Così l’adolescente può cambiare sesso

Ieri sul quotidiano La Verità è uscita una notizia bomba. L’Aifa ha inserito nel prontuario italiano un farmaco per bambini e adolescenti che desiderano cambiare sesso. Buon senso (e mestiere) ci dicono che un articolo simile, per importanza, responsabilità e conseguenze, avrebbe dovuto essere rilanciato con enfasi. Subito dalle agenzie e dai telegiornali, e, il giorno dopo, dai quotidiani concorrenti. Invece, niente.

Per questo ringraziamo la collega Marianna Baroli e vi riportiamo quanto da lei sostenuto e confermato da Aifa.

Il farmaco diventato adatto ai “gender variant”, agli incerti sul sesso  – giovanissimi peraltro – è la triptorelina. Si somministra sottocute e blocca l’attività ormonale. È stato testato per alcuni tumori di prostata e mammella, per il trattamento di endometriosi e fibromi uterini e ora, su richiesta di alcune Società scientifiche (Endocrinologia, Andrologia e medicina della sessualità, Endocrinologia e diabetologia pediatrica) e dall’Osservatorio nazionale sull’Identità di genere, ne è consentita l’estensione “per bloccare la pubertà a fini curativi in pazienti affetti da disforia di genere”.

Aifa ha precisato che il provvedimento “non è ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale” e che “dopo tre sedute della Commissione tecnico scientifiche, avvenute in febbraio, è stato espresso parere favorevole all’uso off label”. Indispensabili saranno una diagnosi di disforia di genere fatta dall’esperto di salute mentale, l’aver raggiunto un certo sviluppo puberale, la “stabilizzazione di eventuali psicopatologie associate” e il consenso informato del genitore.

Lo scorso dicembre la giornalista de La Verità ha visitato l’ospedale pubblico di Londra (Tavistock e Portman Nhs foundation clinic) in cui i bambini vengono curati per cambiare sesso (dai 4 agli 8 anni!) e osservato che la triptorelina è impiegata in età preburale su quei bimbi che manifestano “i sintomi della disforia di genere”.

Scrive la Baroli: “…la disforia di genere è catalogata fra i disturbi mentali secondo cui viene definito transessuale solo chi non ha un’ulteriore patologia associata. Ovvero chi non è affetto da un ulteriore disturbo mentale. Sulla base di quanto descritto dal manuale dei disturbi mentali e sull’effettiva comparsa della triptorelina tra i medicinali dedicati al cambio di sesso, si può ipotizzare che in un futuro non troppo lontano, anche in Italia, ospedali e medici inizieranno a trattare apertamente i casi di disforia di genere con medicinali e accompagneranno i bambini affetti da questo disturbo verso l’altro sesso. Il tutto in nome di un cruciale intervento precoce volto a limitare possibili atti di bullismo omotransfobico e di isolamento sociale. Secondo il team di medici che ha chiesto all’Aifa il riconoscimento della triptorelina come medicinale gender variant, la sospensione della pubertà con l’ausilio di questo farmaco sembra essere l’unico strumento efficace nel prevenire quei cambiamenti corporei che scatenano l’acuirsi della sofferenza”.

In Italia l’associazione Amigay ha chiesto la somministrazione del farmaco completamente gratuita perché “il pagamento conduce al rischio di indurre alla prostituzione o ad altre degradanti mansioni criminali”.

Ragioniamo su cosa sia criminale.

Chiediamoci: se andiamo a raccontare a un bimbo che il sesso si può scegliere come un paio di scarpe lo aiutiamo o lo confondiamo? Ho chiesto alle figlie e ai loro amici diciottenni – premetto tutti favorevoli alle coppie gay e tutti propensi a considerare l’omosessualità un’inclinazione diversa e naturale, quindi non malattia – cosa avrebbero pensato se durante l’infanzia gli fosse stato spiegato che il “sesso si può scegliere”. La risposta corale è stata: “Mi avrebbe creato confusione”.

Secondo aspetto. Finora il farmaco è stato usato su adulti malati di tumore o con disfunzioni ormonali, oltre che per la pubertà precoce ma che studi sono stati fatti su bambini e adolescenti?

Terza considerazione. Un bambino in crescita ha bisogno dell’impulso ormonale anche per capire chi è, bloccare questo sviluppo potrebbe alimentare la confusione, non chiarirla. Come si fa a escludere che lo stato di incertezza in cui si trova un ragazzino non dipenda da situazioni familiari e sociali?

Infine: bloccando la pubertà non si favorisce una scelta ma si ATTUA una scelta, della quale ci si potrebbe pentire.

Fonte: http://blog.ilgiornale.it/locati/2018/03/29/cosi-ladolescente-puo-cambiare-sesso/

ABBONDANZA MIRACOLOSA
1000 mq, due contadini e abbastanza cibo per sfamare il mondo
di Charles Hervé-Gruyer, Perrine Hervé-Gruyer

Abbondanza Miracolosa

1000 mq, due contadini e abbastanza cibo per sfamare il mondo

di Charles Hervé-Gruyer, Perrine Hervé-Gruyer

Una storia che scalda il cuore, infonde ispirazione in chi è alla ricerca di un cambiamento e dà speranza a coloro che vedono un futuro sempre più grigio all'orizzonte.

Ma chi sono Charles e Perrine? E cosa hanno fatto di così tanto speciale?

Nel 2006 hanno fondato la fattoria biologica La Ferme du Bec Hellouin, in Normandia, e hanno deciso di diventare agricoltori, vivendo di quello che avrebbero prodotto e venduto. Fin qui nulla di eccezionale, se non fosse che nessuno dei due aveva una formazione in agricoltura: Charles, infatti, era stato per anni un marinaio e ricercatore, mentre Perrine era un avvocato.

Dopo diverse difficoltà iniziali, il loro progetto è decollato grazie alla permacultura. Creano bancali rialzati in cui coltivare gli ortaggi, un orto sinergico a forma di Mandala, dei terrazzamenti, una forest garden e molto altro!

I risultati che ottengono sono eccezionali!

Oggi la loro fattoria, aperta anche al pubblico con diverse centinaia di visitatori all'anno, conta più di 500 varietà di alberi da frutta, un centinaio di arbusti da bacche, numerose varietà di verdure ed erbe, nonché un'invidiabile diversità di animali, insetti e uccelli!

Il successo di Charles e Perrine ci fa capire che è possibile costruire, vivere e lavorare in un posto meraviglioso superando tutte le problematiche del mondo odierno: l'alterazione degli equilibri ambientali, l'esclusione sociale, lo sfruttamento senza limiti delle risorse naturali, la ricerca spietata e disumanizzante del profitto e l'aumento delle disuguaglianze.

...

I commenti sono chiusi.