Forse non è che stiamo prendendo troppe medicine?

In Italia è scoppiata la guerra dei farmaci. Si tratta di una lotta che si sta combattendo in sordina, ma senza esclusione di colpi, ai piani alti del Ministero della salute e dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), per la cosiddetta revisione del prontuario farmaceutico: un’espressione burocratese dietro cui si cela un riesame dei medicinali che possono essere prescritti a carico del Servizio sanitario nazionale.

In ballo, oltre che la salute dei cittadini, ci sono miliardi di euro di spesa pubblica.

Prendiamo in media due farmaci al giorno a testa, in maggioranza a carico del Servizio sanitario

La sola revisione dei farmaci anticoagulanti orali fatta agli inizi di marzo, per esempio, avrebbe già portato a delineare risparmi per 60 milioni di euro, secondo il direttore generale dell’Aifa Luca Li Bassi.

E, una volta completata, la riforma dovrebbe fruttare allo Stato qualcosa come due miliardi di euro, stando alle affermazioni del Ministro della salute Giulia Grillo. Previsioni troppo ottimistiche secondo Farmindustria, che invece denuncia come le nuove regole possano perfino “mettere a rischio la tenuta delle imprese del settore, con potenziali pesanti conseguenze sull’occupazione.

Per fare chiarezza abbiamo intervistato il farmacologo Silvio Garattini, che ha partecipato al Tavolo tecnico di lavoro su farmaci e dispositivi medici insediato al Ministero. Perché occorre rivedere la lista dei farmaci rimborsati dal Servizio sanitario nazionale? “Perché spendiamo troppo e male, senza riuscire a rispondere alle reali esigenze dei pazienti.

Ogni anno lo Stato paga 22 miliardi di euro per i farmaci, circa il 20% del budget totale della Sanità: una cifra troppo alta rispetto a quanto abbiamo a disposizione, se consideriamo che dobbiamo offrire anche esami diagnostici, mantenere le apparecchiature, le strutture ospedaliere e pagare gli stipendi per mantenere un servizio efficiente.

E se andiamo a vedere i dati dell’ultimo rapporto dell’Aifa sul consumo dei farmaci in Italia, scopriamo che ci sono molte anomalie. È irrazionale, per esempio, che la spesa pro capite giornaliera in Campania sia più alta del 20% rispetto alla Lombardia.

O che in certe Regioni le prescrizioni di statine contro il colesterolo siano il 25% più alte che in altre. Non possiamo neppure avere 25 aziende che producono tutte lo stesso farmaco con nomi diversi: se un medicinale funziona meglio degli altri, è giusto che nel prontuario si mantenga solo quello e non gli altri; se sono tutti uguali, allora scegliamo quello che costa meno”.

Quali sono i farmaci più spesso prescritti in modo inappropriato? “Ce ne sono diversi. Per esempio spendiamo 500 milioni di euro all’anno per gli inibitori di pompa protonica, che ormai vengono dati a tutti per proteggere lo stomaco quando sappiamo che sono poche le condizioni in cui sono davvero utili.

La sensazione è che le ragioni di mercato finiscano per prevalere su quelle della salute. Anche i medici avvertono un profondo disagio, perché sono in balìa di un’informazione scientifica sui farmaci che non è indipendente, ma viene per lo più dalle industrie: è ovvio che per quanto possa essere fatta in maniera rigorosa, abbia comunque l’obiettivo di aumentare i loro profitti”.

Ha ragione chi accusa le aziende di voler trasformare le persone sane in potenziali malati da curare? “Senza gridare al complotto, è normale che le aziende seguano certe strategie di marketing. Se per esempio un valido studio scientifico dice che le statine sono utili ad abbassare il colesterolo sotto una certa soglia nei diabetici e poi estrapolo questo principio estendendolo alla popolazione generale, ecco che ho ampliato il mercato di potenziali pazienti.

A queste strategie si aggiunge poi una tendenza crescente alla medicalizzazione: fino a poco tempo fa, a chi aveva la glicemia a 120, il medico raccomandava di cambiare stile di vita, mangiando meno zuccheri e facendo più attività fisica; oggi, invece, si parla già di prediabete, trasformando la persona in un potenziale malato che deve essere curato”.

Cosa possiamo fare, noi pazienti, per non cadere nella rete? “Serve un cambiamento di mentalità: per esempio, dovremmo smettere di pensare che il dottore bravo è quello che dà tante medicine o che prescrive tutto ciò che gli chiediamo.

E poi dovremmo abbandonare il pregiudizio secondo cui i farmaci di marca sarebbero migliori di quelli equivalenti: l’anno scorso abbiamo speso un miliardo di euro per colmare la differenza di prezzo tra farmaci che in realtà hanno lo stesso effetto terapeutico”.

Fonte: https://www.vibrazionipositive.com/articoli/news/benessere/877/forse-non-e-che-stiamo-prendendo-troppe-medicine/

400 ANNI D'INGANNI  —
E se il nostro passato fosse tutta "un'altra storia" ?
di Fomenko Anatolji

400 Anni d'Inganni —

E se il nostro passato fosse tutta "un'altra storia" ?

di Fomenko Anatolji

Hai studiato bene la storia? Sei sicuro di sapere esattamente quando sono stati costruiti il Colosseo e le Piramidi? Allora leggi "400 Anni d'Inganni ", un'opera completa che presenta lo "straordinario progetto" ideato dal professore Anatolij Fomenko:

la Nuova Cronologia 

Un'ipotesi matematica applicata allo studio della storia, elaborata teoricamente e verificata sperimentalmente che provocherà un effetto shock su tutti noi! Diversamente non potrebbe essere. Queste pagine disorientano a tal punto che, a colpi impietosi di calcoli e di statistiche, affossano la cronologia e la storia da noi conosciuta e studiata a scuola, dimostrando che:

  • Cristo è nato in un'altra epoca
  • L'età conosciuta come "antica" è in realtà quella medievale
  • Le piramidi, il Colosseo e gli altri famosi monumenti dell'antichità sono in realtà molto più giovani di quello che abbiamo sempre creduto, ecc.

Dopo anni di certezze "dove?" e "quando?" tornerebbero a essere domande senza risposta.
O meglio, domande in cerca di nuove risposte.

La ricerca di Fomenko ci rivela con cognizione di causa che la storia e la cronologia attualmente adottate sono il risultato in realtà di diverse falsificazioni dei materiali storici e delle mistificazioni iniziate dai cronologisti del XVI-XVII secolo.

Ma è tutto vero? Questa è la difesa, istintiva e comprensibile, che si mette in opera quando vengono attaccate le credenze tramandate da generazioni, i miti indiscussi, i solidi e autorevoli pilastri che sorreggono la base di una visione del mondo accettata e condivisa fin dall'infanzia.

Leggendo queste pagine, tuttavia, ognuno di noi non potrà non restare affascinato dai metodi appositamente elaborati per lo studio della cronologia, dalla scelta e dalla quantità dei materiali presentati al fine di suffragare queste ipotesi matematiche, dall'entità e dall'originalità del lavoro degli studiosi e, in generale, dal loro coraggioso approccio. 

Cosa aspetti allora?
Apri gli occhi alla verità e scopri la Nuova Cronologia. 

La Nuova Cronologia del professor Fomenko è una rigorosa e sofisticata teoria scientifica che poggia su salde basi matematiche. L'intento è quello di proporre un'ipotesi sensazionale che non ha precedenti al mondo: la possibilità di ricostruire la storia rimettendo in discussione tutti gli stereotipi finora ritenuti validi.

Nessuna nuova verità assoluta però.
Non più.

Il coraggioso invito dell'autore è quello di creare un onesto confronto intellettuale, di riaprire un dibattito che sembrava non più affrontabile o rinegoziabile, un dibattito culturale e interdisciplinare che richiederebbe il coraggio dei primi storici, l'intelligenza dei veri scienziati, la  passione di chi insegue le verità più difficili, anche a discapito di ogni rassicurante certezza.

 Una verità scioccante sulla nostra storia
Scopri la nuova cronologia

Presentazione del libro

 "Se tutto ciò che ci hanno sempre insegnato poggiasse su basi storico-cronologiche errate?

Niente avrebbe più una datazione certa, nessuna cronologia tradizionalmente accettata sarebbe più credibile  e il passato ricadrebbe nel buio dell'indistinto".

Anatolij Fomenko

"Dopo che la polvere delle polemiche si sarà depositata, c'è speranza che storici, scienziati e matematici riescano insieme a ridiscutere i metodi esistenti per mettere a punto nuovi strumenti, seguendo lo stesso spirito di collaborazione che si verifica in tanti altri campi dell'attività umana. Ma non dobbiamo aspettarci troppo e troppo presto.

Questo è un campo in cui i progressi sono stati lenti, e non ci sono segnali che le cose prenderanno una svolta improvvisa nel prossimo futuro".

Florin Diacu, matematico.

La domanda non è Nuova Cronologia sì, Nuova Cronologia no.
Ma, "perché no?".

...

I commenti sono chiusi.