Covid: indagati Mattarella, Conte, Speranza, vari Ministri e direttori di giornali

Magistrato indaga i vertici dello Stato in carica nel 2020 per i provvedimenti in ambito Covid.

In data 16 giugno 2020 è stata fatta una denuncia per “sospensioni dei diritti costituzionali”. Secondo la documentazione pervenuta a “La PekoraNera”, in seguito riportata, si evince che il pubblico ministero intende proseguire le indagini.

Gli indagati: il Presidente Sergio Mattarella, Giuseppe Conte, Roberto Speranza, Roberto Gualtieri, Alfonso Bonafede, Luca Zaia, Attilio Fontana, i sindaci dei Comuni interessati alle violazioni indicate in denuncia, i Prefetti delle provincie interessate alla sospensione dei diritti costituzionali, il Capo della Polizia Franco Gabrielli, i direttori responsabili delle testate giornalistiche, radiofoniche e televisive, quanti altri risultassero coinvolti.

Le indagini riguarderebbero i reati Artt,

294 del codice penale (attentati contro i diritti politici dei cittadini),

323 codice penale (abuso d’ufficio),

331 codice penale (interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità),

414 codice penale (istigazione a delinquere),

421 codice penale (pubblica intimidazione),

476 codice penale (falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici),

477 codice penale (falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in certificazioni o autorizzazioni amministrative),

479 codice penale (falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici),

480 codice penale (falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in certificazioni o autorizzazioni amministrative),

595 codice penale (diffamazione di istituzioni di Stato estero), (danno erariale),

656 codice penale (pubblicazione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine),

658 codice penale (procurato allarme presso l’autorità),

661 codice penale (abuso della credulità popolare).

Fonte: https://www.lapekoranera.it/2021/10/24/sensazionale-covid-indagati-mattarella-conte-speranza-vari-ministri-e-direttori-di-giornali/

IL VILLAGGIO DEI MONACI SENZA TEMPO
Le cinque consapevolezze
di Corrado Debiasi

Il Villaggio dei Monaci Senza Tempo

Le cinque consapevolezze

di Corrado Debiasi

Se ne sei consapevole, ogni esperienza nella vita è una benedizione, ogni errore una lezione, ogni sofferenza una crescita, ogni ostacolo un'opportunità. La saggezza sta nel riconoscerli e nel farne buon uso...

Sono trascorsi alcuni anni da quando Kripala ha compiuto in India il viaggio iniziatico che gli ha cambiato la vita. Ora è il momento di tornarvi: per affidare al Gange l'ultimo ricordo della sua amata venuta a mancare e per ritrovare il suo maestro, Tatanji, e con lui - spera - un po' di serenità. Tuttavia, quando raggiunge l'ashram, ad accoglierlo sono il disordine e il vuoto. Non c'è alcuna traccia dell'anziano monaco.

Ciò che resta di lui sono una gattina grigia dagli occhi blu, Shakti, e un vecchio taccuino. Ed è proprio con questi che Kripala riprenderà il cammino, alla ricerca di un luogo che gli è apparso in sogno, una destinazione mitica di cui nessuno conosce esattamente la strada ma a cui in tanti ambiscono ad arrivare: «il villaggio dei monaci senza tempo». Lì è nato Tatanji, lì vivono maestri che custodiscono segreti millenari.

Sarà un'avventura irta di ostacoli, ma anche costellata di incontri con anime speciali che lo aiuteranno a elevare la propria coscienza. Perché soltanto acquisendo nuove consapevolezze e una diversa percezione della realtà potrà riconoscere il villaggio: non a tutti è dato vederlo, solo alle menti capaci di cogliere le infinite connessioni che uniscono tutti gli esseri viventi e di aprirsi all'amore che abbraccia ogni cosa. Sarà un viaggio alla scoperta di sé, del senso più profondo della vita e della sua molteplice bellezza.

Dopo il bestseller "Il Monaco che Amava i Gatti", che ha toccato i cuori di migliaia di lettori e lettrici, Corrado Debiasi ci regala una nuova storia che è fonte di ispirazione e di pace per l'anima.

Estratto dal libro

Non sappiamo nulla di ciò che il destino ha in serbo per noi. Non sappiamo nulla del domani. Non sappiamo nulla di quello che può capitarci da un momento all'altro.

Possiamo progettare tutto, fin nei minimi particolari, matrimoni, vacanze, lavori, uscite con amici, feste. Eppure, in un attimo, tutto può cambiare. In un attimo, tutti i nostri progetti possono svanire. In un attimo, tutto può scomparire. Ma, se Dio vuole, tutto può tornare a rinascere, tutto può tornare a fiorire.

Come il sole risorge sempre anche dopo la notte più oscura, così tutto tornerà a risplendere di nuovo. Perché la vita è meraviglia, e sempre lo sarà.

...

I commenti sono chiusi.