Covid, Slovacchia: test a tutta la popolazione

Il primo ministro slovacco Igor Matovic ha annunciato oggi che l’intera popolazione verrà sottoposta al test del coronavirus durante i prossimi tre fine settimana. Per questa operazione verranno approntati 5.997 centri dedicati.

Si partirà dai distretti di Tvrdosin, Namestovo, Dolny Kubi e Bardejov, zone con la maggior incidenza di contagio. I test saranno gratuiti, ma non è chiaro se saranno obbligatori. Maggiori dettagli sull’operazione, che vedrà anche la mobilitazione di polizia ed esercito, verranno divulgati dopo una riunione di governo convocata per domani. La Slovacchia conta circa 5,5 milioni di abitanti, ma il test non verrà effettuato sui minori di dieci anni.

Fonte: https://www.imolaoggi.it/2020/10/17/covid-slovacchia-test-a-tutta-la-popolazione/

V-19
di Massimo Citro

V-19

di Massimo Citro

Siamo vittime di un'abile strategia di linguaggio.

La verità sul CoViD-19 in un dialogo veloce, essenziale e d'immediata comprensione, nel quale l'autore Massimo Citro replica a tutte quelle domande a cui non è mai stato possibile rispondere nei salotti massmediatici.

Una denuncia per crimini contro l'umanità, strage, omicidio, lesioni personali, omissione di soccorso, epidemia dolosa, truffa e violenza privata.

Un'accusa verso chi ha costruito il SARS-CoV-2 e lo ha sparso, al fine di creare un'epidemia mondiale, la cui isterica drammatizzazione giustificasse la violenza, le violazioni del diritto, le discriminazioni, la necessità di un vaccino che non lo era.

Un biasimo colposo, per aver abbandonato gli infettati lasciandoli morire, quando le cure esistevano ed erano in letteratura medica da diciassette anni. Un j'accuse per aver spacciato come "vaccini" quelli che in realtà sono farmaci sperimentali, il cui antigene non è stato attenuato né reso incapace di nuocere.

Per questo non sono classificabili come vaccini ma armi biologiche: non-vaccini e, quindi, no-vax. Così come si dovrebbe parlare di "Malattia da Spike" (Spike Disease o SPID), la cui forma acuta è stata la CoViD-19 e la cronica sono le long e post-covid virali e "vaccinali" e i danni da "vaccini".

I responsabili e i loro fiancheggiatori dovranno rendere conto di questi crimini in tribunale e all'umanità intera.

Sei milioni di morti e centinaia di milioni di danneggiati dal virus, ai quali si aggiungono le vittime della tossina spacciata per vaccino, reclamano l'undici marzo (dichiarazione della "pandemia") come Giorno della Memoria del Secondo Olocausto.

...

I commenti sono chiusi.