Felicità: un semplice esercizio di psicologia positiva ci aiuta a ritrovarla ogni giorno

Concentrarsi sulle cose positive e riconnettersi con la propria felicità non è sempre un’impresa facile. Potete provare però a sperimentare un semplice esercizio che, ogni sera, vi permetterà di ricordare e concentrarvi sulle esperienze migliori che vi ha regalato quella giornata.

Non si tratta di una tecnica new age ma di un sistema sperimentato in una ricerca scientifica dal titolo “Positive psychology progress: empirical validation of interventions” condotta da Martin Seligman, psicologo americano, insieme al suo team.

L’inventore della psicologia positiva, appunto Seligman, ha testato per diversi anni interventi ed esercizi volti ad aumentare il grado di felicità delle persone scoprendo che alcuni di essi riuscivano a far crescere la sensazione di benessere e diminuire i sintomi depressivi.

Uno di questi è davvero poco impegnativo e possiamo provare a metterlo in pratica ogni giorno con costanza per sperimentarne e verificarne i benefici.

Si tratta semplicemente, una volta arrivata la sera, di annotare 3 cose della giornata che sono andate bene o che vi hanno reso felici. Si possono scrivere un po’ di dettagli ma non c’è bisogno di fare un resoconto completo o di scendere troppo nei particolari.

Perché funziona? La risposta è che spesso tendiamo alla negatività e quindi a concentrarci sulle cose che sono andate male (o non come abbiamo immaginato o desiderato). Rimuginiamo e ci facciamo assalire dalle paure focalizzandoci sui problemi piuttosto che sulle circostanze positive della nostra vita e della nostra giornata.

L’esercizio non è finalizzato a vedere le cose positive nella negatività (che pure ci circonda) ma a concentrarci su ciò che è andato bene, stimolando la memoria ad andare “a pescare” i ricordi migliori e non permettendo a noi stessi di far pesare maggiormente sul piatto della bilancia la parte negativa della nostra vita.

In sostanza quello che dovremmo imparare è, ogni sera, a rivivere i momenti positivi che sicuramente ci sono stati anche nella giornata più nera.

Seligman sostiene che se questo esercizio diventa un’abitudine quotidiana, la nostra vita acquisterà quel pizzico di felicità in più e riusciremo a sentirci maggiormente soddisfatti.

Potete anche “girare” l’esperimento ad altri, stimolando in loro lo stesso cambio di prospettiva. Ad esempio, invece di chiedere ai vostri figli: “come è andata la giornata?” potete sostituire la domanda con “quali sono state le 3 cose migliori della tua giornata?”.

Provare non costa nulla! Impariamo a focalizzarci sul meglio di ciò che ci accade…

Alla prossima

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania!

Fonte: https://www.greenme.it/spazi-verdi/naturomania/felicita-esercizio-psicologia-positiva/

LA BIOLOGIA DELLE CREDENZE
Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula - Con musica a 432 Hz di Emiliano Toso
di Bruce Lipton

La Biologia delle Credenze

Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula - Con musica a 432 Hz di Emiliano Toso

di Bruce Lipton

Vincitore del Premio Best Science Book, Best Books 2006, Awards

Bruce Lipton dimostra che ciò in cui crediamo determina ciò che siamo, perciò non è il patrimonio genetico ereditato a determinare la nostra vita e la nostra salute. Si tratta di una rivoluzione della scienza e del pensiero che ci libera dalla prigionia del destino predeterminato dalla genetica. Lipton dimostra in maniera inoppugnabile che l’ambiente, i nostri pensieri e le nostre esperienze determinano ciò che siamo, il nostro corpo e ogni aspetto della nostra vita.

Se l’ambiente e il pensiero influenzano la nostra biologia, questo può cambiare le conoscenze e le esperienze vissute fino a oggi da gran parte di noi. Infatti, ognuno di noi ha le potenzialità per creare una vita piena e traboccante di ogni dono e talento, a partire da salute, gioia di vivere, amore e successo.

Un libro per tutti coloro che ricercano nella scienza senza dogmi le risposte che a causa della dipendenza dagli interessi delle banche e delle multinazionali, la cultura accademica è incapace di fornire.

Per chi non si accontenta della scienza ufficiale, che nasconde e manipola le informazioni, per impedirci di riconoscere le infinite potenzialità presenti nel nostro cervello e nel nostro DNA.

È giunto il momento di abbandonare le vecchie credenze che la comunità scientifica e accademica e i mass media ci hanno inculcato, per muoverci verso la nuova ed eccitante prospettiva di salute, benessere e abbondanza offerta da questa scienza d'avanguardia: l'epigenetica.

Quanta importanza acquisisce allora il nostro pensiero, positivo o negativo che sia, quando è in armonia col subconscio, sul comportamento nostro e dei nostri geni? Se l'ambiente e il pensiero influenzano la nostra biologia, questo può cambiare le conoscenze e le esperienze vissute fino a oggi da gran parte di noi. Infatti ognuno di noi ha le potenzialità per creare una vita piena e traboccante di ogni dono e talento, a partire da salute, felicità e amore.

Ogni cellula del nostro corpo può essere paragonata a un essere intelligente, dotato di intenzionalità e scopo, in grado di sopravvivere autonomamente, il cui vero "cervello" è costituito dalla membrana. Questa scoperta porta a una conclusione sbalorditiva: i geni non controllano la nostra biologia, è invece l'ambiente a influenzare il comportamento delle cellule.

Questo porta a nuove, importanti conseguenze per quanto riguarda il benessere, la felicità e la natura delle malattie come il cancro e la schizofrenia.

Bruce Lipton
è un’autorità mondiale per quanto concerne i legami tra scienza e comportamento. Biologo cellulare per formazione, ha insegnato Biologia Cellulare presso la facoltà di Medicina dell’Università del Wisconsin e si è dedicato in seguito a ricerche pionieristiche alla School of Medicine della Stanford University. È stato ospite di decine di programmi radiotelevisivi ed è un conferenziere di primo piano.

...

I commenti sono chiusi.