Dallo studio è emerso che l’ossessione di scattarsi i selfie è un fenomeno che si divide in tre stadi: cronico, acuto e borderline

La selfite? Ebbene sì, a quanto pare esiste, ed è un vero e proprio disturbo mentale: ossia l’ossessione di scattarsi foto col cellulare – i cosidetti ‘selfie’ – e pubblicarle online sui social network.

La selfite: un vero e proprio disturbo mentale

Il termine è stato ideato nel 2014, ma solo di recente un team di psicologi della britannica Nottingham Trent University e della indiana Thiagarajar School of Management è giunto alla conclusione che si tratti di una vera e propria malattia.

Per giungere a questa conclusione – di cui è stata data notizia sull’International Journal of Mental Health and Addiction – i ricercatori hanno preso in esame un gruppo di cittadini indiani, scelti non solo perché in India vi è il più alto numero di iscritti su Facebook, ma anche perché è il Pese con più morti dovuti a selfie scattati in contesti pericolosi, fenomeno che sta affliggendo anche l’Italia, sebbene con cifre decisamente inferiori.

Ciò che è emerso è che la selfite è un fenomeno che si divide in tre stadi: cronico (ci si scatta foto 24 ore su 24, postandole più di 6 volte al giorno), acuto (ogni selfie compare immeditamente sui social) e quella borderline (si fanno autoscatti almeno 3 volte al giorno ma senza nutrire il desiderio compulsivo di pubblicarli online). Per sapere a quale stadio ci si trovi, gli scienziati hanno messo a punto un test che permette di formulare ad un’auto-diagnosi in sole 20 domande. Secondo i ricercatori le persone che soffrono di selfite hanno una scarsa autostima, sono in cerca di attenzioni, hanno bisogno di migliorare il proprio umore, tentano di aumentare la conformità col gruppo sociale in cui sono inseriti e cercano di essere socialmente competitive.

Non tutti gli studiosi, tuttavia, sono d’accordo sulla reale esistenza della selfite: secondo il parere di molti, infatti, è semplicemente l’attribuzione di un nome a conferirgli rilievo; ma che si possa parlarne in termini di patologia è decisamente eccessivo.

Fonte: http://salute.ilgiornale.it/news/26474/-selfite-selfie–fenomeno/1.html

AGENDA DELLE STREGHE - 2024 — AGENDA
di Llewellyn (libri)

Agenda delle Streghe - 2024 — Agenda

di Llewellyn (libri)

Un anno di consigli, saperi tradizionali, e astrologia per la strega saggia!

Rafforza le tue abilità magiche, stagione dopo stagione, con l’Agenda delle Streghe 2024 di Llewellyn. Questo meraviglioso strumento presenta bellissime illustrazioni della pluripremiata artista Jennifer Hewitson, oltre a tanti modi
per celebrare la Ruota dell’Anno, e alla grande saggezza di Streghe professioniste.

Usala per pianificare le celebrazioni del sabba, le magie, i riti della Luna piena, ma anche per segnare gli appuntamenti di ogni giorno: impegni di lavoro, famiglia e incombenze di ogni tipo.

Il formato è pratico e maneggevole, puoi portare la tua agenda in borsa senza occupare spazio e consultarla in ogni momento.

Al suo interno trovi infatti tante informazioni astrologiche per aiutarti a scegliere i momenti e i giorni migliori per le attività importanti e l’avvincente saggezza di streghe professioniste, tra cui:

• Riflessioni sul Sabba di Raechel Henderson
• Deliziose ricette di Gwion Raven
• Consigli magici di Elizabeth Barrette
• Unguento per il volo di Kelden
• Spuntini magici di Autumn Damiana
• Magia di primavera di Astrea Taylor
• Connessione con lo spirito della terra di Blake Octavian Blair
• Approccio all’arte magica con spirito empirico di Thorn Mooney

Questo indispensabile strumento ti offre anche:

• Una guida immediata dei giorni migliori per la semina e la raccolta
• Rituali e fasi lunari per realizzare incantesimi di successo
• Corrispondenza planetarie e cromatiche quotidiane per potenziare il tuo lavoro magico
• Calendario settimanale, per ricordare appuntamenti ed eventi speciali

Pubblicato annualmente dal 1998.

Scopri nuove idee per celebrare le stagioni sacre e al tempo stesso organizza la tua vita quotidiana con l’Agenda delle Streghe 2024.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *