Ecco perché tollerano la controinformazione

Nel libro-confessione “Mara, Renato e io”, Alberto Franceschini (fondatore delle Brigate Rosse insieme a Curcio) rivela un episodio illuminante: pedinò per giorni nientemeno che Giulio Andreotti, studiandone le abitudini, per valutare se e come eventualmente rapire l’uomo-simbolo del potere italiano. Quando poi le Br sequestrarono davvero un big della Dc, Aldo Moro (assai più conciliante, verso i lavoratori oppressi e tutelati dalla sinistra, anche estrema), Franceschini e Curcio erano già fuori causa, rinchiusi al supercarcere dell’Asinara. E per giunta, terrorizzati dalle possibili conseguenze di quell’atto, di cui erano all’oscuro, attribuito alla nuova gestione brigatista di Mario Moretti. Pedine di un gioco più grande? Fu questo il pensiero di Franceschini, mentre seguiva a pochi passi il potentissimo Andreotti, senza che nessuno si premurasse di intercettarlo, e controllare che non avesse in tasca una pistola. Fuor di metafora, quarant’anni dopo e da tutt’altro punto di vista, l’avvocato Paolo Franceschetti si sofferma, anche lui, nel punto esatto in cui si bloccò il brigatista Franceschini: possibile che a chi racconta verità scomode non succeda niente di sgradevole? Chiudere un blog fastidioso richiederebbe pochi minuti: perché invece si lascia che il blog continui a rivelare molte verità che giornali e televisioni trascurano?

Giulio AndreottiPaolo Franceschetti rivela un istinto sostanzialmente umanistico, che lo rende capace di coltivare innumerevoli interessi culturali, in modo trasversale, col piglio del divulgatore generoso. Ma è anche un combattente: difese le cosiddette Bestie di Satana, scoprendo una colossale montatura basata su indagini debolissime. Peggio: ha chiamato Rosa Rossa l’organizzazione-fantasma che, a suo dire, ha firmato le peggiori pagine dell’orrore, quelle dei delitti rituali, corredati da impressionanti apparati simbolici regolarmente ignorati dagli investigatori. Più che un sospetto: usi e costumi decisamente “infernali”, attribuiti a un’élite esoterica capace di ricorrere alla pratica dei sacrifici umani, con una aberrante predilezione per i bambini (ne scompaiono infatti a centinaia, ogni anno, inghiottiti nel nulla). Il clumine delle sua personale indagine, Franceschetti l’ha raggiunto sul caso del Mostro di Firenze, arrivando ad accusare ? in modo scioccante ? nientemeno che un super-giudice come Piero Luigi Vigna, nel frattempo divenuto il capo supremo della magistratura antimafia. “Eppure, Vigna non mi querelò”, ricorda Franceschetti, in web-streaming a “Border Nights” con Fabio Frabetti. La causa giudiziaria avrebbe fatto troppo rumore, gettando luce su un’accusa infamante? O forse c’era uno scontro di potere, ai piani altissimi, che impedì a Vigna di agire contro Franceschetti?

Paolo FranceschettiDi nuovo: finisce sempre così, e cioè con lo scoprire che la voce scomoda, intollerabilmente eretica, in realtà è probabilmente utile a qualcuno. Oggi, lo scenario è affollato di presenze quasi altrettanto mostruose, anche se dissimulate da una disinformazione ufficiale che si avvale di un’aura di neutralità apparente, ammantando categorie come progresso e scienza, tecnologia e medicina. Più che inquietante, per esempio, l’improvvisa campagna “totalitaria” di vaccinazioni di massa, in assenza di emergenze sanitarie: e nessuno protesta, nei grandi media, anche se il governo degli Stati Uniti, dagli anni Ottanta, ha già speso 4 miliardi di dollari per risarcire i danneggiati da vaccino, dopo che la Corte Suprema dichiarò impossibile da accertare la sicurezza delle vaccinazioni. Morale: aziende farmaceutiche depenalizzate, a pagare è lo Stato. In Puglia, la Regione ha scoperto che 4 neo-vaccinati su 10 hanno subito preoccupanti reazioni avverse, in alcuni casi gravissime. Dai grandi media, silenzio. Corollario: per la prima volta nella storia, quest’anno 130.000 bambini (non vaccinati) sono stati esclusi da nidi e materne. Stiamo sprofondando nelle tenebre di un nuovo medioevo?

Sembrerebbe, stando alla cronaca: ad esempio, un vero scandalo è la reticenza generale sull’avvento del wireless 5G, destinato a inondarci (e probabilmente a bombardarci il cervello) con esiti che secondo i ricercatori restano un’incognita, visto che occorrerebbero almeno tre anni di test per poter raggiungere certezze sul reale impatto delle microonde nel nostro organismo. Si avvicina “la fine dei tempi”, come temono alcuni complottisti? Non scherziamo, taglia corto Franceschetti: il glorioso Impero Romano smistava schiavi trattati come bestie nelle gabbie, facendoli trucidare al Colosseo per il divertimento del pubblico. E nel medioevo bastava un’epidemia qualsiasi perché si morisse come mosche, senza la minima speranza di poter essere curati. Dunque, viviamo nel migliore dei mondi possibili, benché la “controinformazione” lo presenti come orrendo, degradato e spaventosamente ingiusto? Franceschetti invita alla fermezza e alla cautela: “Sacrosanto insistere nel lavoro di denuncia, che contribuisce a svegliare le coscienze, senza però pretendere che, solo per questo, il sistema cambi”. Fatalismo o saggezza? È la sofferenza a farci crescere: “L’astrologia insegna che una vita annunciata come “difficile”, fin dalla carta natale, produrrà sessantenni sereni, più felici, con meno paura della morte e nessuna nostalgia del passato”.

Il libro di FranceschettiAutore di un saggio sul nucleo centrale che accomuna tutte le grandi religioni (“Alla ricerca di Dio”, edito da Risveglio), Franceschetti esplora anche l’insegnamento dei “maestri contemporanei”. “Con la sola eccezione di Steiner, peraltro limitata a un accenno sfumato da parte sua, non ce n’è uno ? da Osho a Yogananda, da Aurobindo e Krishnamurti ? che si sia soffermato sui mali della politica, sulle storture della nostra società”. Motivo: “Per loro, il vero cambiamento non può che essere interiore. E quando avviene è contagioso: si estende a macchia d’olio, migliorando chiunque ci circondi”. Non solo: “Quei maestri sapevano benissimo che lo studio dei guasti sociali, quindi la denuncia dell’ingiustizia, produce sempre rabbia, e quindi depressione”. Il che, si presuppone, “abbassa le difese”: indebolisce lo spirito, anziché rafforzarlo. “Pur non volendolo ? aggiunge Franceschetti ? chi fa informazione alternativa, veritiera, produce paura”. Sconcerto: possibile che certe cose accadano davvero? “E la paura, non dimentichiamolo, è il primo alimento del dominio“. Conseguenza: l’annichilimento. Se il nemico è mostruoso, onnipotente e inaffrontabile, me ne resto a casa: non ci provo neppure, a contrastarlo. “Per questo, probabilmente ? secondo Franceschetti ? il potere tollera volentieri la controinformazione, alla quale io stesso contribuisco”.

Questione di target, di pubblico: “Alla stragrande maggioranza, 50 milioni di italiani adulti, provvede tranquillamente la televisione”. Sono i grandi media a dosare mezze verità, somministrando attentamente solo ciò che si ritene opportuno diffondere. “Il pubblico di un blog, invece, è fatto al massimo di decine di migliaia di persone, già molto informate su vari temi scottanti: bene, quindi, per il potere, se il risultato sarà uno scoraggiamento generale, al netto delle preziose informazioni doverosamente fornite”. Che fare, dunque? “Continuare a parlare, certamente, sapendo però che la nostra azione non dispiace a chi sovragestisce la società, e che una parte del nostro pubblico accumulerà rabbia, frustrazione, diffidenza e soprattutto paura”. Proprio la paura “disattiva” la persona, isolandola sempre di più. Non esiste, una ricetta valida per tutti. Al massimo, Franceschetti propone semplici consigli: seguitare a informarsi, ovviamente, ma lavorando su se stessi per evitare di cadere nello sconforto. Utile allungare lo sguardo: un’occhiata alla storia aiuta a drammatizzare meno il presente, pur senza fare sconti a chi sfrutta e imbroglia milioni di persone, mentendo su tutto. La scommessa? Restare vivi, dentro: “In fondo, è questo che i gestori più temono: guai, se scopriamo la nostra infinita capacità di fare del bene, sconfiggendo la paura“.

dal sito Libre Idee: https://www.libreidee.org/2019/12/franceschetti-ecco-perche-tollerano-la-controinformazione/

Fonte: https://petalidiloto.com/2019/12/ecco-perche-tollerano-la-controinformazione.html

IKIGAI. CIò PER CUI VALE LA PENA VIVERE
Come scoprire ciò che devi fare e farlo con decisione
di Selene Calloni Williams, Noburu Okuda Do

Ikigai. Ciò per cui Vale la Pena Vivere

Come scoprire ciò che devi fare e farlo con decisione

di Selene Calloni Williams, Noburu Okuda Do

Selene Calloni Williams ti fornisce un metodo per sviluppare la consapevolezza necessaria a realizzare il tuo Ikigai.

Esperta di psicologia del profondo, sciamanismo e coaching, conosciuta nel mondo per la sua energia e la sua chiarezza, l'autrice in questo libro ci parla del vero Ikigai, quello che si conosce realizzandolo.

La parola giapponese Ikigai può essere tradotta come "ciò per cui vale la pena vivere".

Centrare le proprie giornate su ciò che per te vale davvero la pena di essere vissuto, su ciò che, quando apri gli occhi al mattino, ti dà l'energia e l'entusiasmo per affrontare la giornata è la condizione migliore nella quale esistere.

Acquistando il libro sul Giardino dei Libri ti assicuri IN OMAGGIO la Meditazione Guidata (file Mp3 da scaricare) registrata da Selene Calloni Williams intitolata "Evocazione delle 7 Gemme" e che potrai scaricarla e ascoltarla immediatamente dopo aver fatto l'ordine (ti arriverà una email con le istruzioni).
Le 7 Gemme sono eventi molto desiderabili che hanno a che fare con i nostri avi, il nostro destino, la missione transgenerazionale che ci siamo assunti prima della nascita. La meditazione delle 7 Gemme è un potente rituale evocativo e propiziatorio e nello stesso tempo un'esplorazione intelligente e acuta dei nostri avi e dell'influenza che essi hanno sul nostro destino.

Ikigai non può essere una semplice visione mentale, in quanto è più vasto, profondo e assoluto della mente pensante.

Lo si può solo vivere, e solo vivendolo lo si può conoscere.

Vivere il proprio Ikigai è una gioia, una continua fonte di soddisfazione, di completamento e di realizzazione.

Non perderti gli illuminanti consigli di Selene Calloni Williams sull'Ikigai, largamente impiegati da dirigenti, imprenditori, sportivi, artisti, studenti, genitori e, più in generale, da tutti coloro che sono autenticamente impegnati nel raggiungimento di risultati importanti.

Anche molti psicologi e professionisti della relazione d'aiuto adottano i suggerimenti dell'autrice per insegnare ai pazienti gli esercizi descritti nel libro "Ikigai - Ciò per cui Vale la Pena Vivere", aiutandoli così a trovare la parte più autentica di sé.

Questo libro è una guida pratica.

Non si avvale di teorie, ma suggerisce esperienze rivelatrici che ognuno può fare da solo, in piena autonomia, con molta semplicità. 

Scopri anche tu come vivere il tuo Ikigai leggendo il libro!

 


REGALO ESCLUSIVO
Lo puoi avere solo se acquisti "Ikigai - Ciò per cui vale la pena vivere"
sul Giardino dei Libri

L'Audio Mp3 di Selene Calloni Williams
Meditazione guidata: "Evocazione delle 7 Gemme"
Audio che potrai scaricare subito dopo aver acquistato il libro.

Le 7 Gemme sono eventi molto desiderabili che hanno a che fare con i nostri avi, il nostro destino, la missione transgenerazionale che ci siamo assunti prima della nascita. La meditazione delle 7 Gemme è un potente rituale evocativo e propiziatorio e nello stesso tempo un'esplorazione intelligente e acuta dei nostri avi e dell'influenza che essi hanno sul nostro destino.

 

...

I commenti sono chiusi.