahariana, in particolare nella Costa D’avorio e nel Mali.

Allo stesso tempo i dati a disposizione confermano come l’Italia dal 2016 al 2017 sia stato il paese più scelto come approdo dall’immigrazione clandestina, seguito da Germania, Francia e Spagna.

Il Belpaese quindi si è fatto carico di tutta la pressione migratoria in arrivo dal Mediterraneo Centrale dopo la decisione della Germania di porre fine alla politica delle “porte aperte” per i numerosi problemi di sicurezza che ha provocato nel paese.

Se si prende in esame a questo proposito il campione di riferimento del Frontex di 3525 migranti, si apprende che tra questi 1948 hanno scelto come meta di destinazione preferita proprio l’Italia, dando un’ulteriore conferma del ruolo chiave del Paese nei traffici di esseri umani.

I migranti preferiscono rivolgersi alla mafie

Il fattore della criminalità organizzata nella gestione dell’immigrazione clandestina ha rappresentato un elemento fondamentale nello scegliere determinate rotte marittime piuttosto che altre.

Difatti il fatto che ci siano le mafie ad organizzare questi viaggi, sembra spingere i migranti ad affidarsi a loro piuttosto che ad intraprendere altre soluzioni che non prevedono l’intermediazione di questi gruppi criminali.

Il 69% degli immigrati irregolari sbarcati in Grecia conferma di aver scelto questa rotta proprio per il ruolo predominante delle mafie su questo tratto di mare, mentre nel caso dell’Italia la percentuale è del 65%, di poco inferiore.

Il rapporto del Frontex si sofferma anche a descrivere la struttura di queste reti criminali, nelle quali giocano un ruolo importante i cosiddetti “capi” che hanno il compito di dirigere i gruppi operativi mentre appena un gradino sotto di loro si collocano i “reclutatori” che sono quelle figure che hanno appunto il compito di selezionare i migranti che poi tenteranno l’avventura sui barconi della speranza.

La Turchia e la Libia emergono come i paesi base dei gruppi criminali, dove operano rispettivamente il 30% e il 37% delle reti di trafficanti.

La tratta delle prostitute nigeriane

Tra gli aspetti più terribili di questo traffico, c’è sicuramente il traffico di donne nigeriane che sono costrette a prostituirsi appena sbarcate nei paesi europei per ripagare il loro debito con i trafficanti, che spesso raggiunge cifre superiori ai 50.000 euro.

La Spagna e l’Italia sono i due paesi più interessati da questa tratta di schiave.

La fotografia conclusiva che esce dal rapporto è piuttosto chiara. L’immigrazione clandestina è un affare che ingrossa le tasche dei trafficanti di esseri umani e fin quando si continuerà ad agevolarla si sarà complici di queste reti criminali senza scrupoli.

Articolo di Cesare Sacchetti

Fonte: http://www.imolaoggi.it/2018/04/07/frontex-90-dellimmigrazione-clandestina-verso-litalia-e-in-mano-alle-mafie/

AGRICOLTURA SINERGICA
Le Origini, l'Esperienza, la Pratica
di Emilia Hazelip

Agricoltura Sinergica

Le Origini, l'Esperienza, la Pratica

di Emilia Hazelip

Questo testo è rivolto a tutti coloro che desiderano coltivare in modo sano, siano essi professionisti dell'agricoltura o hobbisti.

L'agricoltura sinergica, riconoscendo il ruolo centrale svolto dalle piante nella produzione di humus, si propone di sfruttare al meglio i processi naturali al fine di produrre alimenti sani senza impiego di prodotti chimici e riducendo al minimo gli interventi sull'ambiente.

Il libro contiene, oltre agli scritti di Emilia Hazelip e dei suoi seguaci in Italia, numerose schede di coltivazione ed esempi pratici.

Dalla Quarta di Copertina

La terra è un organismo vivo, dispensatore di cibo, non un supporto inerte su cui affaticarsi e ricavare una produzione: è questo il messaggio di Emilia Hazelip, ideatrice dell'agricoltura sinergica.

Questo libro, nato dalla passione e dalla dedizione dei membri della Libera Scuola di Agricoltura Sinergica, raccoglie gli scritti e l'esperienza di questa donna straordinaria, rendendoli disponibili per il grande pubblico.

Mantenendo l'approccio di un prontuario di orticoltura, vengono esposti i principi dell'agricoltura sinergica: dalla rinuncia alla lavorazione del suolo all'uso sistematico della pacciamatura e delle aiuole rialzate, suggerendo in modo dettagliato come ottenere produzioni abbondanti e di qualità con il minimo intervento e nel massimo rispetto dell'ambiente naturale.

Oltre alla descrizione pratica dei criteri e delle tecniche dell'agricoltura sinergica, vengono illustrati approfonditamente i concetti filosofici e scientifici che ne hanno ispirato l'elaborazione. Emilia Hazelip invita il lettore ad avvicinarsi al lavoro nell'orto come alla cura di un sistema vivente in continua evoluzione, trasmettendo la meraviglia per l'incredibile complessità di relazioni che sono alla base della vita vegetale.

Nella parte finale del volume sono raccolte le testimonianze di chi ha messo in pratica questi insegnamenti coltivando con successo un orto sinergico nella propria terra o comunità e negli ambiti sociali e professionali più disparati: scuole, giardini pubblici e perfino alcune strutture sanitarie, come accade nel prestigioso campus "Cascina Rosa" dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

Indice

Introduzione e istruzioni per l'uso

Prima Parte - Emilia Hazelip e la Libera Scuola di Agricoltura Sinergica

Seconda Parte - L'Agricoltura Sinergica

1. Curare la Terra per curare gli uomini
2. I principi ispiratori
3. Agricoltura sinergica e Permacultura
4. Realizzare un orto sinergico
5. Semina e trapianto
6. Intorno all'orto

Terza Parte - Esperienze di Libera Scuola

Racconti di sinergia

...

I commenti sono chiusi.