Così l’adolescente può cambiare sesso

Ieri sul quotidiano La Verità è uscita una notizia bomba. L’Aifa ha inserito nel prontuario italiano un farmaco per bambini e adolescenti che desiderano cambiare sesso. Buon senso (e mestiere) ci dicono che un articolo simile, per importanza, responsabilità e conseguenze, avrebbe dovuto essere rilanciato con enfasi. Subito dalle agenzie e dai telegiornali, e, il giorno dopo, dai quotidiani concorrenti. Invece, niente.

Per questo ringraziamo la collega Marianna Baroli e vi riportiamo quanto da lei sostenuto e confermato da Aifa.

Il farmaco diventato adatto ai “gender variant”, agli incerti sul sesso  – giovanissimi peraltro – è la triptorelina. Si somministra sottocute e blocca l’attività ormonale. È stato testato per alcuni tumori di prostata e mammella, per il trattamento di endometriosi e fibromi uterini e ora, su richiesta di alcune Società scientifiche (Endocrinologia, Andrologia e medicina della sessualità, Endocrinologia e diabetologia pediatrica) e dall’Osservatorio nazionale sull’Identità di genere, ne è consentita l’estensione “per bloccare la pubertà a fini curativi in pazienti affetti da disforia di genere”.

Aifa ha precisato che il provvedimento “non è ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale” e che “dopo tre sedute della Commissione tecnico scientifiche, avvenute in febbraio, è stato espresso parere favorevole all’uso off label”. Indispensabili saranno una diagnosi di disforia di genere fatta dall’esperto di salute mentale, l’aver raggiunto un certo sviluppo puberale, la “stabilizzazione di eventuali psicopatologie associate” e il consenso informato del genitore.

Lo scorso dicembre la giornalista de La Verità ha visitato l’ospedale pubblico di Londra (Tavistock e Portman Nhs foundation clinic) in cui i bambini vengono curati per cambiare sesso (dai 4 agli 8 anni!) e osservato che la triptorelina è impiegata in età preburale su quei bimbi che manifestano “i sintomi della disforia di genere”.

Scrive la Baroli: “…la disforia di genere è catalogata fra i disturbi mentali secondo cui viene definito transessuale solo chi non ha un’ulteriore patologia associata. Ovvero chi non è affetto da un ulteriore disturbo mentale. Sulla base di quanto descritto dal manuale dei disturbi mentali e sull’effettiva comparsa della triptorelina tra i medicinali dedicati al cambio di sesso, si può ipotizzare che in un futuro non troppo lontano, anche in Italia, ospedali e medici inizieranno a trattare apertamente i casi di disforia di genere con medicinali e accompagneranno i bambini affetti da questo disturbo verso l’altro sesso. Il tutto in nome di un cruciale intervento precoce volto a limitare possibili atti di bullismo omotransfobico e di isolamento sociale. Secondo il team di medici che ha chiesto all’Aifa il riconoscimento della triptorelina come medicinale gender variant, la sospensione della pubertà con l’ausilio di questo farmaco sembra essere l’unico strumento efficace nel prevenire quei cambiamenti corporei che scatenano l’acuirsi della sofferenza”.

In Italia l’associazione Amigay ha chiesto la somministrazione del farmaco completamente gratuita perché “il pagamento conduce al rischio di indurre alla prostituzione o ad altre degradanti mansioni criminali”.

Ragioniamo su cosa sia criminale.

Chiediamoci: se andiamo a raccontare a un bimbo che il sesso si può scegliere come un paio di scarpe lo aiutiamo o lo confondiamo? Ho chiesto alle figlie e ai loro amici diciottenni – premetto tutti favorevoli alle coppie gay e tutti propensi a considerare l’omosessualità un’inclinazione diversa e naturale, quindi non malattia – cosa avrebbero pensato se durante l’infanzia gli fosse stato spiegato che il “sesso si può scegliere”. La risposta corale è stata: “Mi avrebbe creato confusione”.

Secondo aspetto. Finora il farmaco è stato usato su adulti malati di tumore o con disfunzioni ormonali, oltre che per la pubertà precoce ma che studi sono stati fatti su bambini e adolescenti?

Terza considerazione. Un bambino in crescita ha bisogno dell’impulso ormonale anche per capire chi è, bloccare questo sviluppo potrebbe alimentare la confusione, non chiarirla. Come si fa a escludere che lo stato di incertezza in cui si trova un ragazzino non dipenda da situazioni familiari e sociali?

Infine: bloccando la pubertà non si favorisce una scelta ma si ATTUA una scelta, della quale ci si potrebbe pentire.

Fonte: http://blog.ilgiornale.it/locati/2018/03/29/cosi-ladolescente-puo-cambiare-sesso/

IL GRANDE DIZIONARIO DELLA METAMEDICINA
Guarire interpretando i messaggi del corpo - Nuova edizione aggiornata
di Claudia Rainville

Il Grande Dizionario della Metamedicina

Guarire interpretando i messaggi del corpo - Nuova edizione aggiornata

di Claudia Rainville

Dall’autrice bestseller Claudia Rainville, un testo rivoluzionario nel campo dell’autoguarigione.

Scopri le chiavi dell’autoguarigione utilizzate nell’ambito della Metamedicina: ognuno di noi può diventare medico di se stesso e aiutare gli altri a guarire.

Da trent’anni di ricerche nasce questo dizionario, oggi nella sua versione aggiornata e ampliata, sulle cause psicosomatiche di diversi disturbi e malattie.

La Metamedicina vuole essere una medicina compassionevole, che va al di là di ciò che è cosciente per scoprire e comprendere le origini della malattia, del dolore e del disagio che manifestiamo nella nostra vita e risvegliare le coscienze.

Con questo libro l’autrice si propone di aiutare medici, infermieri e terapeuti a meglio comprendere le patologie di cui soffrono i loro pazienti, guidandoli alla guarigione e può essere considerato un riferimento assoluto per quanto riguarda la medicina allopatica, olistica, dolce o alternativa.

Che cosa vuole dirci il nostro corpo?

Ogni sintomo è un messaggio per noi e con questo libro scoprirai:

  • Che cos’è la Metamedicina
  • Il segreto dell’autoguarigione
  • Le origini e le cause psicosomatiche di centinaia di malattie

Dalla quarta di copertina

La metamedicina può essere considerata, più che una disciplina o un metodo di guarigione, una vera e propria filosofia di vita.

Come suggerito dalla parola (in greco ''meta' vuol dire al di là), giunge laddove la medicina tradizionale non riesce ad arrivare con le sue cure scientifiche.

Contro il mal di testa, il mal di schiena, un dolore muscolare, un'infiammazione qualsiasi, la medicina allopatica utilizza soltanto farmaci. La metamedicina, invece, fa sì che la persona collabori alla sua guarigione in maniera attiva e, con l'aiuto di un operatore esperto, risalga alle cause psichiche di tanti malesseri. Persino un semplice mal di schiena, infatti, può essere dovuto alle tensioni accumulate, allo stress, alle preoccupazioni; e sicuramente i farmaci, anche se attenuano il dolore, non eliminano a fondo il problema.

Ciò non significa che la metamedicina debba sostituirsi alla medicina scientifica ma, lavorando insieme, esse potrebbero compensarsi a vicenda e provvedere a una guarigione completa e duratura.

...

I commenti sono chiusi.