Europeisti, economisti di sinistra e sovranisti: tutti contro la riforma del Mes

La riforma del Mes è riuscita nell’impresa di mettere d’accordo sovranisti, europeisti convinti ed economisti vicini agli ambienti della sinistra.

Ebbene sì, la modifica del Meccanismo europeo di stabilità non piace a nessuno. Pur partendo da punti di vista completamente diversi tra loro, i contrari all’upgrade del Fondo salva-Stati sono uniti da un punto in comune: l’Europa rischia di intossicarsi a causa dell’ennesimo bocconcino avvelenato messo sul piatto da Bruxelles. I sovranisti hanno una posizione collegabile alla loro visione del mondo; ritengono, in sostanza, che riformare il Mes eroderebbe altra sovranità agli Stati nazionali, relegando questi ultimi in secondo (o addirittura terzo) piano rispetto alle istituzioni dell’Unione Europea. Gli europeisti, che tutto sommato apprezzano il contesto attorno al quale si sta sviluppando questa Ue, concordano nel considerare la riforma “squilibrata” e “destabilizzatrice” per l’intera Eurozona; in altre parole, il Mes distruggerebbe tutto quanto costruito fino ad oggi in campo europeo. Diverso è il ragionamento degli economisti di sinistra, che ritengono il Mes uno strumento “inutile” e “pericoloso” in quanto faciliterebbe la ristrutturazione del debito.

Una riforma imperfetta e squilibrata

La battaglia delle tre fazioni dei contrari alla riforma del Mes è appena iniziata ma sta progressivamente salendo d’intensità. Quattro prestigiosi accademici europeisti convinti hanno firmato un appello inequivocabile, con il quale invitano le istituzioni europee a stoppare la modifica del trattato del Meccanismo europeo di stabilità. I nomi delle firme sono tutti di autorevoli personaggi, due dei quali membri tra l’altro della London School of Economics: Shahin Valée, Paul De Grauwe, Jeremie Cohen-Setton e Sebastian Dullien. Shahin, francese, fa parte del German Council of Foreign Relations ed è stato sia il consigliere economico dell’ex premier belga Herman van Rompuy sia di Emmanuel Macron quando l’attuale capo dell’Eliseo era ministro dell’Economia. Gli altri sono professori di fama internazionale: il belga De Grauwe insegna economia alla Lse, Cohen-Setton al Peterson Institute for International Economis e il tedesco Dullien alla Htw di Berlino. Il loro appello, apparso sul blog della Lse, parla chiaro: “La riforma è fortemente imperfetta e squilibrata. La questione della riforma dell’area euro merita un’agenda più ampia e ambiziosa”. Il consiglio che i professori danno ai leader dell’Ue è quello di “prendersi una pausa, fare un passo indietro e riprogettare” l’eventuale modifica.

I tre problemi imputati al Mes

I problemi chiave imputati alla revisione del Mes dagli accademici citati sono tre. Intanto, in seguito alla riforma, il Fondo salva-Stati non diventerebbe un’istituzione europea ma resterebbe un’organizzazione intergovernativa. Questo starebbe a significare che le sue decisioni potrebbero essere controllate dal Parlamento, erodendo così i poteri della Commissione Ue. Il Mes dovrebbe inoltre servire per stabilizzare situazioni critiche. Il problema è che, a causa di una serie di criteri d’accesso, numerosi Stati si ritrovererebbero in una condizione paradossale: quella di contribuire economicamente al sostentamento di un fondo per loro praticamente inaccessibile. Oltre all’Italia, non potrebbero rivolgersi al Meccanismo europeo di stabilità anche Belgio, Cipro, Spagna, Francia, Portogallo, Lettonia, Slovenia e Finlandia. Infine il cosiddetto meccanismo di backstop per il Fondo di risoluzione unico delle banche – uno dei punti previsti dal trattato – non sarebbe altro che un fuoco di paglia, visto che questo strumento rimarrebbe vincolato al veto dei singoli parlamenti nazionali.

Fonte: https://it.insideover.com/economia/europeisti-economisti-di-sinistra-e-sovranisti-tutti-contro-la-riforma-del-mes.html

INIZIAZIONE ALLO YOGA SCIAMANICO
Viaggio ai confini tra lo spazio e il nulla
di Selene Calloni Williams

Iniziazione allo Yoga Sciamanico

Viaggio ai confini tra lo spazio e il nulla

di Selene Calloni Williams

Lo Yoga sciamanico nasce in Tibet, in India e nello Sri Lanka, dall'incontro dello yoga con le tradizioni sciamaniche. L'Autrice ci introduce nel cuore di questo particolare tipo di yoga, sia attraverso il racconto della propria iniziazione, sia mediante una chiara illustrazione dello yoga e dello sciamanismo indiano.

Il fascino dell'esperienza vissuta si unisce all'esposizione pratica: lo yoga sciamanico ci consente di viaggiare nei nostri centri energetici (chakra) e di cogliere la natura dell'estasi sciamanica, o volo sciamanico, rivelandone le tecniche.

Il volo sciamanico è uno stato di coscienza ampliato, nel quale possiamo riunirci alle fonti del sapere spontaneo e sperimentare diverse pratiche inziatiche che inducono un nuovo e più costruttivo rapporto con la materia e la vita.

Tra le pratiche da sperimentare vi sono i rituali di reintegrazione (il rituale della canoa sciamanica, il rituale della caccia all'anima nel mondo dei sogni, il rituale del sole nero), quelli di morte e rinascita (il rituale della rinascita mistica), le pratiche che risvegliano il nostro potere vitale (la danza sciamanica, la pratica per la guarigione dello spirito animale), e quelle che aprono la nostra porta del ricevere e ci permettono un rapporto nuovo e più costruttivo con la naturale ricchezza della materia e della vita (il rituale del nyasa, il rituale della prosperità).

 


REGALO ESCLUSIVO
Lo puoi avere solo se acquisti
uno dei libri di Selene Calloni Williams
sul Giardino dei Libri

Il videocorso Mp4 di Selene Calloni Williams
"Mindfulness Immaginale e OMI"
Videocorso della durata di 2 ore e 10 minuti
che potrai scaricare subito dopo aver acquistato il libro.

Essere più consapevoli, lucidi, avere maggiore presenza mentale è un risultato che si può raggiungere attraverso la meditazione. Ma anche sciogliere paure, insicurezze e superare la sensazione di non essere mai abbastanza, che abbiamo accumulato nella nostra infanzia ed adolescenza, ci aiuta ad essere più consapevoli, più concentrati. Paure e insicurezze, infatti, chiudono la nostra visione, i nostri sensi, ci rendono meno vivi, meno presenti, diminuendo la nostra capacità di sentire, di esserci, di vedere e comprendere.

Struttura del videocorso:

1. INTRODUZIONE ALLA MINDFULNESS IMMAGINALE
2. LA MEDITAZIONE SUL RESPIRO: ANAPANASATI I E
3. ANAPANASATI II
4. OMI, One Minute Immersion
5. La MEDITAZIONE SULLO SCHELETRO
6. LA MEDITAZIONE SUL CORPO: "LA CONTEMPLAZIONE OGGETTO CORPOREO NELL'OGGETTO CORPOREO"
7. LA MEDITAZIONE SU UN OGGETTO: "ALOKA KASINA"
8. CONCLUSIONI

Si tratta di un corso di meditazione e mindfulness ad approccio immaginale, nel quale viene spiegata anche la tecnica OMI "One Minute Immersion", creata da Selene Calloni Williams, una tecnica molto adatta al mondo di oggi, che è sempre di corsa e indaffarato. Si tratta di meditare per un minuto in modo molto intenso e di ripetere l'immersione nella meditazione più volte nella giornata. OMI, One Minute Immersion, è la potente tecnica, ideata da Selene, per il contatto diretto con la natura e con l'anima in una manciata di secondi per più volte durante la giornata, con costanza, durante diverse e specifiche attività quotidiane. Nel corso vengono spiegate anche la meditazione sul respiro, sul corpo e sullo scheletro.

 

...

I commenti sono chiusi.