Cozze, gamberi e sale marino contaminati da plastica: inchiesta choc di Altroconsumo

Sette campioni su dieci di cozze, gamberi e sale marino sono contaminati da microplastiche. È il risultato choc di un’approfondita indagine condotta da Altroconsumo, la principale associazione dei consumatori italiana, che ha collaborato con altre quattro organizzazioni simili con sede in Belgio, Spagna, Austria e Danimarca.

In tutto sono stati analizzati nei laboratori 102 campioni diversi, dei quali 38 di sale marino, 35 di cozze e 31 di gamberi: 70 di essi sono risultati contaminati. Per quanto concerne il sale, le microplastiche sono state individuate nel 39 percento dei campioni, mentre le tracce nel 29 percento; per le cozze la presenza è stata rilevata nel 40 percento dei campioni e le tracce nel 31 percento; infine, nei crostacei come gamberi, mazzancolle e scampi surgelati, le microplastiche sono state rilevate nel 34,5 percento dei campioni e le tracce nel 31 percento. C’è dunque una elevatissima probabilità di ingerire il materiale ogni volta che consumiamo questi prodotti. Ma il pericolo non arriva solo dai frutti di mare e dal sale: una recente indagine condotta dall’organizzazione non profit americana Orb Media, ad esempio, ha dimostrato che il 72 percento dei campioni di acque correnti europee risultano contaminate.
Credit: Altroconsumoin foto: Credit: Altroconsumo

Il motivo di un inquinamento così capillare è molto semplice: ogni anno produciamo 300 milioni di tonnellate di nuova plastica, e sono ben 8 milioni quelle che ogni anno finiscono in mare. Non si tratta soltanto di sacchi, posate, bottiglie, contenitori, reti da pesca, cotton fioc e un’infinità di altri rifiuti di dimensioni generose, quelli che uccidono migliaia di animali marini tra atroci sofferenze. A contaminare il mare c’è infatti anche la plastica microscopica, che viene rilasciata dalle fibre dei tessuti, dall’abrasione degli pneumatici, dai detersivi e cosmetici in cui viene aggiunta, dalle vernici e da moltissimi altri prodotti. Ne è infestata anche l’aria che respiriamo. Dunque non c’è da stupirsi delle drammatiche percentuali emerse dall’indagine di Altroconsumo.

Non è un caso che il tema dell’inquinamento da plastica sia diventato il fulcro delle recenti giornate mondiali dell’ambiente e degli oceani. Fortunatamente le istituzioni, le aziende e altre organizzazioni hanno iniziato a muoversi per provare a rimediare ai danni fatti fino ad oggi, promuovendo divieti soprattutto contro i prodotti usa e getta, come quello proposto dalla Commissione europea verso piatti, posate, cannucce e altro ancora.

[Credit: meineresterampe]

Fonte: https://scienze.fanpage.it/cozze-gamberi-e-sale-marino-contaminati-da-plastica-inchiesta-choc-di-altroconsumo/

LA SCELTA ANTITUMORE —
Prevenzione, terapia farmacologica e stile di vita
di Giuseppe Di Bella

La Scelta Antitumore —

Prevenzione, terapia farmacologica e stile di vita

di Giuseppe Di Bella

Un libro indispensabile per saperne di più sul Metodo Di Bella, un valido metodo scientifico osteggiato dal sistema.

La multiterapia dei tumori ideata da Di Bella riscuote ampi e autorevoli riconoscimenti internazionali con innumerevoli testimonianze dei miglioramenti dei malati

Il dott Giuseppe Di Bella, che continua da anni il lavoro del padre, mostra in che cosa consista oggi la terapia e quali sono i risultati concreti supportati da una documentatissima letteratura scientifica.

In queste pagine scoprirai:

  • cos’è la multiterapia dei tumori;
  • qual è realmente l’importanza dell’alimentazione e dell’ambiente per la prevenzione e la cura;
  • quali sono gli agenti cancerogeni interni all’organismo e quali quelli esterni, che possono essere pericolosi per la nostra salute.
  • le possibilità concrete di abbattere l’incidenza, contrastare l’insorgenza e la progressione del tumore. 

L’intento è quello di aiutare a districarti tra le informazioni frammentarie o ambigue utili a identificare le possibili cause, prevenire o guarire dalla malattia.

 Nel 1996 dopo gli esiti positivi del Metodo Di Bella si arrivò alla nota sperimentazione e al suo fallimento. Ma la falsificazione della sperimentazione, viziata da anomalie e irregolarità che qui vengono documentate, non ha però portato alla delegittimazione del Metodo stesso che è e rimarrà un documentato atto di accusa contro la dittatura terapeutica. I benefici della multiterapia infatti sono avvalorati da un crescente numero di conferme sulle banche dati medico scientifiche internazionali.

I contenuti extra

  • L'efficacia della prevenzione e multiterapia per i tumori: videointerviste con l'autore
  • Schede e approfondimenti sulla multiterapia: documenti in PDF
  • La correlazione tra stile di vita, alimentazione e tumori: audio con interventi dell'autore
...

I commenti sono chiusi.