Così l’adolescente può cambiare sesso

Ieri sul quotidiano La Verità è uscita una notizia bomba. L’Aifa ha inserito nel prontuario italiano un farmaco per bambini e adolescenti che desiderano cambiare sesso. Buon senso (e mestiere) ci dicono che un articolo simile, per importanza, responsabilità e conseguenze, avrebbe dovuto essere rilanciato con enfasi. Subito dalle agenzie e dai telegiornali, e, il giorno dopo, dai quotidiani concorrenti. Invece, niente.

Per questo ringraziamo la collega Marianna Baroli e vi riportiamo quanto da lei sostenuto e confermato da Aifa.

Il farmaco diventato adatto ai “gender variant”, agli incerti sul sesso  – giovanissimi peraltro – è la triptorelina. Si somministra sottocute e blocca l’attività ormonale. È stato testato per alcuni tumori di prostata e mammella, per il trattamento di endometriosi e fibromi uterini e ora, su richiesta di alcune Società scientifiche (Endocrinologia, Andrologia e medicina della sessualità, Endocrinologia e diabetologia pediatrica) e dall’Osservatorio nazionale sull’Identità di genere, ne è consentita l’estensione “per bloccare la pubertà a fini curativi in pazienti affetti da disforia di genere”.

Aifa ha precisato che il provvedimento “non è ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale” e che “dopo tre sedute della Commissione tecnico scientifiche, avvenute in febbraio, è stato espresso parere favorevole all’uso off label”. Indispensabili saranno una diagnosi di disforia di genere fatta dall’esperto di salute mentale, l’aver raggiunto un certo sviluppo puberale, la “stabilizzazione di eventuali psicopatologie associate” e il consenso informato del genitore.

Lo scorso dicembre la giornalista de La Verità ha visitato l’ospedale pubblico di Londra (Tavistock e Portman Nhs foundation clinic) in cui i bambini vengono curati per cambiare sesso (dai 4 agli 8 anni!) e osservato che la triptorelina è impiegata in età preburale su quei bimbi che manifestano “i sintomi della disforia di genere”.

Scrive la Baroli: “…la disforia di genere è catalogata fra i disturbi mentali secondo cui viene definito transessuale solo chi non ha un’ulteriore patologia associata. Ovvero chi non è affetto da un ulteriore disturbo mentale. Sulla base di quanto descritto dal manuale dei disturbi mentali e sull’effettiva comparsa della triptorelina tra i medicinali dedicati al cambio di sesso, si può ipotizzare che in un futuro non troppo lontano, anche in Italia, ospedali e medici inizieranno a trattare apertamente i casi di disforia di genere con medicinali e accompagneranno i bambini affetti da questo disturbo verso l’altro sesso. Il tutto in nome di un cruciale intervento precoce volto a limitare possibili atti di bullismo omotransfobico e di isolamento sociale. Secondo il team di medici che ha chiesto all’Aifa il riconoscimento della triptorelina come medicinale gender variant, la sospensione della pubertà con l’ausilio di questo farmaco sembra essere l’unico strumento efficace nel prevenire quei cambiamenti corporei che scatenano l’acuirsi della sofferenza”.

In Italia l’associazione Amigay ha chiesto la somministrazione del farmaco completamente gratuita perché “il pagamento conduce al rischio di indurre alla prostituzione o ad altre degradanti mansioni criminali”.

Ragioniamo su cosa sia criminale.

Chiediamoci: se andiamo a raccontare a un bimbo che il sesso si può scegliere come un paio di scarpe lo aiutiamo o lo confondiamo? Ho chiesto alle figlie e ai loro amici diciottenni – premetto tutti favorevoli alle coppie gay e tutti propensi a considerare l’omosessualità un’inclinazione diversa e naturale, quindi non malattia – cosa avrebbero pensato se durante l’infanzia gli fosse stato spiegato che il “sesso si può scegliere”. La risposta corale è stata: “Mi avrebbe creato confusione”.

Secondo aspetto. Finora il farmaco è stato usato su adulti malati di tumore o con disfunzioni ormonali, oltre che per la pubertà precoce ma che studi sono stati fatti su bambini e adolescenti?

Terza considerazione. Un bambino in crescita ha bisogno dell’impulso ormonale anche per capire chi è, bloccare questo sviluppo potrebbe alimentare la confusione, non chiarirla. Come si fa a escludere che lo stato di incertezza in cui si trova un ragazzino non dipenda da situazioni familiari e sociali?

Infine: bloccando la pubertà non si favorisce una scelta ma si ATTUA una scelta, della quale ci si potrebbe pentire.

Fonte: http://blog.ilgiornale.it/locati/2018/03/29/cosi-ladolescente-puo-cambiare-sesso/

CEREALI ANTICHI E MODERNI
Perché può salvarti la vita conoscere le varietà della farina che mangi
di Monia Caramma

Cereali Antichi e Moderni

Perché può salvarti la vita conoscere le varietà della farina che mangi

di Monia Caramma

Da alcuni anni il tema dei cereali antichi e moderni è tra i più discussi in ambito alimentare, non solo in termini di salute e benessere ma anche di libero scambio delle sementi. Sostenute dalla politica, varie associazioni di categoria hanno deviato l’attenzione sulla provenienza delle farine e delle granaglie, creando la convinzione che questa sia più importante della varietà.

In sostanza sostengono che una farina di grano moderno italiano è da preferire ad una equivalente proveniente da un’altra nazione: in questo modo gli effetti negativi dei prodotti lievitati o della pasta si legano ai pesticidi e non alla varietà. Non viene esplicitato che, a parità di residui di sostanze chimiche o della loro assenza, non c’è alcuna differenza tra uno Svevo (frumento duro ad alto tenore di proteine) di provenienza nazionale, europea o extra UE.

Questa è solo una delle tante questioni affrontate in questo libro che illustra con chiarezza come distinguere i veri grani antichi dai moderni e quanto sia farraginosa la linea che li separa perché priva di fondamento scientifico.

Attraverso un esaustivo excursus storico e passando per le strategie di marketing che mascherano spesso e volentieri la verità dei fatti, si fa finalmente luce su questi argomenti e si offre un’informazione corretta ai consumatori attenti all’alimentazione e soprattutto alla propria salute.

...

I commenti sono chiusi.